Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Analisi dei fabbisogni formativi nel settore edilizio

Il cuore di questa tesi è l’Analisi dei Fabbisogni Formativi nel Settore Edile ritenuto un tema centrale nello scenario di riconfigurazione del mercato delle costruzioni.
Per studiare il problema dell’Analisi dei fabbisogni formativi si è proceduto per gradi di approfondimento, dal generale (lo studio delle caratteristiche specifiche del settore delle costruzioni e della sua evoluzione) allo specifico (indagine sul campo riguardo le modalità operative di Analisi dei fabbisogni formativi e progettazione e analisi critica di nuovo questionario).

Mostra/Nascondi contenuto.
6 INTRODUZIONE i) Premessa Il cuore di questa tesi è l‟Analisi dei Fabbisogni Formativi nel Settore Edile ritenuto un tema centrale nello scenario di riconfigurazione del mercato delle costruzioni. Il settore edile, oggetto del mio studio, si caratterizza per nanismo dimensionale, scarsa capacità di innovazione tecnologica, difficoltà di gestione moderna e strategica delle imprese e punta, troppo spesso, sulla sola riduzione dei costi del personale e degli approvvigionamenti. Alcune di queste peculiarità proprie, che lo contraddistinguono fortemente dall‟industria in senso stretto, si sono accentuate nel corso del 2010 che è stato un anno molto difficile, caratterizzato da cali rilevanti di attività per la maggior parte delle imprese, con conseguente diminuzione dell‟occupazione. Dopo un anno terribile, il 2009, l‟anno passato ha aggravato la situazione e la fine della crisi non sembra ancora all‟orizzonte. Da sempre il sistema bilaterale delle costruzioni costituisce un riferimento per imprese e lavoratori e la formazione un‟opportunità che nei momenti di difficoltà può realmente costituire un investimento prezioso. Anche nel 2010 è risultata consistente l‟attività destinata alla formazione professionale sia d‟ingresso che continua (oltre 116.000 tra operai e tecnici hanno frequentato almeno un corso in una delle 100 scuole edili sparse sul territorio nazionale) confermando la sua funzione anticongiunturale . Puntare alla qualificazione del comparto edile creando capacità manageriali superiori, sistemi professionali stabili, competenze di livello più elevato, attraverso la formazione significa progettare interventi formativi coerenti con le effettive esigenze delle imprese. Da qui la scelta di condurre un‟Analisi sui fabbisogni professionali per l‟edilizia che aiuti a inquadrare l‟offerta formativa in una logica di risposta a tali fabbisogni.

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Ingegneria

Autore: Alessandra Izzo Contatta »

Composta da 241 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 992 click dal 06/02/2012.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.