Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La Misurazione degli Oneri Amministrativi nelle Politiche di Semplificazione

In un’epoca in cui i governi dei vari Stati sono sempre più impegnati a risolvere questioni di debito e di risparmio, molta importanza assumono le cosiddette politiche di semplificazione. Termine che sta a significare la procedura di individuazione delle cause che comportano, per lo Stato e per i privati, una situazione di inefficienza, con lo scopo di eliminarle, attraverso, appunto, delle semplificazioni nelle norme, nelle procedure o nelle strutture.
Semplificare significa introdurre elementi di chiarezza e sistematicità nell’ordinamento, intervenire sulla quantità delle leggi ma anche contribuire alla qualità della regolazione e alla competitività e allo sviluppo del Paese.
La misurazione degli oneri amministrativi rappresenta una delle novità più rilevanti nel panorama internazionale e comunitario delle politiche di semplificazione e miglioramento della qualità della regolazione.
In Europa molti Paesi si sono mossi in questa direzione e hanno già completato la misurazione: in primis l’Olanda, dove è stato anche inventato il modello di misurazione SCM, acronimo di Standard Cost Model, e il Regno Unito.
L’Italia a partire dal 2008 ha messo a regime la misurazione e la riduzione degli oneri amministrativi, prevedendone il completamento entro il 2012.

Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione In un’epoca in cui i governi dei vari Stati sono sempre più impegnati a risolve- re questioni di debito e di risparmio, molta importanza assumono le cosiddette politiche di semplificazione. Termine che sta a significare la procedura di indivi- duazione delle cause che comportano, per lo Stato e per i privati, una situazione di inefficienza, con lo scopo di eliminarle, attraverso, appunto, delle semplifi- cazioni nelle norme, nelle procedure o nelle strutture. Semplificare significa introdurre elementi di chiarezza e sistematicità nell’ordinamento, intervenire sulla quantità delle leggi ma anche contribuire alla qualità della regolazione e alla competitività e allo sviluppo del Paese. Un fattore fondamentale della crescita dell’economia di un Paese è rappre- sentato dalla crescita e sviluppo delle imprese al suo interno. Crescita spesso ostacolata, o comunque rallentata, da una serie di costi a cui le imprese ven- gono sottoposte e che non riguardano direttamente il loro processo produttivo quanto invece norme imposte dalla Pubblica Amministrazione. In questo senso, tra i vari campi delle politiche di semplificazione, si tro- va, appunto, la misurazione di questi costi, detti “oneri amministrativi” per poter successivamente apportarne una riduzione anche attraverso una miglio- re regolazione normativa, che in inglese viene chiamata col termine Better Regulation. La misurazione degli oneri amministrativi rappresenta una delle novità più rilevanti nel panorama internazionale e comunitario delle politiche di sempli- ficazione e miglioramento della qualità della regolazione. Gli oneri ammini- 1

Laurea liv.I

Facoltà: Economia

Autore: Antonio Clemente Contatta »

Composta da 52 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 600 click dal 02/02/2012.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.