Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il piccolo principe tra lingue europee e dialetto

L'argomento inziale è "Il Piccolo Principe" di Antoine de Saint- Exupéry, l'analisi del testo e delle sue caratteristiche, con riferimenti alla biografia dell'autore e alle altre opere che ha scritto. Dopo di che si passa ad analizzare la versione italiana del testo, la cui traduzione risale al 1949, e la versione in dialetto milanese "El Princip Piscinin" confrontata a quella francese (edizione originale), per evidenziare quali tematiche e quali stili prevalgono. Segue un'analisi dell'importanza pedagogica che può avere la lettura in dialetto.

Mostra/Nascondi contenuto.
5 INTRODUZIONE Il Piccolo Principe è uno dei libri maggiormente conosciuti al mondo, può vantare traduzioni in moltissimi tra idiomi nazionali e dialetti. Prima di iniziare a lavorare a questo elaborato non ero a conoscenza del fatto che esistessero delle edizioni in vernacolo, e questo ha colpito la mia attenzione. Ho iniziato a documentarmi e a raccogliere il materiale sono rimasta stupita dall’esistenza di una grande quantità di versioni nei vari dialetti italiani, oltre che di altre nazioni. D’altra parte, però, non vi è molto di cui stupirsi: Il Piccolo Principe è una lettura che parla, attraverso semplici metafore e simboli, di temi che trattano le profondità dell’animo umano, giungendo alla sua stessa ontologia. Moltissime persone poi, sono profondamente legate al dialetto, e lo amano più della lingua che ufficialmente si parla nella loro nazione. Il motivo principale che mi ha spinta a voler trattare la tematica del dialetto è l’importanza e il valore che esso ha per me. Nella mia famiglia, infatti, quasi tutti parlano in dialetto e io sono una dei pochissimi tra i ragazzi e le ragazze della mia età che conoscono il laghee 1 , il dialetto della mia zona, di Lecco, e lo sa parlare correttamente. Questo perché ho trascorso parecchio tempo nella mia infanzia con i nonni e zii che in famiglia parlavano e parlano tutt’ora prevalentemente in dialetto, e così ho imparato da bambina questa lingua sentendo loro parlare. Fin dalle elementari ricordo che quando parlavo dialetto sembrava strano a tutti, era insolito sentire una bimba che sapeva esprimersi in un modo che era ritenuto proprio delle persone di mezza età e degli anziani. Parlare in dialetto non mi ha ovviamente impedito di imparare a parlare e scrivere correttamente in lingua italiana, ma mi è sempre rimasto nel cuore, e tutt’ora quando parlo con i miei nonni o con altri famigliari utilizzo il dialetto perché è una parte di me, di ciò che sono: le mie origini. Molto spesso la parlata dialettale è considerata “volgare”, sintomo di ineleganza e ignoranza; ma non ci si deve fermare alle apparenze: conoscere il dialetto è una ricchezza culturale, ed è affascinante a mio parere conoscere una lingua che è propria e caratteristica ed espressione di un solo luogo. 1 Il laghee è una parlata dialettale propria della zona occidentale della Lombardia e assomiglia spesso al dialetto milanese. Il laghee è tipico del comasco e del ticino, ma è parlato anche nel lecchese e in parte della Brianza.

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze della Formazione

Autore: Laura Crippa Contatta »

Composta da 73 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 6608 click dal 03/02/2012.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.