Skip to content

La Riforma dell'amparo in Spagna

Informazioni tesi

  Autore: Angelo Caputo
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2010-11
  Università: Seconda Università degli Studi di Napoli
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Andrea Patroni Griffi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 130

Il presente lavoro è volto all’analisi dell’istituto spagnolo del recurso de amparo a seguito delle importantissime modifiche che lo hanno interessato, introdotte dalla legge organica 6/2007, che ha modificato la Legge organica del Tribunale Costituzionale (LOTC). Inizialmente, mi sono occupato dell’inquadramento giuridico dell’istituto, ponendo l’attenzione anche sul profilo storico, e quindi sulle ragioni che hanno spinto la Spagna ad adottare questo sistema. Dopo aver fatto queste precisazioni preliminari, mi sono occupato della concreta operatività del meccanismo in questione negli anni che hanno preceduto la riforma del 2007, analizzando le ragioni che hanno spinto il legislatore ad intervenire con una presa di posizione così forte, quale è quella espressa dalla riforma in questione. In particolare, dallo studio dell’attività del Tribunal constitucional è emerso un vero e proprio abuso dell’istituto dell’amparo, che ha portato al collasso di questo organo, in misura tale quasi da paralizzare il corretto svolgimento di tutte le altre funzioni che la Costituzione gli attribuisce. Dopo aver passato brevemente in rassegna i vari interventi del legislatore precedenti al 2007, caratterizzati da una scarsa incisività sulla prassi dell’amparo, ho riportato alcune delle più importanti proposte che la dottrina ha avanzato nel corso degli anni precedenti alla riforma, tendenti, in maniera eterogenea, al perseguimento del comune obiettivo di decongestionare il TC.
In aggiunta alle discussioni sulla legittimità costituzionale della riforma e a quelle, collegate alle precedenti, sulla costituzionalità/opportunità di operare una oggettivizzazione dell’amparo, sono state ricordate anche le numerose manifestazioni di dubbi sui contorni del concetto della “speciale rilevanza costituzionale”, che da più parti hanno sollecitato un intervento del Tribunal constitucional al fine di chiarirne il contenuto. Intervento che è giunto due anni dopo con la Sentenza numero 155/2009, che riveste un ruolo determinante nella concreta applicazione dei requisiti introdotti dalla riforma. Dopo aver approfondito in maniera dettagliata questi profili, ho menzionato anche le altre innovazioni che la riforma del 2007 ha introdotto nell’ordinamento spagnolo, anch’esse riguardanti i ricorsi di amparo. In particolare, ho fatto riferimento alla modifica del “Tramite de admision” e alla modifica della disciplina dell’incidente di nullità delle decisioni giudiziarie, aventi il comune obiettivo di alleggerire il carico di lavoro del Tribunal. Infine, ho riportato alcuni contributi importanti relativi al dibattito, che ha più volte interessato la dottrina italiana, vertente sull’opportunità o meno di introdurre anche in Italia un ricorso diretto del singolo alla Corte costituzionale.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
4 Il presente lavoro è volto all’analisi dell’istituto spagnolo del recurso de amparo a seguito delle importantissime modifiche che lo hanno interessato, introdotte dalla legge organica 6/2007, che ha modificato la Legge organica del Tribunale Costituzionale (LOTC). Inizialmente, mi sono occupato dell’inquadramento giuridico dell’istituto, ponendo l’attenzione anche sul profilo storico, e quindi sulle ragioni che hanno spinto la Spagna ad adottare questo sistema. In particolare, sulla base di una prospettiva prettamente teleologica, emerge in maniera chiara l’intenzione del Costituente spagnolo del 1978 di predisporre uno strumento che potesse garantire una posizione primaria alla salvaguardia dei diritti fondamentali nell’ambito delle finalità da attribuire alla giustizia costituzionale. È emerso anche che la decisione del Costituente spagnolo di affidare il compito di conoscere i ricorsi di amparo e, di conseguenza, di attribuire il ruolo di primo garante dei diritti fondamentali al Tribunal constitucional si fonda su ragioni non meramente tecnico-giuridiche, piuttosto di natura politica, nascendo dalla diffusa diffidenza nei confronti della magistratura ordinaria del tempo, la quale, secondo l’opinione dominante, non sarebbe stata in grado di cogliere appieno la portata dei nuovi valori introdotti dalla Costituzione, colpevole di essere ancora rinchiusa nella logica del regime franchista. Dopo aver fatto queste precisazioni preliminari, mi sono occupato della concreta operatività del meccanismo in questione negli anni che hanno preceduto la riforma del 2007, analizzando le ragioni che hanno spinto il legislatore ad intervenire con una presa di posizione così forte, quale è quella espressa dalla riforma in questione. In particolare, dallo studio dell’attività del Tribunal constitucional è emerso un vero e proprio abuso dell’istituto dell’amparo, che ha portato al collasso di questo organo, in misura tale quasi da paralizzare il corretto svolgimento di tutte le altre funzioni che la Costituzione gli attribuisce. Dopo aver passato brevemente in rassegna i vari interventi del legislatore precedenti al 2007, caratterizzati

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

tribunal constitucional
recurso de amparo
tramite de admision
incidente di nullità delle decisioni giudiziarie
ricorso diretto
lotc
legge organica 6/2007
sentenza 155/2009 del tc

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi