Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La socializzazione mediale e le forme di prevenzione nel Welfare

Questa tesi è il proseguo della prima Laurea in Sociologia: dalla costruzione dell'identità influenzata dal messaggio mediatico si passa alla vera e propria società mediale, così da me definita. E dunque quali sono stati gli effetti di questa trasformazione mediale nell'epoca attuale? Come si pone il Welfare italiano di fronte a questo e rispetto agli altri Paesi? Quali possono essere gli strumenti giusti per organizzare il Sociale ed i suoi servizi, per rispondere ai bisogni della comunità? Nell'ultima parte della tesi si propone un Progetto: Progetto MediArte.

Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione Lo scopo di questa Tesi è stato quello di analizzare il mondo nella quale è inserito l'assistente sociale attraverso la costruzione di discorsi che prendono le mosse dagli studi fatti in questi anni e dagli studiosi delle materie di riferimento, che mi hanno concesso di elaborare e definire una personale idea circa le varie questioni di interesse di questi studi e della mia futura professionalità. Il lavoro dell'assistente sociale è stato argomentato attraverso la presentazione di una panoramica della realtà contemporanea. Dall'osservazione delle politiche sociali adottate dal Welfare State e passando per la società mediale che rende giustizia al “villaggio globale” di McLuhan, si è data luce alle relazioni intercorrenti tra i bisogni della popolazione e le risposte che questi bisogni hanno avuto da parte delle istituzioni centrali e soprattutto locali. La realizzazione della stesura dei progetti ha l'obiettivo di tentare di dare attuazione concreta alle dinamiche attuali creando un collegamento tra il welfare locale, le giovani generazioni e gli adulti i quali, a loro volta, devono relazionarsi con i mass media. In questi progetti la figura di rilievo è quella dell'assistente sociale, la quale con professionalità svolge il compito di coordinare e guidare la rete. Nei primi paragrafi del Capitolo I si farà un'ampia descrizione del Welfare State partendo dal concetto di benessere per arrivare a descrivere l'evoluzione, i sistemi e le aree che lo compongono, soffermandosi in modo particolare sullo sviluppo della storia del Servizio Sociale in Italia. Infine verrà effettuata una panoramica sugli Stati europei e sul servizio sociale americano che permetterà di fare un confronto ed una riflessione circa le differenti modalità di azione di questi Paesi rispetto al sistema del servizio sociale italiano. Successivamente nel Capitolo II, in relazione a quelle che sono le più attuali e contemporanee, nonché auspicabili metodologie,

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze Sociali

Autore: Elisa Ferrara Contatta »

Composta da 94 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1321 click dal 07/02/2012.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.