Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Gli obblighi informativi nei contratti misti assicurativo-finanziari

I prodotti assicurativi a spiccata componente finanziaria sono un argomento di grande attualità in virtù della loro ampia diffusione tra gli investitori; la ricerca seguente si pone pertanto l'obiettivo di analizzare la loro natura, la disciplina alla quale sono sottoposti ed i rimedi a disposizione dei contraenti per la tutela dei propri diritti.

I prodotti assicurativo-finanziari sono espressioni della tendenza all'unificazione delle diverse tipologie di mercato; la prassi contrattuale ha reso infatti sempre più problematica la distinzione dei segmenti tradizionali dei mercati finanziario, assicurativo e bancario. Ad entrare in crisi è stato in particolare il principio utilizzato per isolare il mercato assicurativo (e quello bancario) dal mercato mobiliare, in quanto è venuto meno il criterio che faceva riferimento al contenuto dei diversi tipi di prodotto.

Sempre più prodotti assicurativi hanno però visto accentuarsi la loro componente finanziaria; negli ultimi decenni l'aumento dell'inflazione ha infatti provocato disaffezione del pubblico per le assicurazioni sulla vita a causa della progressiva erosione del valore dei premi versati. Per tale motivo le compagnie di assicurazione hanno cercato di riconquistare i risparmiatori modificando le caratteristiche del contratto; sono così state create e distribuite le polizze linked con prestazioni collegate a quote di fondi di investimento (unit linked) o ad indici azionari o altri valori di riferimento (index linked).

Queste nuove tipologie di prodotti conferiscono al rapporto assicurativo una fisionomia nuova in quanto la componente finanziaria diventa preponderante; queste polizze finiscono per distaccarsi dalla fattispecie di assicurazione sulla vita considerata dal codice civile ed assumono, in tutto e per tutto, i caratteri delle operazioni finanziarie (vedasi il caso di polizze senza garanzie di risultati e restituzione del capitale).

Sorge allora la necessità di tutelare l'assicurato in modo che sia adeguatamente informato sulle reali caratteristiche del prodotto, data la sua natura ibrida; se infatti la ratio originaria dell'assicurazione sulla vita si radica nell'accumulo di un capitale a scopo previdenziale, è anomalo che le nuove tipologie contrattuali possano condurre ad un risultato opposto, ovvero alla sua perdita nella misura in cui il mercato mobiliare tenda ad evolversi in senso negativo.

Mostra/Nascondi contenuto.
5 INTRODUZIONE I prodotti assicurativi a spiccata componente finanziaria sono un argomento di grande attualità in virtø della loro ampia diffusione tra gli investitori; la ricerca seguente si pone pertanto l'obiettivo di analizzare la loro natura, la disciplina alla quale sono sottoposti ed i rimedi a disposizione dei contraenti per la tutela dei propri diritti. I prodotti assicurativo-finanziari sono espressioni della tendenza all'unificazione delle diverse tipologie di mercato; la prassi contrattuale ha reso infatti sempre piø problematica la distinzione dei segmenti tradizionali dei mercati finanziario, assicurativo e bancario. Ad entrare in crisi è stato in particolare il principio utilizzato per isolare il mercato assicurativo (e quello bancario) dal mercato mobiliare, in quanto è venuto meno il criterio che faceva riferimento al contenuto dei diversi tipi di prodotto. La 'despecializzazione' delle attività finanziarie è generata da due fattori: l'elaborazione di prodotti c.d. 'misti', nei quali è difficile isolare una componente prevalente, e la tendenza alla creazione di gruppi polifunzionali che operano in diversi mercati, pur avvalendosi di una rete di distribuzione unitaria. Il d. lgs. n. 58, del 24 febbraio 1998 (T.U.F.), ha recepito questa tendenza indicando con la nozione di prodotto finanziario non soltanto i tradizionali valori mobiliari ma altresì ‹‹ogni altra forma di investimento di natura finanziaria››. E' stata in questo modo sancita l'applicabilità della disciplina dei mercati finanziari a tutti gli strumenti di raccolta del capitale con finalità di investimento e quindi anche ai prodotti misti assicurativi con componente finanziaria prevalente. La tradizionale impostazione codicistica dell'assicurazione sulla vita configurava un prodotto con una funzione tipicamente previdenziale ed il relativo rischio finanziario a carico dell'impresa di assicurazioni.

Tesi di Laurea Magistrale

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Simone Giordano Contatta »

Composta da 179 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1549 click dal 13/02/2012.

 

Consultata integralmente 8 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.