Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Le prospettive delle brevettabilità del software in Europa

L’annosa questione della tutela brevettuale dei programmi per elaboratore è oggi più che mai tema d’attualità alla luce della recente direttiva europea 2009/24/CE. Si è fortemente dibattuto e si continua a dibattere tutt’ora sulla possibilità di estendere una protezione di tipo brevettuale al software. Com’è risaputo le grandi lobbies americane seguitano ad esercitare forti pressioni nei confronti dell’Unione Europea per l’introduzione della c.d. software patent e tale comportamento è certamente giustificato da ragioni di tipo economico e concorrenziale. Al di là di queste considerazioni però, attualmente in Europa il software viene ricondotto alla categoria delle opere dell’ingegno e come tale viene sottoposto e protetto dalle normative nazionali sul diritto d’autore, escludendo così quella software patent tanto cara alle corporations statunitensi. Ma sarà sempre così o arriverà il giorno in cui l’interesse di mercato americano riuscirà a prevalere sull’atteggiamento liberale adottato dall’Europa? E’ appunto a quest’interrogativo che il presente lavoro volge lo sguardo, cercando di intuire i futuri scenari europei in tema di brevettabilità dei programmi per elaboratore.

Mostra/Nascondi contenuto.
2 Premessa L’annosa questione della tutela brevettuale dei pro grammi per elaboratore è oggi più che mai tema d’attualità alla luce della recent e direttiva europea 2009/24/CE. Si è fortemente dibattuto e si continua a dibattere tu tt’ora sulla possibilità di estendere una protezione di tipo brevettuale al sof tware. Com’è risaputo le grandi lobbies americane seguitano ad esercitare forti pre ssioni nei confronti dell’Unione Europea per l’introduzione della c.d. software pate nt e tale comportamento è certamente giustificato da ragioni di tipo economic o e concorrenziale. Al di là di queste considerazioni però, attualmente in Europa i l software viene ricondotto alla categoria delle opere dell’ingegno e come tale vien e sottoposto e protetto dalle normative nazionali sul diritto d’autore, escludend o così quella software patent tanto cara alle corporations statunitensi. Ma sarà sempre così o arriverà il giorno in cui l’interesse di mercato americano riuscirà a pre valere sull’atteggiamento liberale adottato dall’Europa? E’ appunto a quest’interrogat ivo che il presente lavoro volge lo sguardo, cercando di intuire i futuri scenari eu ropei in tema di brevettabilità dei programmi per elaboratore. A tal uopo sarà prelimin are un’analisi della giurisprudenza di merito statunitense, del dibattit o avvenuto in seno alle istituzioni europee sulla proposta di direttiva sulla brevettab ilità del software e della direttiva 2009/24/CE emanata in un’ottica di rinnovo della no rmativa precedente.

Tesi di Master

Autore: Luca Giangiacomi Contatta »

Composta da 43 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1883 click dal 14/02/2012.

 

Consultata integralmente 5 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.