Skip to content

La terza guerra punica - La distruzione di una città, la costruzione di un Impero

Informazioni tesi

  Autore: Vito Ernesto Enriquez
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2003-04
  Università: Università degli Studi di Lecce
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Lettere Classiche
  Relatore: Giusto Traina
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 285

Nella primavera del 146 a. C. Roma distrusse definitivamente una delle più grandi potenze della storia del Mediterraneo, l'unica arrivata minacciarne da vicino l'esistenza.
Quali le vere ragioni storiche e politiche della caduta di Cartagine, di una cruenta carneficina durata sei giorni e quattordicimila morti solo fra i punici?
Questi gli interrogativi cui la mia tesi cerca di dare delle risposte attraverso un'analisi dettagliata delle fonti storiche supportata da un accurato esame della documentazione archeologica.
Ma il mio è anche il racconto appassionato, scandito e incalzato dagli eventi, di una guerra feroce durata quattro anni, dell'orgogliosa resistenza di un popolo e della scientifica abnegazione con cui il vero trionfatore del conflitto, Scipione Emiliano, riuscì a domarne le forze ma non lo spirito. Il lettore è subito catapultato sulle mura di Cartagine, nella notte in cui la città fu presa. Segue gli avvenimenti successivi al sacco, per poi rivivere il flashback della prima giovinezza dell'Africano Minore, e comprendere le motivazioni che in seguito lo avrebbero spinto ad essere uno dei "falchi" promotori dello scontro.
Nel nucleo il racconto si fa esegesi politica: le relazioni fra Roma e Cartagine, dopo la vittoria nella guerra annibalica, sono analizzate alla luce dell'accrescersi della potenza della prima, del mutare delle fazioni politiche che la governano e dell'incrudelirsi della sua politica internazionale. Il lettore seguirà passo per passo l'evolversi della crisi punica, visiterà Cartagine al fianco degli ispettori romani inviati nella città, comincerà a comprendere, fra le teorie di Polibio e i preparativi dello sbarco sul suolo libico, le vere cause per cui nel 149 a. C. il senato decise che la città che aveva dato i natali ad Annibale doveva essere eliminata dalla storia. E ne rivivrà la lenta, ineluttabile agonia...

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
5 Introduzione Cartagine fu distrutta nella primavera del 146 a.C., alla fine di un assedio durato quattro anni. Né scontri navali, né battaglie in campo aperto: la terza guerra punica si risolse in un reiterato, faticoso tentativo di isolare la metropoli, guidato da quattro consoli inviati da Roma ad infrangere le antiche e solide mura che difendevano ancora i concittadini di Annibale. Per spiegare le ragioni di una decisione così drastica, la responsabilità unilaterale dell’iniziativa militare e la prospettiva pressoché parziale degli autori che ne parlano impongono un esame dall’interno della città che si rese scientemente responsabile di questa distruzione e, dunque, un quesito più aderente alla storia politica della Repubblica: quali personalità e quali fazioni, a Roma, a metà del II secolo a.C., individuavano un vantaggio nella distruzione della metropoli punica? Per comprendere gli interessi messi in campo dall’ultimo scontro con Cartagine, l’unica ottica possibile è quella che si avvii dalle circostanze che indussero il Senato alla dichiarazione di guerra. Analizzarle significa condurre un esame diacronico dei vincoli diplomatici intercorsi fra Roma e Cartagine, durante gli anni che divisero il successivo dal conflitto vinto dall’Africano Maggiore, senza trascurare il ruolo recitato da Massinissa, sovrano dell’altro

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

senato
roma
storie
cartagine
mores
cicerone
polibio
fazioni
livio
corinto
catone
scipione emiliano
lelio
pidna
146 a. c.
numidia
gulussa
cassio dione
periocha
appiano
wadi
cothon
asdrubale
mikté

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi