Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Utilizzo del protocollo per la valutazione delle abilità prassiche e della coordinazione motoria APCM, per la valutazione della funzione manuale in un gruppo di bambini con deficit cognitivo, presso una struttura ambulatoriale territoriale.

Le mani sono le prime parti del corpo che vengono scoperte e sono grande strumento di conoscenza; prima ancora della nascita il bambino succhia il pollice, sposta il cordone ombelicale. Esse nel corso del tempo acquistano un grande valore nello sviluppo motorio, cognitivo, affettivo, relazionale del bambino. E' importantissimo, ai fini della manipolazione, che si crei nel bambino una rappresentazione mentale ed è attraverso una serie di sollecitazioni che le stesse vengono interiorizzate: attraverso la vista, il tocco, l'azione di metterle in bocca, il tocco di altri.
Le mani sono le prime parti del corpo che il bambino può contemporaneamente vedere come oggetto esterno ed agire come oggetto interno Attraverso esse il bambino scopre se stesso e il mondo, conosce e delimita i confini del proprio corpo, dal viso ai piedi agli oggetti posti a contatto col proprio corpo. In seguito a quest'attività, che in apparenza è solo motoria, il bambino scopre se stesso, conosce i propri confini ed inizia ad attribuirsi un'identità.

Mostra/Nascondi contenuto.
Premessa Le mani sono le prime parti del corpo che vengono scoperte e sono grande strumento di conoscenza ; prima ancora della nascita il bambino succhia il pollice, sposta il cordone ombelicale. Esse nel corso del tempo acquistano un grande valore nello sviluppo motorio, cognitivo, affettivo, relazionale del bambino. E' importantissimo, ai fini della manipolazione, che si crei nel bambino una rappresentazione mentale ed è attraverso una serie di sollecitazioni che le stesse vengono interiorizzate: attraverso la vista, il tocco, l'azione di metterle in bocca, il tocco di altri. Le mani sono le prime parti del corpo che il bambino può contemporaneamente vedere come oggetto esterno ed agire come oggetto interno Attraverso esse il bambino scopre se stesso e il mondo, conosce e delimita i confini del proprio corpo, dal viso ai piedi agli oggetti posti a contatto col proprio corpo. In seguito a quest'attività, che in apparenza è solo motoria, il bambino scopre se stesso, conosce i propri confini ed inizia ad attribuirsi un'identità. 5

Laurea liv.I

Facoltà: Medicina e Chirurgia

Autore: Tiziana Rombi Contatta »

Composta da 94 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1766 click dal 14/02/2012.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.