Skip to content

Stereotipi sport-gendered. Uno studio quantitativo del fenomeno sportivo in ambiente scolastico e agonistico

Informazioni tesi

  Autore: Sara De Lorenzi
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2010-11
  Università: Università degli Studi di Trento
  Facoltà: Sociologia
  Corso: Ricerca Sociale
  Relatore: Francesca Sartori
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 206

Il lavoro di tesi si interessa allo studio delle disuguaglianze di natura quantitativa e qualitativa tra maschi e femmine nello Sport.
Le tematiche prese in considerazione sono: la questione del concetto di genere e degli stereotipi gendered; il ruolo dello sport nella nostra società e nella vita dei giovani; gli agenti di socializzazione (famiglia, gruppo dei pari, coach e professori di educazione fisica, media)che intervengono nel definire il significato di mascolinità e femminilità nello sport; la questione degli sport rosa e azzurri; l'educazione fisica scolastica e il percorso normativo dall'introduzione della Ginnastica nelle scuole ai progetti sportivi degli ultimi anni; la visione stereotipata dello sport da parte dei ragazzi tra i 12 e 16 anni.
Lo studio presenta uno studio quantitativo su un campione di 270 alunni delle classi di seconda media e di terza e quarta superiore a cui è stato somministrato un questionario strutturato. Le sezioni principali del questionario sono: a) Dati Socio-Anagrafici, status sociale e sportività famigliare; b) Tratti e caratteristiche fisiche di genere; c) L’attività fisica scolastica; d) Lo sport di genere; e) Lo sport extra scolastico e f) La dimensione agonistica. Lo studio statistico (elaborato attraverso SPSS) vuole confrontare i dati ottenuti con gli assunti elaborati nei capitoli teorici: a termine dello studio è possibile delineare due modelli distinti di pratica sportiva maschile e femminile.
Lo studio fotografa lo sport come uno strumento che, per il sesso maschile, permette di marcare ancora più nettamente la differenziazione fisica e caratteriale di genere; per le femmine viene percepito come un potente mezzo per attenuare e rimettere in discussione i tradizionali ideali di mascolinità e femminilità. Le sportive di oggi che si avventurano nel difficile cammino della parità sportiva tra i sessi devono fare i conti con un sesso forte intenzionato, fin dalla giovane età, a proteggere i confini di un territorio tradizionalmente male-dominated.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
  1   Introduzione Il presente lavoro di tesi nasce da una personale passione per lo sport nelle sue più svariate forme ed accezioni e da un interesse accademico per gli studi di genere. Lo sport è una sfera importante di socializzazione, un potente strumento di espressione personale e il principale mezzo per raggiungere il benessere psico-fisico. La sua funzione e il ruolo sociale che ricopre vengono spesso sottostimati e sminuiti; lo sport infatti: educa e insegna il rispetto per gli altri e per le regole, stimola inclusione e coesione sociale, crea posti di lavoro e nuove figure occupazionali, previene e contrasta i danni di uno stile di vita malsano, favorisce l’autostima e la realizzazione personale. Lo sport inteso come «[..] qualsiasi forma di attività fisica che, attraverso una partecipazione organizzata e non organizzata, abbia per obiettivo l’espressione o il miglioramento della condizione fisica e psichica, lo sviluppo delle relazioni sociali e l’ottenimento di risultati in competizioni di tutti i livelli [..]» 1 coinvolge, oggi, quasi due terzi della popolazione italiana e una maggiore considerazione da parte dei nostri studiosi di sociologia permetterebbe di conoscere meglio il fenomeno, comprenderne le dinamiche che lo caratterizzano, identificarne i protagonisti e delinearne scenari futuri. La variabile di genere viene sempre più spesso presa in considerazione dagli studiosi di scienze sociali ed è diventata, nell’ultimo decennio, sia una protagonista delle analisi sociologiche in ambito accademico che un metro di misura nella normale quotidianità. Il genere è un fenomeno ideologico, è cioè il modo in cui una società o una comunità di individui vivono l'appartenenza all'uno e all'altro sesso. E’ anche e soprattutto un fenomeno materiale con implicazioni concrete: l’incontestabile e naturale differenza sessuale tra maschi e femmine viene trasformata in una serie di disuguaglianze sociali che emergono, attraverso ideologie, atteggiamenti e comportamenti, nella quotidianità di ogni individuo sociale. Gli ambiti di manifestazione della disuguaglianze di genere sono molteplici: la presenza ancora forte di una struttura famigliare patriarcale, il fenomeno della segregazione verticale (glass cealing) e orizzontale delle donne nel mondo del lavoro, la questione irrisolta del doppio lavoro, la sotto rappresentanza politica femminile ed, infine,                                                                                                                           1 Consiglio d’Europa (Maggio 1992) Conferenza dei Ministri europei responsabili dello Sport, Carta Europea dello Sport, Rodi, p. 3

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

sport
stereotipi
femminile
maschile
genere
disuguaglianze
educazione fisica scolastica
partecipazione sportiva
sport rosa e azzurri
la dimensione agonistica
caratteristiche fisiche di genere
personalità sex-typed

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi