Skip to content

Riequilibrio precoce delle catene cinetiche muscolari nel trattamento riabilitativo del paziente con lesioni ortopediche

Informazioni tesi

  Autore: Daniel Di Segni
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2010-11
  Università: Università degli Studi di Roma La Sapienza
  Facoltà: Medicina e Chirurgia
  Corso: Fisioterapia
  Relatore: Barbara Giachetti
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 84

Nel corso dei miei studi universitari sono rimasto sempre colpito come nel corpo umano tutto fosse collegato e come tutto interferisse con distretti anche lontani.
Il sistema muscolo-scheletrico rientra in questa concezione olistica e probabilmente ne è una delle migliori rappresentazioni; proprio questo ambito della riabilitazione è stato quello che fin dai primi giorni di tirocinio, mi ha appassionato e ha catturato la mia mente, creando un interesse particolare: riequilibrare ciò che non lo è.
La metodica Mèziéres rientra in questa filosofia di intervento riabilitativo, individuando gli squilibri e cercando di armonizzare il sistema, con interventi globali e cercando di correggere alterazioni muscolari e posturali.
Questo approccio è entrato a far parte del mio modus operandi, intervenendo con i pazienti che ho avuto la possibilità di seguire, in una maniera differente da quella accademica.
Probabilmente questo mio pensiero mi porterà a voler intervenire anche in quelle situazioni dove l'intervento riabilitativo potrebbe esser giudicato come “inutile”, ma ciò che mi spinge a provare e riprovare ancora è che il corpo umano non è un elemento statico della natura, ma un cambiamento continuo, nelle sue parti più piccole come in quelle più grandi, e anche il minimo intervento può determinare un miglioramento più o meno generale .
Nel periodo in cui ho seguito i pazienti per la tesi, ho potuto sperimentare questi concetti di globalità, e come attraverso un controllo adeguato nell'esecuzione degli esercizi, associata a una collaborazione da parte del paziente, possano determinare risultati straordinari, a volte anche insperati.
Ho voluto inoltre capire, attraverso delle scale internazionali, il grado di soddisfazione da parte dei pazienti dopo esser stati sottoposti a questo tipo di trattamento “non convenzionale”: questi indici mi hanno mostrato la validità di questo approccio terapeutico in qualsiasi tipologia di lesione ortopedica, facendo notare un alto grado di recupero funzionale a fine trattamento.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
GINOCCHIO PRESENTAZIONE ANTROPOLOGICA L'articolazione del ginocchio è un ginglimo angolare complesso del tipo trocleare, costituito dai condili femorali e tibiali e dalla rotula che si articola con la parte anteriore dei condili femorali. E' l'articolazione intermedia dell'arto inferiore e possiede principalmente un solo grado di libertà – la flesso-estensione – che gli permette di avvicinare o di allontanare l'estremità della sua radice. Il ginocchio lavora principalmente in compressione, sotto l'azione della gravità. Tuttavia è presente un secondo grado di libertà accessorio cioè la rotazione sull'asse longitudinale. Meccanicamente l'articolazione del ginocchio è sorprendente in quando deve conciliare due condizioni tra loro contraddittorie: • possedere una grande stabilità in estensione in quanto su di esso agiscono notevoli forze provenienti dal peso del corpo ed alla lunghezza dei bracci di leva • possedere una buona mobilità nei vari angoli di flessione, condizione necessaria per la corsa e per un appoggio del piede rispetto alle irregolarità del terreno. EMBRIOLOGIA Il ginocchio umano inizia il suo sviluppo nel corso della quarta settimana di vita embriologica, quando compare l'abbozzo embrionale degli arti inferiori lateralmente ai segmenti vertebrali da L1 a S2. L'abbozzo embrionale dell'arto è costituito da un ammasso di cellule mesenchimali e ricoperte da uno strato di ectoderma; le cellule mesenchimali sono pluripotenziali e si differenziano in seguito, con il procedere dello sviluppo fetale, in osteoblasti, fibroblasti, mioblasti e condroblasti. In origine l'orientamento dell'abbozzo embrionale dell'arto inferiore è tale che le anche sono extraruotate, le rotule guardano all'indietro mentre le piante dei piedi sono orientate anteriormente; il movimento rotatorio dell'abbozzo embrionale dell'arto verso la posizione anatomica spiega le distribuzioni a 5

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

sperimentale
lesioni
biomeccanica
riabilitazione
tesi
fisioterapia
lesione
ortopedia
ortopediche
posturale
spalla
ginocchio
allungamento muscolare
lussazione
mezières
catene muscolari
catene cinetiche
pompage
varismo
protesi spalla
osteotomia tibia
quadricipite
fisiokinesiterapia
riequilibrio

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi