Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Dall'immigrazione alla Dolce Vita. Italian Canadian English e Code-Switching.

La seguente tesi vuole mostrare l'evoluzione linguistica della comunità italo-canadese. Si intende perciò presentare l'etnoletto usato della prima generazione di immigrati, nato come adattamento ad un nuovo ambiente, e mostrare l'uso del code-switching all'interno della realtà bilingue della comunità italo-canadese di seconda e di terza generazione.
Nel primo capitolo, dopo una breve introduzione sulle cinque ondate migratorie che il Canada ha subito nel corso della sua storia, si presenta l'immigrazione italiana in Canada. Successivamente si descrive la distribuzione e collocazione lavorativa degli immigrati italiani sul territorio canadese. In seguito si passa ad analizzare il concetto di italianità, il rapporto della nuova generazione italo-canadese con la lingua, con la multiculturalità del Canada e con gli stereotipi sugli italo-canadesi.
Il secondo capitolo vuole fornire una descrizione dell'italiese, della sua struttura fonologica, morfologica e sintattica e dei processi di nativizzazione dei loanwords, fornendo inoltre due parametri per la loro classificazione: necessità e assimilazione.
Nella seconda parte del capitolo vengono descritti alcuni fenomeni che caratterizzano una comunità bilingue: alternanza di codice e commutazione di codice (nelle sue varie forme), analizzando i motivi che spingono il parlante a farne uso.
L'ultima parte del capitolo presenta una teoria del prof. Clivio, secondo la quale il code-switching, tra Canadian English e italiano standard, rappresenterebbe la nuova forma di italiese.
Il terzo capitolo si apre con la presentazione dei media italo-canadesi, la loro origine ed evoluzione all'interno del panorama mediatico canadese, tra stampa, radio e tv.
La seconda parte del capitolo offre una descrizione del programma italo-canadese di David Rocco: David Rocco’s Dolce Vita, un programma definito dallo stesso autore "part cooking show, part cultural expose". Questo programma fa ampio uso di un duplice code-switching tra Canadian English, italiano standard e dialetto.
L'ultimo paragrafo del capitolo è un'analisi di questo code-switching e delle sue funzioni comunicative all'interno di due trascrizioni tratte da episodi de David Rocco’s Dolce Vita.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 CAPITOLO 1: L’ IMMIGRAZIONE ITALIANA IN CANADA Nella storia di un Paese come il Canada si contano cinque forti ondate migratorie, all‟interno delle quali gli italiani spesso hanno rappresentato un folto numero. 1 La prima fu quella francese verso il Quebec, negli anni successivi alla “scoperta” del Canada, che culminò con l‟arrivo dei lealisti britannici fuggiti alla rivoluzione americana. La seconda ondata venne dalla Gran Bretagna e dall‟Irlanda e fu voluta dal governo coloniale del Canada per contrastare l‟avanzata statunitense e per rinfoltire il gruppo di anglofoni da opporre a quello di francofoni. La terza ondata registrò il suo picco tra il 1910 e il 1913. In questo periodo giunsero in massa dall‟Europa centinaia di migliaia di immigrati, che scappavano dalla povertà del mondo agricolo europeo. Sempre dall‟Europa partì la quarta ondata migratoria nel dopo-guerra, un‟ondata che terminò negli anni Sessanta e che trasformò nettamente il Paese che, da una popolazione in prevalenza anglofona e francofona, si tramutò in una realtà multiculturale. Parte dagli anni Settanta, infine, la quinta ondata migratoria che dura ancora nei giorni nostri. Questa ondata si deve alla nuova legge sull‟immigrazione del 1967 che, di fatto, ha spalancato la strada all‟immigrazione dal Sud del Mondo. 2 1.1 Gli immigrati italiani in Canada Gli italiani sono presenti nella storia canadese sin dai primi viaggi intercontinentali. Nel 1497, fu un italiano, Giovanni Caboto, a “scoprire” il Canada e ad aprire la strada verso il Canada agli europei (De Maria Harney, 1998: 15). Nei secoli successivi gli italiani spesso guidarono o parteciparono alle spedizioni, che i monarchi stranieri finanziavano, alla ricerca di ricchezze. 1 http://it.wikipedia.org/wiki/Immigrazione_in_Canada, 20/03/2010 2 Ibid.

Laurea liv.I

Facoltà: Lingue e Letterature Straniere

Autore: Gennaro Danilo De Gregorio Contatta »

Composta da 40 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1494 click dal 17/02/2012.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.