Skip to content

Hans e Lev: lo sviluppo infantile in Freud e Piaget

Informazioni tesi

  Autore: Laura Centola
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2008-09
  Università: Università degli Studi di Foggia
  Facoltà: Facoltà di Scienze della Formazione
  Corso: Scienze dell'educazione e della formazione
  Relatore: Maria Sinatra
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 83

La tesi ha trattato il pensiero di due grandi psicologi: Freud e Piaget. I loro pensieri si sono fatti strada nell’ideale psicologico riguardante l’infanzia, ed hanno contribuito in maniera preponderante ad inquadrare gli studi psicologici su questa importante fase della vita.
Grazie a Freud si è arrivati a raggiungere la consapevolezza dell’enorme bagaglio intellettuale presente nell’infanzia e dell’importanza di dover sviluppare al meglio il potenziale presente nel bambino. Lo psicoanalista ha fatto leva sulle fasi della vita infantile ed ha individuato le caratteristiche peculiari di ognuna di esse, che fanno sì che ogni tappa dell’infanzia sia degna di significato e di grande importanza, nonché di attenzioni.
Con Piaget si è arrivati a capire, inoltre, l’enorme importanza che risiede nell’osservazione dei bambini, dei loro comportamenti e dei loro atteggiamenti che, seppur a primo impatto possono apparire insignificanti, in realtà nascondono un enorme bagaglio comunicativo che necessita di ricevere tutte le attenzioni necessarie. Egli ha soffermato la sua attenzione sulla nascita dell’intelligenza e la sua evoluzione. Anche Piaget ha suddiviso l’infanzia in varie fasi, ognuna caratterizzata da un particolare sviluppo intellettivo, indispensabile per gli stadi evolutivi successivi.
Con l’esempio di Hans, riportato nel terzo capitolo, si ha avuto la conferma delle teorie del dottor Freud, soprattutto del Complesso di Edipo, una delle scoperte più importanti fatte dallo psicanalista. Egli seguendo, seppur indirettamente, il piccolo Hans, un bambino in preda a stati di ansia e ad una forte fobia per i cavalli, è riuscito ad individuare la causa del malessere nella cattiva conclusione del complesso edipico. Rimettendo insieme i tasselli e direzionando i genitori del piccolo per la strada giusta da seguire lo psicologo è riuscito a dare un lieto fine al complesso edipico del piccolo Hans, che riprese a vivere una normale vita di un bambino, senza più ansie né fobie.
Il caso di Lev e Pie, invece, sono esemplari per individuare il metodo rivoluzionario di Piaget, consistente nella costante osservazione dei bambini. Lo psicologo, infatti, osservando quotidianamente i comportamenti sociali dei due piccoli, in un contesto in cui potevano esprimere al massimo i propri pensieri, è pervenuto all’elaborazione di teorie sul linguaggio infantile, in particolare, individuando che esso sia, per la maggior parte dell’infanzia, un linguaggio egocentrico, ovvero in cui il bambino non si pone dal punto di vista dell’interlocutore. Inoltre, ha osservato che i piccoli si servono del linguaggio per accompagnare le proprie azioni, sentendosi più sicuri se immaginano che qualcuno li stia ascoltando.
Tutto questo ha condotto ad una nuova visione del bambino, da parte dell’adulto, e grazie a queste importanti scoperte l’infante ha rivestito un ruolo sempre più importante sia nella famiglia che nella società.
Si deve molto, perciò, a questi grandi psicologi che rappresentano l’emblema di questa rivoluzione infantile, ovvero la visione dell’infanzia da un nuovo punto di vista, che le conferisce importanza e centralità nelle attenzioni quotidiane.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1 INTRODUZIONE Quando si parla di infanzia, oggi, ci si riferisce ad un‟età molto importante, con caratteristiche peculiari e meritevoli di grandi attenzioni. Si sa che è un‟età di grande crescita fisica, ma soprattutto intellettuale. Ma è sempre stato così? Si ha sempre avuto tale accortezza e tale interesse nei riguardi di questa fase della vita? In questa tesi viene affrontato il pensiero di due grandi sostenitori dell‟importanza dell‟infanzia: Freud e Piaget. La tesi si articola in tre capitoli. Nel primo si parla di Sigmund Freud, il padre della psicanalisi, colui che ha portato la psicologia ad interessarsi all‟infanzia. Freud, partendo dall‟analisi dell‟adulto, è arrivato a scoprire che durante l‟infanzia il bambino attraversa delle fasi, determinanti per il normale funzionamento psicologico nella vita adulta. In questo primo capitolo si descrivono le fasi infantili individuate da Freud, distribuite tra la prima, la seconda e la terza infanzia, e ci si sofferma sul complesso di Edipo ed il complesso di castrazione, ovvero le più rivoluzionarie scoperte di Freud. Nel secondo capitolo si affrontano le tesi di Jean Piaget, uno psicologo rivoluzionario per la sua intuizione di sperimentare sul campo le teorie. Il suo approccio all‟infanzia, oltre che di tipo teorico fu di tipo pratico: egli spese molto del suo lavoro per l‟osservazione dei comportamenti infantili su bambini. Anche Piaget è pervenuto alla suddivisione dell‟infanzia in varie fasi, ognuna delle quali corrispondente allo sviluppo di una particolare caratteristica psico- fisica. In particolare, Piaget, durante i suoi studi ha soffermato la sua

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

psicologia
freud
infanzia
piaget
psicologi
psicologia generale
sviluppo infantile
hans
lev

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi