Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'arbitrato irrituale

Già alla fine del secolo scorso si hanno le prime sporadiche manifestazioni di quel fenomeno, tipico prodotto della pratica italiana, e ritenuto dalla maggior parte della dottrina assente invece negli altri ordinamenti, tramite il quale si è col tempo instaurata, accanto all'arbitrato regolato dal Codice di Procedura Civile, un'altra forma di risoluzione delle controversie ad opera di uno o più terzi, svincolata però dall'osservanza delle norme del codice di rito e, in conseguenza, priva di efficacia esecutiva e incapace di dare luogo alla sanzione della cosa giudicata.

L'arbitrato irrituale è uno strumento giuridico utile per risolvere controversie senza ricorrere ad un tribunale. Veloce ed informale ha, per le parti che vi ricorrono, il valore di un contratto.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 Capitolo I La genesi dell’arbitrato irrituale: giurisprudenza e dottrina nei primi 50 anni del secolo. Parte prima: le origini dell’istituto. Già alla fine del secolo scorso si hanno le prime sporadiche manifestazioni di quel fenomeno, tipico prodotto della pratica italiana, e ritenuto dalla maggior parte della dottrina assente invece negli altri ordinamenti, tramite il quale si è col tempo instaurata, accanto all‟arbitrato regolato dal Codice di Procedura Civile, un‟altra forma di risoluzione delle controversie ad opera di uno o più terzi, svincolata però dall‟osservanza delle norme del codice di rito e, in conseguenza, priva di efficacia esecutiva e incapace di dare luogo alla sanzione della cosa giudicata. Questa nuova figura assunse le varie denominazioni di arbitrato irrituale, libero, irregolare, improprio: con tale terminologia si è voluto dare rilievo all‟antitesi dell‟istituto in esame rispetto a quello disciplinato dal codice e detto quindi rituale, formale, regolare, proprio. Tuttavia va ricordato che si tratta di una terminologia di comodo e non tecnica, poichè, come vedremo in seguito, struttura e natura del cosiddetto arbitrato irrituale sono state a lungo considerate, e per una certa

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Andrea Tremaroli Contatta »

Composta da 204 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2664 click dal 21/02/2012.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.