Skip to content

L'utilizzo del contingent capital per la patrimonializzazione delle banche

Informazioni tesi

  Autore: Adriano Pescio
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2010-11
  Università: Università degli studi di Genova
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia delle Istituzioni e dei Mercati Finanziari
  Relatore: Francesca Querci
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 137

A seguito delle recenti disposizioni del Comitato di Basilea che hanno annunciato un incremento dei requisiti patrimoniali minimi globali per le banche commerciali, gli strumenti di contingent capital - titoli di debito che si convertono in azioni al verificarsi di un evento predefinito - hanno ricevuto una crescente attenzione, da parte di istituzioni finanziarie e di investitori, come mezzo per rafforzare la disciplina di mercato e come canale di finanziamento di natura prevalentemente di debito con un costo tendenzialmente inferiore all’equity.
Mentre le proposte di introduzione di strumenti convertibili si sono sinora concentrate sulla stabilità delle istituzioni a rilevanza sistemica, questa tesi propone il loro utilizzo a copertura dei buffer patrimoniali: nel corso delle fasi positive del ciclo economico, alle banche sarebbe concesso di emettere contingent capital per creare un buffer; nelle fasi di recessione, gli strumenti emessi sarebbero convertiti in titoli azionari, fornendo all'intermediario le risorse necessarie per affrontare la fase di difficoltà.
In questo lavoro si esamina come è strutturato lo strumento, le caratteristiche e il funzionamento delle varie proposte presentate in letteratura evidenziando gli elementi distintivi dei meccanismi di conversione.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1 INTRODUZIONE Uno degli insegnamenti tratti dalla crisi finanziaria del 2007-2009 è che l‟architettura che disciplina l‟insolvenza delle banche e delle altre istituzioni finanziarie ha bisogno di una revisione importante. Il Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria ha stabilito di rafforzare la regolamentazione bancaria perché non solo la quantità, ma anche la qualità del capitale bancario gioca un ruolo cruciale 1 . Particolare attenzione è stata dedicata alla progettazione di una struttura del capitale prudenziale che garantisca sufficiente assorbimento di perdite di capitale per le grandi istituzioni finanziarie ed elimini la necessità del piano di salvataggio pubblico. Basilea 3 rappresenta quindi una parte essenziale, ma non l‟unica, di un programma molto più ampio coordinato dal Financial Stability Board e teso a costruire un sistema finanziario più sicuro e a garantire la sua tenuta nelle fasi di tensione. Tradizionalmente, la regolamentazione del capitale bancario è stata pensata come corollario all‟introduzione di un‟assicurazione sui depositi. L‟esistenza di questa assicurazione rende il debito una fonte di finanziamento conveniente per le banche. I depositanti e gli altri creditori riceveranno bassi tassi di interesse perché consci che i debiti sono sicuri: saranno rimborsati dalla banca se le cose vanno bene, e dal governo nel caso in cui la banca non fosse in grado di rimborsarli. I requisiti patrimoniali, poi, servono anche per impedire alle banche di abusare della capacità di prendere in prestito capitali a basso costo, e scaricare il rischio di eventuali perdite sui creditori. La normativa sull‟adeguatezza patrimoniale, per esempio, richiede alle banche di mantenere un certo livello minimo di capitale. Il Comitato di Basilea ha fissato i criteri sui titoli, i quali dal 2013 in poi dovranno contenere una clausola che dia il potere all‟autorità di vigilanza di 1 Banca dei Regolamenti Internazionali, Comunicato stampa, (13 gennaio 2011).

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi