Skip to content

L’Efficienza Energetica degli Edifici Pubblici: Il Caso del Comune di Monte di Procida

Informazioni tesi

  Autore: Andrea Piccolo
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2010-11
  Università: Seconda Università degli Studi di Napoli
  Facoltà: Architettura
  Corso: Architettura U.E.
  Relatore: Antonella Violano
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 121

È ricorrente nel quotidiano sentir parlare di prestazioni energetiche dell’involucro edilizio, quale terminologia per indicare il comportamento in uso (ovvero durante la vita utile) degli elementi costruttivi costituenti le "chiusure" di un edificio, rispetto a sollecitazioni indotte da azioni termiche e igrometriche. Il termine "chiusura" (utilizzato nella scomposizione del sistema tecnologico nella UNI 8290:1981) è stato di recente sostituito dal più completo "involucro edilizio", a sottolineare il concetto di globalità delle parti che definiscono un ambiente interno (caratterizzato da condizioni "climatico/ambientali" stabili) rispetto ad un ambiente esterno (variabile per natura). Le prestazioni dell'involucro devono garantire il comfort termico e igrometrico degli spazi confinati e il contenimento dei consumi energetici mediante il soddisfacimento dei seguenti requisiti prestazionali:
- Requisiti ambientali: Mantenimento della temperatura dell'aria negli spazi abitativi nelle stagioni di esercizio degli impianti di riscaldamento entro i limiti di legge di 20 – 22 °C; Mantenimento delle condizioni di comfort termico negli ambienti interni nel periodo estivo.
- Requisiti tecnologici: Controllo dei fenomeni di condensa superficiale e interstiziale; Controllo della combinazione "Temperatura – Umidità – Ventilazione"; Resistenza termica e inerzia termica ai fini del risparmio energetico e del comfort ambientale interno.
Riprendendo la definizione di R. Banham si possono descrivere le prestazioni energetiche dell'involucro architettonico secondo quattro modelli di controllo ambientale: Involucro conservativo, Involucro selettivo, Involucro rigenerativo e Involucro bioclimatico avanzato.
Altri autori identificano un quinto modello di controllo ambientale: Involucro architettonico intelligente, adattivo e interattivo: progettato e realizzato per adattarsi come un vero e proprio essere vivente al variare delle condizioni ambientali.
Pertanto l'involucro, come "pelle", svolge un ruolo determinante quale sistema dinamico di filtro ambientale, capace non solo di regolare i flussi di calore, radiazione, aria e vapore, ma anche di convertire la radiazione in energia (termica ed elettrica). Analizzando le prestazioni energetiche dell'involucro si dovrebbe considerare anche la possibilità di produrre energia attraverso le sue componenti, oltre a quella di conservare energia a favore dell'ambiente interno. L'intelligenza di un componente di facciata si può, quindi, misurare in relazione alle modalità secondo cui esso sfrutta le fonti energetiche rinnovabili per assicurare il mantenimento di condizioni confortevoli al suo interno in termini di riscaldamento, raffrescamento, ventilazione e illuminazione naturale. L'involucro architettonico si è lentamente evoluto da elemento barriera prevalentemente protettivo in complesso sistema-filtro selettivo e polivalente, dove forma e funzione hanno registrato nel tempo un'evoluzione sostanziale sia nell'uso dei materiali sia nelle prestazioni dei suoi componenti. Dal concetto di involucro come elemento energeticamente passivo, di separazione tra ambiente interno e esterno, si passa al concetto di involucro come elemento dinamico e interattivo del complesso sistema energetico che regola il funzionamento dell'edificio e ne caratterizza l'immagine, dove l'evoluzione tecnologica delle prestazioni energetiche dell'involucro architettonico è registrabile e percepibile attraverso la smaterializzazione delle superfici che lo costituiscono. Gli elementi opachi massivi di chiusura verticale e orizzontale vengono bucati da superfici trasparenti di dimensioni sempre maggiori che conferiscono sempre più spazio alla trasmissione della luce per un'adeguata illuminazione degli ambienti interni.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
- 3 - 1) INTRODUZIONE È ricorrente nel quotidiano sentir parlare di prestazioni energetiche dell’involucro edilizio, quale terminologia per indicare il comportamento in uso (ovvero durante la vita utile) degli elementi costruttivi costituenti le “chiusure” di un edificio, rispetto a sollecitazioni indotte da azioni termiche e igrometriche. Il termine “chiusura” (utilizzato nella scomposizione del sistema tecnologico nella UNI 8290:1981) è stato di recente sostituito dal più completo "involucro edilizio", a sottolineare il concetto di globalità delle parti che definiscono un ambiente interno (caratterizzato da condizioni “climatico/ambientali” stabili) rispetto ad un ambiente esterno (variabile per natura). Le prestazioni dell‟involucro devono garantire il comfort termico e igrometrico degli spazi confinati e il contenimento dei consumi energetici mediante il soddisfacimento dei seguenti requisiti prestazionali:  Requisiti ambientali:  Mantenimento della temperatura dell‟aria negli spazi abitativi nelle stagioni di esercizio degli impianti di riscaldamento entro i limiti di legge di 20 – 22 °C;  Mantenimento delle condizioni di comfort termico negli ambienti interni nel periodo estivo.  Requisiti tecnologici:  Controllo dei fenomeni di condensa superficiale e interstiziale;  Controllo della combinazione “Temperatura – Umidità – Ventilazione”;  Resistenza termica e inerzia termica ai fini del risparmio energetico e del comfort ambientale interno.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

bioarchitettura
risparmio energetico
sostenibilità
fotovoltaico
fonti energetiche rinnovabili
riqualificazione energetica
solare termico
involucro
schermature solari
serra solare
classe energetica
audit energetico
riqualificazione architettonica
pelle dell'edificio
monte di procida
metodo mattioni
fattori esterni ambientali bioclimatici
studio delle ombre
venti prevalenti
audit termico
comfort termico e igrometrico

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi