Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il caso dello sciopero Honda in Cina. L'importanza effettiva della contrattazione collettiva

La contrattazione collettiva nella RPC incontra numerose limitazioni sia legislative che sociali. L'esperienza cinese le attribuisce un'interpretazione diversa rispetto a quella occidentale dove essa è strumento per porre rimedio ai conflitti. Il sistema legislativo cinese manca di una vera e propria legge in materia. Viene illustrata infatti la prospettiva occidentale in particolare riguardo ai contratti, e confrontata poi con gli elemnti politico giuridici cinesi e gli annessi ilimiti della legislazione. Infine attraverso l'analisi del caso dello sciopero della Honda vengono evidenziati i limiti e i problemi del caso cinese.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 Introduzione Le Relazioni Industriali Le relazioni industriali e le loro dinamiche attraggono da sempre l’attenzione del mondo accademico e dei lavoratori dipendenti in quanto raccolgono al loro interno un profondo legame tra tre aspetti fondamentali della società: la politica, l’economia e la sociologia. Difatti, il termine stesso è composto da due elementi importanti in stretto legame reciproco: “relazione” ed “industriale”, riferendosi con il primo alla relazione che esiste nell’azienda o industria tra il datore di lavoro e i suoi impiegati. Il termine è usato per evidenziare la relazione tra l’amministrazione aziendale e i lavoratori soprattutto da un punto di vista collettivo, denotando inoltre un tipo di relazione non occasionale ma ripetitiva e quotidiana. Mentre con il secondo ci si riferisce, invece, a qualsiasi attività produttiva nella quale un individuo, o un gruppo di individui, è, o sono, coinvolti. Nello specifico, il termine inglese “industry” indentifica tutti i settori di attività, compreso quello del terziario, per cui non è anormale parlare di relazioni industriali anche in riferimento alle relazioni della pubblica amministrazione, considerando invece che, per antonomasia, il termine contrattazione collettiva viene associato ai livelli aziendali. 1 Tradizionalmente il termine è usato per identificare aspetti della vita industriale quali il sindacalismo, la contrattazione collettiva, la partecipazione dei lavoratori nell’amministrazione aziendale, la cura della disciplina tra i lavoratori e le dispute aziendali. Utilizzando le parole dell’economista inglese Richard A. Lester: “le relazioni industriali coinvolgono gli sforzi per raggiungere le soluzioni dei conflitti tra obiettivi e valori; tra il motore del profitto e lo scopo sociale; tra la disciplina e la libertà; tra l’autorità e la democrazia industriale; tra la contrattazione e la cooperazione, ed infine tra gli interessi contrastanti dell’individuo, del gruppo e della comunità. 2 ” Il cosiddetto mondo occidentale, ovvero l’Europa, gli Stati Uniti d’America, il Canada, ha da sempre dimostrato una particolare attenzione circa questa tematica, in parte spiegabile e riconducibile proprio al background storico e culturale che ci ha e ci caratterizza. Da un lato, la maggior attenzione dell’emisfero occidentale è dovuta al fatto che le relazioni industriali siano nate, 1 Il contratto collettivo nasce come aziendale, agli inizi del secolo e si occupa principalmente dalla parte retributiva (concordati di tariffa). 2 Richard A. Lester,“Labor and industrial relations, a general analysis”, McMillan 1951, New York

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Lingue e Letterature Straniere

Autore: Sara Bachis Contatta »

Composta da 133 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 314 click dal 02/03/2012.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.