Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Le caratteristiche individuali nella determinazione del benessere percepito in provincia di Viterbo

Questo lavoro si inserisce in un ventaglio di ricerche molto ampio che ruotano intorno al concetto di benessere, tema che nel corso degli anni ha coinvolto numerosissimi studiosi di diverse discipline, portando alla produzione di una grande quantità di documenti con analisi e risultati assai differenti.
In questa ampia varietà di contributi, spesso si è tentato di dare al concetto di benessere una collocazione all’interno di una disciplina, accostandolo ora ad aspetti monetari, ora ad aspetti sociologici; indagandone le determinanti sia a livello aggregato che a livello individuale; studiandone i contenuti da un punto di vista oggettivo e/o soggettivo; offrendone spesso definizioni che, seppur appropriate, sono quasi sempre risultate essere incomplete.
Lo studio presentato in questa tesi di laurea non è ovviamente scevro da difetti o mancanze, specialmente perché basato su una indagine di campo che, almeno in Italia, non ha precedenti, sia per l’oggetto di studio che per la metodologia adottata.
Questo lavoro, che non ha la presunzione di voler dare una definizione assoluta del benessere e degli strumenti più idonei per una sua valutazione, ha comunque il pregio di inserirsi in quel filone di studi che, da Amartya Sen in poi, ha assunto e metabolizzato gli aspetti interdisciplinari e multidimensionali del benessere, ponendo al centro dell’analisi l’essere umano considerato nella sua individualità.
Nel primo capitolo, attraverso il pensiero di filosofi, sociologi ed economisti, verrà presentata una sintetica panoramica delle diverse accezioni che il concetto di benessere individuale ha assunto nel corso degli anni. Da una concezione puramente materiale, legata all’utilità personale anche a scapito del bene morale, passando per una concezione prettamente economica e monetaria, si è arrivati, proprio con il lavoro dell’economista indiano premio Nobel Amartya Sen, al riconoscimento dell’importanza che rivestono le opportunità offerte agli esseri umani, strettamente connesse al concetto di libertà, nel determinare il benessere dell’individuo.
Nel secondo capitolo, sulla scorta di quanto proposto e teorizzato da Sen e dal suo approccio delle capacità, si tenterà di dare una definizione più esatta del concetto di benessere individuale. Tale approccio al concetto di benessere ha indirizzato l’obiettivo della tesi che si è concretizzato nell’individuare una metodologia d’indagine che permettesse di rilevare e misurare adeguatamente tale benessere in una realtà locale, nel caso specifico identificata con la provincia di Viterbo.
Nel terzo capitolo sarà presentato il caso di studio, descrivendone nello specifico la metodologia adottata per procedere nella rilevazione e nell’analisi del benessere individuale nel territorio suddetto. Questo verrà presentato descrivendo le tre fasi di svolgimento dell’indagine, che hanno riguardato in particolare; in primo luogo la progettazione della stessa, la definizione degli strumenti più appropriati allo scopo e l’acquisizione concreta dei dati; in secondo luogo, la misurazione del benessere individuale rilevato attraverso la costruzione di un indice sintetico; infine, la preparazione dei dati raccolti e il relativo inserimento su supporto informatico ai fini di una elaborazione statistica.
Tale elaborazione sarà oggetto del quarto e ultimo capitolo del presente lavoro, nel quale saranno descritti: il territorio d’indagine, il campione d’intervistati, gli strumenti statistici e informatici utilizzati per l’analisi dei dati e i principali risultati ottenuti.
A conclusione del lavoro saranno proposti alcuni commenti e considerazioni in merito ai risultati dell’applicazione empirica, interpretando tali osservazioni alla luce degli argomenti trattati nei precedenti capitoli e dei possibili sviluppi riguardo alla valutazione del benessere che la metodologia proposta è in grado di offrire.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 INTRODUZIONE Questo lavoro si inserisce in un ventaglio di ricerche molto ampio che ruotano intorno al concetto di benessere, tema che nel corso degli anni ha coinvolto numerosissimi studiosi di diverse discipline, portando alla produzione di una grande quantità di documenti con analisi e risultati assai differenti. In questa ampia varietà di contributi, spesso si è tentato di dare al concetto di benessere una collocazione all‟interno di una disciplina, accostandolo ora ad aspetti monetari, ora ad aspetti sociologici; indagandone le determinanti sia a livello aggregato che a livello individuale; studiandone i contenuti da un punto di vista oggettivo e/o soggettivo; offrendone spesso definizioni che, seppur appropriate, sono quasi sempre risultate essere incomplete. Lo studio presentato in questa tesi di laurea non è ovviamente scevro da difetti o mancanze, specialmente perché basato su una indagine di campo che, almeno in Italia, non ha precedenti, sia per l‟oggetto di studio che per la metodologia adottata. Questo lavoro, che non ha la presunzione di voler dare una definizione assoluta del benessere e degli strumenti più idonei per una

Tesi di Laurea Magistrale

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Valerio Prata Contatta »

Composta da 121 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 432 click dal 02/03/2012.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.