Skip to content

Contratto di garanzia e promessa del fatto del terzo

Informazioni tesi

  Autore: Pierpaolo Galante
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2009-10
  Università: Università degli Studi di Napoli - Federico II
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Biagio Grasso
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 484

Il presente studio si propone di analizzare le possibili accezioni funzionali del negozio attraverso cui s’intende garantire un diritto di credito. Una nozione risalente, sulla base di un’analisi sistematica avente ad oggetto i contratti di garanzia specificamente contemplati dal codice civile, ravvisava nell’obbligazione di garanzia uno strumento per rafforzare le ragioni del creditore, con l’accrescerne le probabilità di soddisfazione. L’osservazione attenta della prassi economica e commerciale evidenzia, tuttavia, che le varie figure contrattuali che perseguono una funzione di garanzia non si lasciano inquadrare dal citato concetto. Alla luce di siffatta considerazione si è proposta un’idea più moderna di garanzia, che le assegna piuttosto finalità di controllo e riduzione del rischio di mancato soddisfacimento, per questa via privilegiando un’indole in cui prevalgono scopi indennitari.
L’inquadramento della promessa del fatto del terzo come contratto di garanzia ha fondamento dogmatico in tale visione funzionale dell’istituto.
La materia è distribuita in tre capitoli. Nel primo si espongono i caratteri peculiari dei contratti di garanzia accolti nel sistema del codice, con particolare riguardo alla fideiussione, figura negoziale che rappresenta tanto nella prassi, quanto nella teoria del diritto, una delle più antiche forme di tutela delle ragioni creditorie, nonché l’exemplum da cui originano le più recenti manifestazioni atipiche di garanzia (contratto autonomo, polizze fideiussorie e lettere di patronage). Sebbene il legislatore in nessuna norma enunci l’attributo dell’“accessorietà”, è opinione costante che esso sia intrinseco nel fondamento causale di garanzia dei contratti in questione, che, in quanto preordinati alla tutela di un credito preesistente, implicano un collegamento genetico e funzionale del rapporto di garanzia con quello principale.
Il capitolo secondo ha per oggetto l’analisi concernente l’operazione negoziale denominata “promessa del fatto del terzo”, figura contrattuale che (a dispetto del nome) potrà inserirsi in un più ampio regolamento d’interessi, o anche presentarsi come autonoma negoziazione. Il coacervo di opinioni dottrinali e giurisprudenziali in ordine alla natura dell’obbligazione assunta dal promittente rende necessario un esame delle diverse tesi proposte circa la natura dell’obbligazione assunta dal promittente, da cui si evince che l’evoluzione dialettica delle considerazioni sul tema conduce alla descrizione dell’impegno assunto dal promittente come obbligazione di garanzia. Secondo tal insegnamento, con la conclusione della promessa il promittente assume il rischio del mancato compimento del fatto del terzo, indipendentemente da ciò che farà per indurre il terzo a compiere il fatto. Il promissario ha la certezza di contare su un’utilità sostitutiva rispetto al fatto del terzo promesso: il pagamento dell’indennizzo. Il concetto di garanzia assunto a fondamento del citato orientamento interpretativo descrive l’assunzione, da parte del garante, dell’onere economico del rischio che il terzo non compia quanto promesso dal promittente.
Rilevanti interrogativi solleva il tema del quantum debitum, per il caso che il fatto del terzo non si verifichi. Una risposta alla questione dipenderà dalla concezione che si accolga circa la funzione esplicata dalla promessa del fatto del terzo.
Il terzo capitolo è dedicato, infine, alla c.d. garanzia autonoma, le cui origini teoriche sono rintracciabili nella figura del Garantieverträge, categoria cui la dottrina moderna e la giurisprudenza riconducono soprattutto una serie di garanzie “a prima domanda” utilizzate nella prassi commerciale.
L’analisi separata delle diverse fattispecie condurrà ad individuare un gruppo di contratti con funzione di garanzia che possono addirittura prescindere dalla stessa esistenza del negozio principale, o attraverso cui il garante può assumere i c.d. rischi atipici del contratto, concernenti l’evenienza dell’invalidità o della risoluzione del negozio principale. Il risultato del <> dell’operatività della garanzia rispetto alle vicende del negozio “garantito” costituisce per siffatta forma contrattuale un effetto del suo fondamento causale autonomo.
La locuzione “contratto di garanzia” starà qui ad indicare non la causa del negozio (causa cavendi), bensì la funzione della prestazione posta in essere dal garante, volta alla protezione dell’interesse del beneficiario a non subire detrimento per la conclusione di un certo affare.
Gli studi dedicati a siffatta forma contrattuale conducono ad importanti risultati sistematici circa l’inquadramento della promessa del fatto del terzo tra i contratti di garanzia.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE Il presente studio si propone di analizzare le possibili accezioni funzionali del negozio attraverso cui s’intende garantire un diritto di credito. Una nozione risalente, sulla base di un’analisi sistematica avente ad oggetto i contratti di garanzia specificamente contemplati dal codice civile, ravvisava nell’obbligazione di garanzia uno strumento per rafforzare le ragioni del creditore, con l’accrescerne le probabilità di soddisfazione. L’osservazione attenta della prassi economica e commerciale evidenzia, tuttavia, che le varie figure contrattuali che perseguono una funzione di garanzia non si lasciano inquadrare dal citato concetto. Alla luce di siffatta considerazione si è proposta un’idea più moderna di garanzia, che le assegna piuttosto finalità di controllo e riduzione del rischio di mancato soddisfacimento, per questa via privilegiando un’indole in cui prevalgono scopi indennitari. L’inquadramento della promessa del fatto del terzo come contratto di garanzia ha fondamento dogmatico in tale visione funzionale dell’istituto. La materia è distribuita in tre capitoli. Nel primo si espongono i caratteri peculiari dei contratti di garanzia accolti nel sistema del 7

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

garanzie
contratto autonomo di garanzia
performance bond
fideiussione
accessorietà
garanzia autonoma
promessa del fatto del terzo
polizze fideiussorie
a prima richiesta
garanzia a prima richiesta
senza eccezioni
solve et repete
bankgarantie
garanzie autonome
garanzia bancaria passiva
garanzia del credito
bid bond
lettere di patronage
fideiussio indemnitatis
maintance bond
obbligazione di garanzia
garantievertrage

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi