Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La consulenza finanziaria: dal promotore finanziario al consulente indipendente

L'attuale evoluzione legislativa europea, in riferimento all'attività di consulenza finanziaria, si può suddividere in due macro-categorie in risposta alle esigenze di investimento dei risparmiatori. Da un lato ci sono le banche e le SIM che possono trovarsi ad operare in conflitto di interesse nelle attività di collocamento di prodotti e servizi finanziari, e si avvalgono dei promotori finanziari, in qualità di monomandatari, per promuovere il proprio servizio di consulenza nelle offerte fuori sede; dall'altro una categoria di professionisti, privi di conflitto di interesse, che hanno come scopo l'ottenimento del risultato positivo nel completo interesse del cliente, consigliando portagofli di investimento efficienti e diversificati sui vari prodotti e strumenti finanziari offerti dal mercato.
La crisi finanziaria attuale ha fatto crescere, in una percentuale sempre maggiore di investitori, la consapevolezza nel valore aggiunto offerto dalla consulenza finanziaria indipendente, permettendo così un rapido sviluppo della consulenza "fee only".
L'elaborato ripercorre l'evoluzione legislativa nazionale e comunitaria, per passare poi alla presentazione e contrapposizione della figura del consulente finanziario rispetto al promotore finanziario.
Il terzo capitolo presenta le associazioni di categoria ANASF e NAFOP e il network Consultique.
Al quarto capitolo vengono presentati i principali prodotti finanziari sui quali viene prestata consulenza, ad esempio i fondi comuni di investimento, le obbligazioni, gli etf, i mutui.
Al quinto e ultimo capitolo viene descritta brevemente l'esperienza americana in materia.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 INTRODUZIONE L'argomento del lavoro qui presentato è rappresentato dall'analisi della consulenza in materia finanziaria, in particolar modo, della figura professionale del promotore finanziario e della nuova figura del consulente finanziario indipendente. Nel primo capitolo verranno esposte le tappe fondamentali nell’ordinamento giuridico italiano ed europeo in riferimento alla consulenza finanziaria e l’introduzione della figura professionale del promotore finanziario. Si partirà dalla Legge 2 gennaio 1991, n. 1, meglio identificata come legge istitutiva delle SIM, che, per la prima volta, regolamenta nel nostro ordinamento giuridico la figura del promotore finanziario nell’esecuzione dell’offerta fuori sede da parte degli intermediari finanziari. La normativa è stata integrata e modificata con le successive emanazioni legislative, in particolare il D. Lgs. 24 febbraio 1998, n. 58 (Testo Unico della Finanza) e la Direttiva MiFID, che possono definirsi più come principi generali che ferree regole burocratiche. Tali normative hanno avuto lo scopo di imporre sia divieti che obblighi di condotta per tutelare i risparmiatori con i quali i promotori interagiscono. Ne è risultato un insieme di regole finalizzate alla tutela e alla salvaguardia del risparmio basata su principi fondamentali di trasparenza, diligenza e correttezza comportamentali. Queste sono componenti necessarie agli intermediari finanziari e, quindi, anche al promotore finanziario, per rispettare la riservatezza dei dati acquisiti dai clienti e poter affrontare ogni sua esigenza informativa utilizzando le proprie conoscenze e strutture organizzative e professionali. Come si vedrà in seguito, il promotore finanziario è la persona fisica che, nell’interesse di un solo soggetto economico (SIM, SGR o banche), esercita

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Leda Zanfranceschi Contatta »

Composta da 112 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4710 click dal 05/03/2012.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.