Skip to content

Il museo dell'Ara Pacis di Richard Meier: dialogo tra antico e moderno a piazza Augusto Imperatore

Informazioni tesi

  Autore: Federica Ruggieri
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2010-11
  Università: Università degli Studi dell'Aquila
  Facoltà: Beni culturali
  Corso: Scienze dello spettacolo e della produzione multimediale
  Relatore: Ester Coen
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 144

Il lavoro da me svolto nasce dall'idea di analizzare il rapporto tra l'architettura antica e quella contemporanea, prendendo in esame la realtà di piazza Augusto Imperatore a Roma. Qui l'intervento dell'architetto americano Richard Meier ha dato vita ad una diatriba tra coloro che si esprimono favorevolemte nei confronti di interventi contemporanei all'interno di centri storici ben radicati e coloro che invece condannano tali soluzioni giudicate delle intrusioni in realtà a loro del tutto estranee, che appartengono al passato. Proprio partendo dall'analisi di queste divergenze ho tentato di carpire il legame con la tradizione che Meier ha cercato di esaltare, ripercorrendo l'intera vicenda che ha visto sovrapporsi in piazza Augusto testimonianze di epoche diverse. In particolare ho evidenziato le relazioni che intercorre tra il precedente intervento dell'epoca fascista da parte dell'architetto Vittorio Ballio Morpurgo e il nuovo museo dell'Ara Pacis.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
3 INTRODUZIONE “L’architettura abbraccia l’intero ambiente della vita e rappresenta l’insieme delle trasformazioni operate sulla superficie terrestre in vista delle necessità umane” William Morris Lo scorrere del tempo genera dei cambiamenti: la società evolve, mutando di volta in volta i propri valori, i propri bisogni. Inevitabilmente cambiano anche le espressioni e i “segni” con cui questa società si esprime e si manifesta. Naturalmente anche il campo dell’estetica e dell’arte, in particolare quella architettonica, vengono investiti da una serie di trasformazioni che rispecchiano il bisogno di soddisfare le necessità umane, attraverso interventi operati sulla superficie terrestre che tendono a migliorare la realtà. L’architettura, dunque, è l’espressione visibile dei cambiamenti sociali: da sempre l’uomo è intervenuto sul territorio per modificarlo in base alle proprie esigenze, così da permetterne anche una migliore fruizione, tramite costruzioni e soluzioni che hanno continuamente trasformato l’aspetto delle nostre città e del nostro paesaggio, generando così una serie di stratificazioni che non sono altro che la prova evidente dei vari cambiamenti sociali generati dal passare del tempo. Questo richiama direttamente il tema attorno al quale si svilupperà questo lavoro, ossia il problema del rapporto tra antico e moderno: da sempre si discute sulla difficoltà di far convivere sullo stesso territorio una testimonianza passata con la rappresentazione del contemporaneo e a prima vista questo sembrerebbe un binomio inconciliabile. Il timore è che la funzione e i valori della città storica possano essere eclissati da esigenze moderne che in nessun modo corrispondono a quelle passate, facendo così nascere quelle contraddizioni visive che ci propongono un contrasto apparentemente insanabile tra le due città 1 . I punti di vista attraverso cui si può 1 Mario Manieri Elia, “Il nuovo nell’esistente, un innesto possibile”, in Manutenzione e recupero nella città storica. L’inserzione del vecchio nel nuovo a trent’anni da Cesare Brandi, ARCO (Associazione per il recupero del costruito) a cura di Alessandra Centroni, Roma Gangemi, 2004, pag. 10

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

fascismo
polemiche
richard meier
ara pacis
vittorio ballio morpurgo
rapporto tra antico e moderno
piazza augusto imperatore

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi