Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La realtà economica e politica della Sicilia vista attraverso gli amministratori della DUcea di Bronte

Ho utilizzato per la mia ricerca la documentazione conservata nel fondo Nelson, presso l’Archivio di Stato di Palermo . I documenti esaminati vanno dal 1820 al 1929 e sono complessivamente 185, di cui 170 lettere, 9 telegrammi , 4 conti , un opuscolo illustrativo e un regio decreto .Nel primo capitolo La storia dell’Italia dell’Ottocento è strettamente connessa alle mire espansionistiche di Francia e Inghilterra sull’Italia e, soprattutto, sulla nostra isola, considerata un vero e proprio avamposto strategico nel Mediterraneo. Entrambe le potenze volevano conquistare i più importanti mercati d’Europa. Nella battaglia di Trafalgar (1805), il grosso delle flotte francesi e spagnole riunite, venne annientato dall’ammiraglio Nelson, che vi perdette la vita. Sicilia a partire dal 1806, diviene il punto di maggiore concentrazione militare e mercantile inglese nel MediterraneoIl secondo capitolo è dedicato alla storia della Ducea inglese. Ferdinando fu costretto a fuggire da Napoli e a cercare appoggio in Sicilia, dove si rassegnò a chiedere aiuto agli inglesi, nella persona dell’ammiraglio Nelson, reduce di una battaglia combattuta ad Abukir, dove sconfisse la flotta francese. In seguito Orazio Nelson, soffocò la Repubblica Partenopea. In segno di riconoscimento, re Ferdinando concesse allo stesso Nelson, tramite un Real Diploma, le terre, la città di Bronte, nonché il titolo di Duca. Il terzo capitolo si analizzano le lettere situazione internazionale molto delicata di questi anni, che va dalla Restaurazione fino allo scoppio delle rivoluzioni liberali e indipendentiste di Spagna, Grecia e Russia, dando particolare importanza, anche alla susseguente situazione nazionale, nonché isolana, vale a dire ai moti che si sono avuti a Palermo, Messina e Bronte.L’agricoltura e gli scambi commerciali stanno alla base del terzo capitolo, dove si affronta un discorso relativo alle coltivazioni, allo stato dei fondi e dei giardini e ai prezzi dei prodotti delle terranel quarto capitolo focalizziamo la nostra attenzione sull’ innovazione e sul progresso tecnologico che si diffondono a Bronte, grazie alla realizzazione di una ferrovia denominata “Circumetnea” e all’introduzione del sistema del parafulmine.

Mostra/Nascondi contenuto.
PREMESSA 4

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Cinzia Giaidone Contatta »

Composta da 420 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 387 click dal 02/03/2012.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.