Skip to content

Applicazione di Metodi Perturbativi Post-SCF allo Studio di Sistemi Cristallini: dal Metodo MP2 ai Metodi DFT-Doppiamente Ibridi

Informazioni tesi

  Autore: Simona Fabre
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2010-11
  Università: Università degli Studi di Torino
  Facoltà: Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali
  Corso: Chimica
  Relatore: Bartolomeo Civalleri
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 273

Studio computazionale e valutazione comparata dei metodi di calcolo Hartree-Fock HF, Møller-Plesset al secondo ordine MP2, funzionale ibrido B3LYP e funzionali doppiamente ibridi B2-PLYP, B2GP-PLYP e mPW2-PLYP, utilizzando i programmi di calcolo periodico ab-inito CRYSTAL e CRYSCOR, sviluppati dal gruppo di Chimica Teorica dell’Università di Torino.
Scopo di questa tesi è l’estensione dell’applicazione di quest’ultima tipologia di funzionali, di recente elaborati e parametrizzati per sistemi molecolari, ai sistemi cristallini; la verifica dell’accuratezza conseguita è stata effettuata tramite determinazione delle energie di coesione (ottenute attraverso estrapolazione al limite del set base completo CBS) per una serie di sistemi modello per i quali erano disponibili valori di riferimento sperimentali e derivati con altri metodi di calcolo, riportati in letteratura.
La prima sezione rappresenta una breve panoramica sui metodi di calcolo considerati; la seconda e la terza introducono le caratteristiche salienti degli strumenti computazionali utilizzati, ponendo particolare attenzione alla definizione dei parametri di calcolo dei programmi utilizzati, in particolare di CRYSCOR.
Nella sezione risultati sono riportati e discussi i risultati ottenuti per diverse classi di sistemi cristallini in esame: cristalli di idruro e fluoruro di litio LiH e LiF; sistemi polimerici di acido fluoridrico e cloridrico poly-HF e poly-HCl; cristallo molecolare di ammoniaca NH3.
Per tutti questi sistemi, i funzionali doppiamente ibridi raggiungono un eccellente livello di accuratezza nel calcolo dell’energia di coesione, pur manifestando una carenza descrittiva delle forze di dispersione. L’inclusione della correzione empirica (DFT-D2) implementata nel programma CRYSTAL ed applicata al cristallo di ammoniaca comporta il miglioramento dei risultati ottenuti.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Applicazione di Metodi Perturbativi Post-SCF allo Studio di Sistemi Cristallini: dal Metodo MP2 ai Metodi DFT Doppiamente-Ibridi I Introduzione Il rapido sviluppo dei calcolatori degli ultimi decenni ha favorito la diffusione ed il perfezionamento di diverse tecniche computazionali applicate alle scienze chimiche. Il miglioramento nell’accuratezza delle previsioni teoriche, in particolare quelle ottenute con metodologie derivate dalla chimica quantistica, ha promosso l’accostamento ed il confronto con i risultati sperimentali, oggigiorno divenuto cruciale per lo studio di molecole e la progettazione di nuovi materiali. Dagli inizi della meccanica quantistica ad oggi, sono stati sviluppati diversi metodi quantomeccanici detti anche ab-initio e finalizzati alla descrizione di sistemi multielettronici [1][2] : partendo dai metodi basati sulla funzione d’onda, tra i quali l’approssimazione base è rappresentata dal metodo Hartree-Fock, sono state elaborate diverse tecniche, denominate post-HF per migliorare l’accuratezza conseguita, tra le quali ricordiamo, per la rilevanza che assume in questo lavoro, il metodo perturbativo Møller- Plesset al secondo ordine MP2; ed affiancate dal concomitante sviluppo di metodi basati sulla densità elettronica, inquadrati all’interno della teoria del funzionale della densità Density Functional Theory DFT [3] . Il metodo Hartree-Fock, basato sulla funzione d’onda, permette di valutare in modo auto- consistente (Self Consistent Field) l’energia di un sistema; tuttavia, l’introduzione dell’approssimazione monodeterminatale e di campo medio (o potenziale effettivo HF, utilizzato per la descrizione dell’interazione interelettronica), comporta una differenza tra il valore di energia dello stato fondamentale del sistema reale e la sua corrispondente stima a livello HF: questa differenza rappresenta l’energia di correlazione elettronica originata dalla repulsione istantanea tra elettroni e scomponibile in due contributi: il primo, a corto raggio, è originato dal moto istantaneo degli elettroni individuali e meglio noto come correlazione dinamica; il secondo, a lungo raggio e denominato correlazione statica (o non dinamica), è indotto dall’utilizzo di un singolo determinante, in molti casi non sufficiente, per la descrizione completa della funzione d’onda dello stato fondamentale [5] . Parallelamente al metodo HF, la teoria del funzionale della densità DFT, che si basa sui teoremi elaborati da Hohenberg-Kohn e sull’approccio di Kohn-Sham, ha permesso lo sviluppo di tecniche alternative in cui l’energia dello stato fondamentale del sistema è espressa come funzionale della densità elettronica ) . Elemento fondamentale di tutti i metodi DFT è il potenziale locale di scambio e correlazione, ) , sconosciuto e scomponibile in due termini: uno di scambio e l’altro di correlazione.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

hf
dft
mp2
dhdf
energia di correlazione
b2plyp
mpw2plyp
b3lyp
b2gpplyp

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi