Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Le due Bosnie in Sasa Stanisic: prima e dopo la guerra in Jugoslavia

La presente tesi ha come obiettivo principale l'indagine della situazione in cui verteva la Bosnia prima e dopo la guerra in Jugoslavia. Nella prima parte vengono analizzati gli anni della dittatura di Tito, con grande accento sul sentimento jugoslavo, sinonimo di fratellanza, uguaglianza e pace per i popoli balcanici. La seconda parte tratta, invece, la difficile situazione in cui si è venuta a trovare la Jugoslavia e, in particolar modo, la Bosnia, a partire dal 1980, anno della morte del suo padre fondatore. I personaggi del romanzo di Sasa Stanisic vengono presi come rappresentanti "del prima" e "del dopo".

Mostra/Nascondi contenuto.
3 INTRODUZIONE Brevi cenni biografici su Saša Stanišic Saša Stanišis è il nato il sette marzo 1978 a Višegrad, una cittadina nell'est della Bosnia, da madre bosniaca e padre serbo. Fino a quattordici anni la sua esistenza sembra scorrere tranquilla accanto alla verde Drina. Il 1992 è l'anno della svolta che cambia radicalmente il suo modo di vivere e pensare. Lo scoppio della guerra civile bosniaca, lo rende testimone di fatti atroci e lo costringe, insieme alla sua famiglia, ad abbandonare l'amata terra natale alla volta di paesi stranieri sconosciuti. La famiglia Stanišic si trovava, infatti, in una situazione doppiamente rischiosa all'epoca. Oltre alla minaccia della guerra gli Stanišic temevano eventuali persecuzioni a causa del loro matrimonio misto, fatto considerato sconveniente dalle truppe d'assedio. Ad una settimana dallo scoppio della guerra sono costretti a cercare rifugio nel sud della Germania, presso alcuni parenti benevoli, da tempo residenti nella regione. Dopo l'iniziale ostilità dell’ambiente, rafforzata dalla difficoltà di adattarsi in una terra straniera, Saša inizia a frequentare la Gesamtschule di Heidelberg, dove ha la possibilità di avvicinarsi per la prima volta al mondo della scrittura. Le sue capacità e la sua volontà di apprendere vengono notate dai suoi insegnanti, i quali decidono di incentivarlo, promuovendolo alla classe di preparazione per il liceo. Nel 1997 consegue la maturità e intraprende lo studio di germanistica presso l'Università di Heidelberg. In particolare frequenta il corso di studio dedicato al tedesco come lingua straniera, il cosiddetto Deutsch als Fremdsprache, che punta a far apprendere la cultura tedesca tenendo conto del fatto che non si rivolge in prima istanza a tedeschi madrelingua e considera la tradizione della cultura tedesca in una prospettiva interculturale. Durante gli anni universitari si dedica pure allo studio della slavistica. Dopo la laurea collabora come assistente professore Bucknell University di Lewisburg (Pennsylvania) Oltre allo studio, autofinanziato, si dedica alla scrittura creativa, scrivendo testi poetici in lingua tedesca a saggi brevi e racconti. Dal 2001 svariate riviste specialistiche pubblicano i suoi lavori, riviste del calibro della Krachkultur, chiméra/sprachgebunden o Edit. Nel 2006 debutta con il suo romanzo d'esordio, Wie der Soldat das Gramofon repariert, pubblicato dalla casa editrice Luchterhand.

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Gabrijela Markovic Contatta »

Composta da 168 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 558 click dal 05/03/2012.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.