Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Effetti dell'allenamento Squat Jump con sovraccarico del 25% del peso corporea su forza, architettura muscolare e performance.

PROPOSTA: lo scopo di questo studio era di studiare gli adattamenti di forza, architettura muscolare e performance, in seguito ad allenamento Squat Jump con carico pari al 25% del peso corporeo.

METODI: trenta soggetti maschi (20
RISULTATI: i valori di forza sono sensibilmente aumentati per quanto riguarda tutti e tre i regimi di contrazione del quadricipite femorale (Iso: 21,5%; Con: 15,8%; Ecc: 24,4%). I parametri relativi all'architettura muscolare hanno riportato un incremento della massa del muscolo (4,8%) ed un aumento della sezione trasversa dello stesso (8,2%); è stato inoltre riportato un aumento della lunghezza del fascicolo muscolare (4,6%). La performance ha visto il miglioramento nelle prestazioni di salto (SJ:4,9%; CMJ:4,5%), di sprint (10m: -5,1%; 30m: -2,6%) e di cambio di direzione (Shuttle 20m: -3,3%; T-Test: 8,8%).

CONCLUSIONI: l'allenamento di SQJ 25% BW costituisce un training adatto a sport di squadra come basket, calcio, volley, in sport individuali come il tennis ed in tutte le discipline il cui modello prestazionale richiede un'espressione di forza esplosiva in termini di salto, velocità di corsa e cambio di direzione.

Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE La ricerca si occupa di verificare se, un esercizio Squat Jump il cui sovraccarico è costituito dal 25% del peso corporeo (SJ 25% BW), rappresenta un'intensità funzionale al miglioramento di forza, performance e struttura muscolare. In questa sede si è cercato di descrivere i tratti più salienti degli adattamenti al fine di fornire uno strumento di allenamento significativo e multidisciplinare. L'intenzione è di rappresentare graficamente i risultati di un periodo di allenamento di 8 settimane portato a termine da 15 soggetti maschi ed allenati. L'elaborato è composto da quattro capitoli: nel Primo Capitolo viene inizialmente riportata un'ampia descrizione dell'anatomia microscopica del muscolo e della struttura del sistema neuro-muscolare, elementi fondamentali alla comprensione dei concetti successivi. In seguito l'attenzione si sposta sulle tre tipologie di forza principali (rapida, resistente ed esplosiva) e sull'importanza della forza stessa: non solo per l'incremento delle capacità specifiche di prestazione ma, anche, al fine di prevenire traumi e di equilibrare la postura. Nel Secondo Capitolo sono esaminati i vari metodi di allenamento alla forza. Poichè essa, nei suoi vari tipi di manifestazione, rappresenta un fattore determinante nella prestazione in quasi tutti gli sport, al suo sviluppo specifico va attribuito un ruolo importante. I metodi di allenamento alla forza sono molteplici, e molteplici sono gli adattamenti che possono creare. Ecco perchè risulta importante soffermarsi su tale aspetto: il modello prestativo di ciascuno sport possiede sfumature che lo differenziano dagli altri, e per questo necessita di programmi di allenamento della forza specifici. Il Terzo Capitolo rappresenta il fulcro dell'elaborato in quanto si provvede a descrivere nel dettaglio l'allenamento di Squat Jump sostenuto dai partecipanti; si prosegue con la descrizione di ciascun test che i soggetti hanno eseguito prima e dopo il periodo di training. I test in causa sono: 30m test, 20m shuttle test, T test, CMJ-SJ test, assorbimetria a raggi x a doppia energia (DEXA), Isokinetic test (Cybex), ecografia. Vengono presi in considerazione tutti i protocolli da noi utilizzati, ed infine, viene specificato l'oggetto della ricerca per ogni test. Nel medesimo capitolo figurano i risultati in forma numerica e grafica, con relativa discussione degli effetti ottenuti, motivando le modificazioni, createsi o meno, dopo il periodo di trattamento. Tali risultati sono posti a confronto con i risultati del gruppo di controllo ed infine vengono tratte le conclusioni. 4

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Scienze Motorie

Autore: Marco Trepin Contatta »

Composta da 79 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3143 click dal 06/03/2012.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.