Skip to content

Tentativo d’integrazione di misure geodetiche satellitari e terrestri: uno studio su Vulcano

Informazioni tesi

  Autore: Angelo Marco Naso
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2008-09
  Università: Università degli Studi di Catania
  Facoltà: Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali
  Corso: Fisica
  Relatore: Stefano Gresta
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 164

In questo lavoro di tesi abbiamo cercato di sovrapporre e di elaborare insieme, i dati forniti da tre diverse reti per il monitoraggio geodetico installate nell’area compresa tra la parte Sud dell’isola di Lipari e l’intera isola di Vulcano. Le tre reti sono diverse perché, le due più ampie (LIP-VUL e V-NORD) sono di tipo satellitare (misurate tramite apparati GPS), e la terza meno estesa (La Forgia) è di tipo terrestre (misurata tramite stazione totale). La sovrapposizione è possibile perché esse hanno alcuni caposaldi in comune. La rete Forgia è stata fissata specificatamente per il monitoraggio del fianco Nord del cono principale dell’isola di Vulcano, La Forgia appunto, in quanto si tratta del fianco del cono che sovrasta il Porto di Levante e il centro abitato. Infatti, tale fianco, è in continuo scivolamento anche a causa dell’alto grado di fumarolizzazione e fratturazione che lo caratterizza.
Inoltre, poiché l’intero arcipelago è posto nell’area tirrenica, esso si trova sopra la porzione di crosta terrestre teatro dello scontro tra la placca africana e quella eurasiatica e quindi su una zona altamente fratturata. Le reti più ampie, presentate in precedenza, servono a ricavare i movimenti del complesso vulcanico formato da Lipari e Vulcano.
Per poter sovrapporre queste tre reti è stato necessario studiare il funzionamento e le tecniche di monitoraggio terrestri, gli equivalenti satellitari e anche le loro differenti rappresentazioni. Infatti, il sistema GPS è ricondotto ad una superficie di riferimento diversa dalla superficie di riferimento a cui sono ricondotte le misure con stazione totale. Questa differenza ci obbliga a deformare le reti quando cerchiamo di sovrapporle. Il software che elabora i dati, cerca il miglior posizionamento delle varie stazioni, in funzione di ognuna di esse, minimizzando le deformazioni delle reti. Nella nostra analisi, abbiamo utilizzato tre diversi softwares, sia per trovare i migliori risultati, sia per problemi relativi alla lavorazione dei dati.
Attraverso le numerose elaborazioni effettuate, sono emersi vari problemi sia pratici che concettuali. Infatti, i plots finali sono affetti da incertezze sulle tre coordinate di ogni punto, maggiori delle componenti del moto previsto nell’intervallo interposto tra due campagne di misura consecutive, cioè un anno.
Abbiamo dunque deciso di esaminare in dettaglio tutte le fasi dell’analisi, così da trovarne e superarne i limiti. In questo modo, abbiamo trovato che le condizioni ambientali, le difficoltà di centramento dei riflettori ma soprattutto, gli errori strumentali della stazione totale, influenzano il posizionamento dei punti della Forgia. Gli errori sui punti di questa rete si ripercuotono sulla precisione del posizionamento dei punti appartenenti alle reti più ampie, guastando la qualità finale dell’intera elaborazione.
Vedremo anche che il software, nella ricerca del miglior posizionamento delle varie stazioni, influisce su alcune caratteristiche della rete che potrebbero risultare peculiari ad una analisi più approfondita e accurata dei dati.
Infine, eseguiremo un confronto tra le misure dei soli dati GPS relativi agli anni 2006 e 2008; tale confronto ci permetterà di confermare l’andamento del moto rilevato dagli studi precedenti.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Angelo Marco Naso Tentativo di integrazione di misure geodetiche satellitari e terrestri: uno studio su Vulcano 4 Elementi di cartografia La superficie terrestre nella rappresentazione cartografica Con la necessità di viaggiare, è nata l‟e si g e n za d i d is e g n a re i t e rr it o ri e l e coste dei continenti. In questo modo si aveva un valido mezzo per orientarsi nella scoperta di nuove terre e anche per tornare a casa. Per fare ciò, è stato necessario riportare in misura ridotta e sulle due dimensioni del piano, la superficie terrestre che si sviluppa nelle tre dimensioni spaziali. I primi tentativi nella costruzione di carte geografiche non si basavano su te cn ic h e rig o rose m a s o lo s u ll a se n s ib il it à e s cr u p o lo s it à d e l l‟e sp l o rato re . I risultati r a g g i u n t i e ran o l e g a ti a l li v e ll o d ‟accu rate zz a d e l le te c n ich e utilizzate, e quindi più vicini ad una interpretazione soggettiva che ad uno strume n to d ‟i n d a g in e scie n ti fi ca . Dopo millenni di tentativi si è arrivati a costruire quella che oggi conosciamo come carta geografica. La cartografia è la scienza che definisce le tecniche e gli strumenti matematici necessari per elaborare le carte geografiche. Poiché non è

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

gps
vulcano
analisi degli errori
stazione totale
geodesia
sovrapposizione reti
leica tps system 1200
trimble total control
leica geo-office

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi