Skip to content

Il commercio equo e solidale per la sensibilizzazione e costruzione di una reale alternativa al mercato

Informazioni tesi

  Autore: Silvia Simonetta
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2011-12
  Università: Università degli studi di Genova
  Facoltà: Scienze della Comunicazione
  Corso: Scienze della comunicazione
  Relatore: Antonella Primi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 130

Nella scelta di approfondire la conoscenza riguardo alla storia e alle proposte attuali del Commercio Equo e Solidale a Genova, la città in cui vivo, ha avuto un ruolo determinante la collaborazione all'attività svolta presso gli uffici della cooperativa “La Bottega Solidale”, con sede in via del Molo, dove ho potuto conoscere una realtà che dal 1990 è attiva in Liguria con iniziative e progetti, oltre che nella vendita dei prodotti nelle Botteghe.
Nonostante le diverse interpretazioni e trasposizioni operative nel mondo, i valori di riferimento del Commercio Equo e Solidale sono molto chiari: la solidarietà tra i cittadini del mondo qualunque sia il loro ruolo all'interno del mercato; la promozione dell'equità nei rapporti commerciali a tutela sia dei produttori, spesso sfruttati sia dei consumatori, spesso poco informati.Una delle denominazioni assegnate al movimento è “Commercio Alternativo” perché si colloca all'esterno dell'economia tradizionale, costruendo un’alternativa che mai come in questa fase di crisi economica globale, ha dimostrato la propria solidità e il consenso guadagnato nell'opinione pubblica a seguito delle campagne informative e di sensibilizzazione organizzate dai propri soci e volontari.Oltre alla vendita e alle azioni di sostegno allo sviluppo dei produttori-partner che lavorano nel Sud del mondo, le associazioni che si riconoscono nei princìpi del Commercio Equo sono animate dall'obiettivo di “educare” i cittadini perché diventino dei consumatori consapevoli del fatto che le scelte di acquisto comportano delle conseguenze sociali ed economiche sulle comunità di agricoltori e artigiani che hanno prodotto i beni esposti sopra gli scaffali dei negozi, tanto più nel contemporaneo contesto di mercato.La crisi economica iniziata il 15 settembre 2008 è stata attribuita da Amartya Sen, premio Nobel per l'economia nel 1998, all'eccesso di fiducia nella forza regolatrice del mercato, alla speculazione finanziaria e agli errori nell'azione politica dei governi di tutti i Paesi. Il problema non può essere risolto con delle decisioni che, per salvare il vecchio ordine, impongano nuove ingiustizie sociali; la ripresa è il traguardo da raggiungere attraverso il rispetto della libertà e la tutela della vita e del lavoro per tutti (La Repubblica, maggio 2010).
Il Commercio Equo e Solidale possiede le caratteristiche elencate da Amartya Sen per risollevare le sorti del mercato perché colloca al centro della propria azione l'uomo, qualunque sia il Paese di origine e la posizione sociale che occupa.
L'attività di vendita ha un ruolo marginale, soprattutto nella realtà italiana e nello specifico in quella genovese, su cui prevale il lavoro di educazione allo sviluppo attraverso l'organizzazione di eventi e manifestazioni che coinvolgono sia il pubblico più giovane, con giochi e percorsi didattici finalizzati a rendere i cittadini consapevoli del futuro, sia tramite convegni e azioni di sostegno allo sviluppo con cui informare i consumatori odierni.
In quest'ottica che privilegia l'aspetto formativo su quello commerciale, l'acquisto abbandona il ruolo di mero strumento di soddisfazione dei bisogni più o meno fondamentali secondo la personale piramide di Maslow che ognuno di noi si costruisce e, nel percorso realizzato da tutti gli operatori attivi nel Commercio Equo, si trasforma in un momento di riflessione, in un valore con cui è davvero possibile agire per cambiare la situazione di dipendenza economica di persone fisicamente lontane da noi che possono però ottenere benefici dalla scelta dei consumatori di comprare i loro prodotti.
Affine a quest’obiettivo è l'impegno dei volontari, degli operatori e dei soci delle Botteghe italiane di pianificare una serie di progetti ed eventi che coprano tutto l'anno e si rivolgano a un pubblico eterogeneo per diffondere un movimento che, a 40 anni di distanza dal suo inizio, ha già una visibilità e un'adesione ampia e in continua crescita.La trasposizione operativa delle precedenti premesse teoriche è rappresentata dalle proposte culturali, informative e di sensibilizzazione su tematiche inerenti il consumo critico e l'economia solidale.
Il coinvolgimento delle pubbliche amministrazioni locali e delle istituzioni, che hanno già riconosciuto il peso sociale ed economico raggiunto dal Commercio Equo italiano varando all'interno delle leggi regionali dei provvedimenti specifici che lo sostengono e lo tutelano, diventa fondamentale per ampliare la visibilità del movimento e ottenere concessioni anche in termini economici, a sostegno della sua azione.Migliorare gli strumenti con cui il movimento può diffondersi è un traguardo importante per diffondere la conoscenza dei suoi princìpi, delle iniziative e dei soggetti coinvolti, allo scopo di unire i consumatori responsabili di tutto il mondo in una rete che possa orientare la realtà economica odierna in una direzione più equa.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE Nella scelta di approfondire la conoscenza riguardo alla storia e alle proposte attuali del Commercio Equo e Solidale a Genova, la città in cui vivo, ha avuto un ruolo determinante la collaborazione all'attività svolta presso gli uffici della cooperativa “La Bottega Solidale”, con sede in via del Molo, dove ho potuto conoscere una realtà che dal 1990 è attiva in Liguria con iniziative e progetti, oltre che nella vendita dei prodotti nelle Botteghe. Sottovalutando molto la complessità del movimento alternativo, mi sono inizialmente impegnata nella lettura di testi scritti dai pionieri del movimento e dei documenti pubblicati su internet da parte delle organizzazioni, che hanno confuso molto le mie idee sulle strutture e sui meccanismi di azione della realtà equa. Nonostante le diverse interpretazioni e trasposizioni operative nel mondo, i valori di riferimento del Commercio Equo e Solidale sono molto chiari: la solidarietà tra i cittadini del mondo qualunque sia il loro ruolo all'interno del mercato; la promozione dell'equità nei rapporti commerciali a tutela sia dei produttori, spesso sfruttati sia dei consumatori, spesso poco informati. Una delle denominazioni assegnate al movimento è “Commercio Alternativo” perché si colloca all'esterno dell'economia tradizionale, costruendo un’alternativa che mai come in questa fase di crisi economica globale, ha dimostrato la propria solidità e il consenso guadagnato nell'opinione pubblica a seguito delle campagne informative e di sensibilizzazione organizzate dai propri soci e volontari. Oltre alla vendita e alle azioni di sostegno allo sviluppo dei produttori- partner che lavorano nel Sud del mondo, le associazioni che si riconoscono nei princìpi del Commercio Equo sono animate dall'obiettivo di “educare” i cittadini perché diventino dei consumatori consapevoli del fatto che le scelte di acquisto comportano delle conseguenze sociali ed economiche sulle comunità di agricoltori e artigiani che hanno prodotto i beni esposti 1

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi