Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Analisi per immagini del processo di Verona

Si tratta di un lavoro che identifica le responsabilità morali e le implicazioni filosofiche del filmato originale esistente che documenta l'esecuzione dei condannati, e del percorso processuale precedente corredato da immagini e considerazioni in particolar modo alla luce di quanto affermano Barthes, Lanzmann, Derrida, Didi-Huberman, Solla e Panattoni.

Mostra/Nascondi contenuto.
4 Introduzione L’analisi delle immagini attraverso le immagini è un procedimento che necessariamente conduce ad uno scontro dialettico tra entità morali e ideali spesso di difficile gestione. Lo scopo della presente tesi non è pertanto storico, storiografico o politico: l’indagine condotta in queste pagine si avvale di motivazioni e di argomentazioni di natura prettamente morale. Sulla vicenda giudiziaria del Processo di Verona ed in particolare sulla figura umana e politica di Galeazzo Ciano sono state compilate svariate tesi, principalmente nell’ambito del diritto penale, della filosofia del diritto e nella storia della politica italiana dello scorso secolo: non era stato svolto alcun lavoro sulla filosofia morale applicata alle contingenze storiche e alle analogie per immagini di queste drammatiche vicende. La fonte principale dei documenti visivi proposti in questa indagine è un filmato autentico dell’esecuzione dei condannati, da cui sono stati isolati i fotogrammi più significativi ai fini di questa tesi. Intorno a questo filmato circolano svariate ipotesi, di cui solo la minima parte è storicamente documentabile: si tratta di due pellicole AGFA da 35mm per 55 metri di materiale filmato, dalla durata di 50 secondi circa. La tradizione e le fonti più dirette (testimoni oculari, militi, ufficiale medico e addetti al servizio di sicurezza) sostengono che il cineoperatore fosse un giornalista militare nazista (documentabile storicamente è la macchina da presa con cui fu realizzato il filmato, di certa derivazione tedesca e conforme alle macchine da presa in uso ai nazisti in quel medesimo periodo), anche se alcuni ritengono

Laurea liv.I

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Francesco Mazzoli Contatta »

Composta da 34 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 380 click dal 06/03/2012.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.