Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Valorizzazione turistica del lago d'Orta e delle Colline Novaresi: ambiente, cultura, eventi ed enogastronomia.

La scelta dell'argomento trattato in questo lavoro nasce dalla conoscenza personale dei luoghi descritti. Una prima fase del lavoro è stata condotta ricercando materiale informativo attraverso la lettura di testi, riviste, brochure e siti internet. Successivamente la ricerca si è svolta sul campo anche grazie all'opportunità di lavoro presso il "Museo dell'arte della tornitura del legno" di Pettenasco, facente parte dell'Ecomuseo Cusius. Nel I capitolo è quindi descritta l'esperienza dell'Ecomuseo e sono presentati i dati statistici raccolti. Il II capitolo è interamente dedicato al Lago d'Orta, che viene descritto geograficamente e storicamente sotto forma di guida turistica. Nel III capitolo è invece presentato il territorio delle Colline Novaresi con la risorsa "Vino". In entrambe i capitoli viene svolta un'attenta analisi delle risorse ambientali, storiche, culturali, artistiche, monumentali, paesaggistiche, urbanistiche e enogastronomiche. E il IV capitolo è proprio dedicato all'evoluzione della cultura del cibo nel Cusio e nelle Colline e all'utilizzo del turismo enogastronomico come nuova fonte di turismo culturale e driver per lo sviluppo del territorio. Il V capitolo ha un taglio molto più pratico: vengono infatti presentati due grandi strumenti di marketing territoriali quali il Tourism Resource Audit e l'analisi SWOT applicate ai luoghi presi in considerazione. La parte più corposa è dedicata all'analisi degli eventi che si svolgono solitamente durante la stagione estiva nel territorio del lago e delle colline con l'obiettivo di scoprirne i punti di forza e di debolezza per arrivare a stilare un "decalogo per gli eventi": strumento pratico utilizzabile dagli operatori del settore turistico. Obiettivo finale dell'elaborato è quello di individuare delle buone pratiche di valorizzazione territoriale attraverso la creazione di eventi che abbiano un legame con la tradizione e le usanze dei luoghi e che riescano ad aumentare l'appeal turistico dell'area.

Mostra/Nascondi contenuto.
  4  INTRODUZIONE La scelta dell’argomento trattato in questo lavoro nasce dalla conoscenza personale dei luoghi descritti. Ho la grande fortuna, infatti, di abitare sin da quando sono nata in un piccolo paese di nome Invorio situato nella Provincia di Novara. Mi trovo a pochi chilometri dal lago d’Orta e dal lago Maggiore, immersa nei boschi di castagni tipici del territorio e ad una ventina di chilometri dalle Colline Novaresi. Durante i mesi estivi, è mia abitudine recarmi al Lido di Buccione presso il lago d’Orta per andare a nuotare da sola o in compagnia: il paesaggio incantevole e le acque limpide sono il contesto ideale per rilassarsi e allontanarsi dalla frenesia della vita quotidiana. La passione per il nuoto mi rende un’assidua frequentatrice del lago durante le giornate di sole ma anche le passeggiate serali nei paesi di Orta o Pella sono un modo piacevole per trascorrere le calde sere estive. Inoltre, ho la fortuna di conoscere molto bene i proprietari dell’Azienda Vinicola Mazzoni di Cavaglio d’Agogna: Enea Mazzoni, figlio del proprietario, spesso mi porta a camminare nei boschi delle Colline Novaresi. Le passeggiate si svolgono fra le viti, i campi, i castelli e gli antichi borghi di questi luoghi ricchi di fascino. La vicinanza ai territori del lago d’Orta e delle Colline Novaresi è stato l’input che ha dato il via alla ricerca del seguente elaborato: il lavoro si propone di analizzare le differenti tipologie di risorse turistiche presenti nei luoghi, prospettando nuove modalità di sviluppo attraverso la creazione di eventi che valorizzino il territorio. Considerando che il turismo del nuovo millennio si sta sviluppando seguendo i trend del turismo culturale ed ambientale, reputo che i territori descritti possano essere la meta ideale per lo sviluppo di queste tipologie di turismi: la ricchezza delle risorse, la posizione geografica, la storia, le tradizioni culinarie e il folclore locale costituiscono un mix tipico dei luoghi in questione. Una prima fase del lavoro è stata condotta ricercando materiale informativo sull’argomento attraverso la lettura di testi, riviste, brochure e l’analisi dei numerosi siti internet che trattano l’argomento. Per conoscere meglio il territorio ho partecipato ad alcuni eventi ideati nel periodo estivo, ho fatto visita alla Camera di Commercio del VCO, ho telefonato ai comuni e agli Uffici Turistici dei paesi interessati. Una seconda fase della ricerca si è svolta invece sul campo: ho avuto la possibilità di lavorare per il progetto “Musei Aperti” come operatrice museale all’interno del “Museo dell’Arte della Tornitura del Legno” di Pettenasco (NO). Il Museo fa parte del network creato dall’Ecomuseo del Lago d’Orta e Mottarone o Ecomuseo Cusius: il direttore Andrea Del Duca mi ha dato la possibilità di

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Federica Trezza Contatta »

Composta da 201 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1825 click dal 12/03/2012.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.