Skip to content

Profili dell'adozione internazionale

Informazioni tesi

  Autore: Tiziana Speziali
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2006-07
  Università: Università degli Studi di Perugia
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Andrea Sassi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 126

Non è semplice accogliere con sé un bambino che non si conosce e, anche più, un figlio che viene da “lontano”, che non sa la nostra lingua e non conosce il nostro stile di vita.
Affrontare l’adozione non significa pensare di poter dare finalmente una risposta alla voglia profonda di divenire madri o padri, altrimenti tutto rimane impossibile da ottenere. Allo stesso tempo non deve neanche essere vista come il desiderio di compiere un atto di solidarietà verso qualcuno. Decidere di avere un figlio straniero è qualcosa di più profondo: è aprire la propria vita all’accoglienza di un minore generato da altri, con una storia, che ha bisogno di continuare con i suoi nuovi genitori. Attraverso questo particolare percorso di accoglienza si può realizzare in pieno l’adozione.
Il mio lavoro è partito con la storia e la normativa dell’adozione nazionale per arrivare, poi, ad approfondire i profili dell’adozione internazionale, ripercorrendo le tappe che hanno portato all’attuale istituto. Affrontando anche alcuni casi di giurisprudenza, mi sono accorta che molto spesso non basta applicare la legge così com’è, ma essa deve essere calata e plasmata sulla realtà concreta, sulle persone, nel periodo storico e nel contesto sociale in cui il giudice si trova ad operare. Il lungo percorso adottivo è caratterizzato da documenti, colloqui, viaggi e incomprensioni che a volte mettono in crisi gli entusiasmi delle coppie: con un pizzico di incoscienza e con una forte speranza però, alla fine, esse potranno raggiungere il loro obiettivo, adottare un figlio al quale dare tutto l’amore di cui ha bisogno.
La tesi affronta anche l’adozione da parte dei single, un tema che rappresenta, dalla ratifica in Italia della Convenzione de l’Aja del 29 maggio 1993, un’importante possibilità per coloro che non si sono sposati o che sono rimasti soli, di donare affetto e accoglienza a coloro che sono abbandonati e che cercano qualcuno su cui contare. A volte è semplice, altre volte rimane impossibile, perché la nostra legislazione ha previsto dei casi specifici per procedere ad “un’adozione in casi particolari”, infatti, ho analizzato alcuni casi riguardanti l’adozione da parte di persone sole desiderose di adottare minori stranieri.
Un altro argomento su cui ricade l’attenzione di tutti riguarda il segreto sulle origini dell’adottato, una materia largamente affrontata dalla dottrina e dalla giurisprudenza, le quali sono concordi sul fatto di far conoscere al minore la sua condizione di figlio adottato e la sua storia familiare, mentre per quanto riguarda l’identità dei genitori biologici sorgono ostacoli e perplessità.
Il punto fondamentale, sul quale deve incentrarsi tutto l’iter dell’adozione internazionale, è la tutela dell’interesse del minore, principio importante e fondamentale. Ogni bambino deve avere il diritto di essere amato e di crescere nella propria famiglia e nell’ambiente territoriale dove è nato; quando ciò risulta impossibile, perché nessuno è disposto ad adottare, allora si dovrà procedere ad un’adozione internazionale, andando alla ricerca di quella famiglia disposta ad accogliere con sé un figlio non suo e diverso per cultura, etnia, tradizioni e lingua.
A tutti i bambini soli che hanno bisogno di affetto e di una famiglia che li sappia amare, regalando loro una seconda possibilità di vita.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Ho deciso di affrontare l’argomento dell’adozione internazionale, spinta da un forte interesse verso tale materia, la quale ora sta espandendosi e che a volte è travisata dagli aspiranti genitori adottivi. Quest’ultimi, infatti, la ritengono un surrogato della genitorialità biologica. Mi hanno principalmente incuriosito i racconti di una coppia, che conosco, la quale l’anno scorso è riuscita ad adottare due fratellini di origine brasiliana. Il percorso è stato lungo ed a volte anche faticoso, caratterizzato da sentimenti contrastanti intervallati da momenti di gioia: comunque il risultato ottenuto ha cancellato ogni difficoltà. La perseveranza, la costanza, l’equilibrio e la serenità con cui gli aspiranti genitori hanno affrontato l’intero percorso, mi ha sorpreso, a tal punto da far nascere in me l’intenzione di approfondire l’argomento. Non è semplice accogliere con sé un bambino che non si conosce e, anche più, un figlio che viene da “lontano”, che non sa la nostra lingua e non conosce il nostro stile di vita. Affrontare l’adozione non significa pensare di poter dare finalmente una risposta alla voglia profonda di divenire madri o padri, altrimenti tutto rimane impossibile da ottenere. Allo stesso tempo non deve neanche essere vista come il desiderio di compiere un atto di solidarietà verso qualcuno. Decidere di avere un figlio straniero è qualcosa di più profondo: è aprire la propria vita all’accoglienza di un minore generato da altri, con una storia, che ha bisogno di continuare con i suoi nuovi genitori. Attraverso questo particolare percorso di accoglienza si può realizzare in pieno l’adozione. Il mio lavoro è partito con la storia e la normativa dell’adozione nazionale per arrivare, poi, ad approfondire i profili dell’adozione internazionale, ripercorrendo le tappe che hanno portato all’attuale istituto. Affrontando anche alcuni casi di giurisprudenza, mi sono accorta che molto spesso non basta applicare la legge così com’è, ma essa deve essere calata e plasmata sulla realtà concreta, sulle persone, nel periodo storico e nel contesto sociale in cui il giudice si trova ad operare. Il lungo percorso adottivo è caratterizzato da documenti, colloqui, viaggi e incomprensioni che a volte mettono in crisi gli entusiasmi delle coppie: con un pizzico di incoscienza e con IV

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi