Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Effetto della forma di presentazione di alimenti concentrati sul comportamento alimentare e sulle performance di bovini da carne

Questa tesi di laurea si basa su una ricerca condotta dall’Autore in Spagna durante un periodo del programma di Placement presso l’IRTA di Barcellona, Spagna.
Lo scopo della prova sperimentale seguita presso l’IRTA era di valutare l’effetto della forma di presentazione degli alimenti (mangimi pelletati vs. sfarinati) sull’ingestione, sulle performance (velocità di accrescimento), sul comportamento (sociale ed alimentare) e sulla qualità della carcassa in bovini da carne alimentati con una dieta ad elevato contenuto di concentrati.

Mostra/Nascondi contenuto.
2 INTRODUZIONE La presente tesi di laurea si basa su una ricerca condotta dall’Autore in Spagna durante un periodo del programma di Placement presso l’IRTA di Barcellona, Spagna. Per questa ragione nell’introduzione si farà particolare riferimento alle condizioni di allevamento in questa nazione. Lo scopo della prova sperimentale seguita presso l’IRTA era di valutare l’effetto della forma di presentazione del mangime (pellettato vs. farina) sull’ingestione, sul ritmo di accrescimento, sul comportamento alimentare e sociale degli animali e sulla conformazione della carcassa. Alimentazione dei bovini da carne La produzione di carne in Spagna si basa principalmente su allevamenti intensivi, dove vengono allevati vitelli e vitelloni (alimentati con diete ad elevato contenuto di concentrati) dallo svezzamento alla macellazione, che generalmente avviene prima dei 12 mesi di età. L’alimentazione ha un ruolo fondamentale nell’allevamento di queste categorie animali. Infatti, essa ha lo scopo di garantire un rapporto ottimale tra costo alimentare e accrescimento, l’ottenimento di carni di ottima qualità e adeguate garanzie in termini di benessere animale. Quindi, il corretto razionamento del bovino da carne deve permettere la più completa espressione del potenziale produttivo aziendale nel pieno rispetto delle esigenze fisiologiche ed etologiche dell’animale (Gregoris, 2010). Essendo i cereali i principali ingredienti dei concentrati utilizzati per i bovini da carne, si cerca di utilizzarli stimolando la massima efficienza delle fermentazioni ruminali dell’amido in essi contenuto senza pregiudicare lo stato sanitario degli animali. Questo aspetto é cruciale per migliorare l’efficienza del sistema di produzione intensiva (Huntington, 1997). In un precedente lavoro dell’IRTA (Reis Menezes, 2010) é stato analizzato l’effetto che la diversa forma di presentazione degli alimenti concentrati aveva sul pH ruminale e si

Tesi di Laurea Magistrale

Facoltà: Agraria

Autore: Giovanni Massaiu Contatta »

Composta da 58 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 720 click dal 12/03/2012.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.