Skip to content

Teoria della mente: una nuova immagine del bambino

Informazioni tesi

  Autore: Luisa Iodice
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2005-06
  Università: Università degli Studi di Napoli - Federico II
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Psicologia dei processi relazionali e di sviluppo
  Relatore: Laura Aleni Sestito
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 42

La teoria della mente rappresenta la capacità di attribuire stati mentali, intenzioni, emozioni, desideri, credenze e conoscenze a sé e agli altri e di spiegare l’azione umana sulla base di tali stati. La ricerca sulla teoria della mente ha rappresentato una delle aree più vivaci e produttive della psicologia dello sviluppo, con ricadute importanti anche in altri settori della psicologia. L’interesse principale degli studiosi era di delineare l’andamento evolutivo nell’infanzia della comprensione della mente. In seguito, gli studi si sono rivolti alla questione dei correlati sociali dello sviluppo della teoria della mente, come il linguaggio, l’interazione sociale e il contesto sociale e culturale e si sono concentrati prevalentemente sulle differenze individuali e sugli aspetti socio-emotivi della comprensione degli stati mentali propri e altrui. Ciò ha permesso di collegare e integrare argomenti e settori d’indagine separati, permettendo di rivalutare fortemente le competenze infantili e di attribuire al bambino anche in età precoce capacità cognitive e conoscenze che nelle teorie classiche erano attribuite a bambini più grandi.
Le ricerche in questo campo mostrano che il bambino solo a 4 anni acquista la capacità di comprendere e risolvere il problema della falsa credenza, in quanto in un primo momento acquista la capacità di comprendere il gioco di finzione, e solo in un secondo momento diventa capace di riconoscere le differenze tra oggetti reali e immagini mentali di tali oggetti e di prevedere il comportamento delle altre persone prima sulla base di ciò che desiderano, e poi sulla base delle credenze. Da ciò si evince che il bambino fa il suo ingresso nella comunità sociale ben equipaggiato a fare attenzione “a” e interagire “con” gli altri essere umani. Pertanto si può affermare che la teoria della mente non compare a 4 anni, bensì già a 2-3 anni, poiché i bambini già a questa età mostrano evidenze di una conoscenza della mente, anche se la loro concezione della mente è differente da quella dei bambini di 4-5 anni. Nel dibattito su come i bambini sviluppano una teoria della mente si distinguono due grandi orientamenti sulla base del peso dato all’interazione sociale, per cui il contrasto è tra concezioni che descrivono lo sviluppo come un processo individuale autonomo, facilitato dal mondo sociale e una concezione socio-culturale e socio-costruttivista, per la quale lo sviluppo della teoria della mente deriva dalla partecipazione alle pratiche sociali della comunità di riferimento.
L’autismo può essere interpretato come una patologia caratterizzata dal mancato o anomalo sviluppo di una teoria della mente. Baron-Cohen, Leslie, Frith e Hobson per comprendere lo sviluppo normale di una teoria della mente hanno seguito la via indiretta, analizzando il perché alcuni bambini non riescono a sviluppare il concetto di mente. In particolare, tali ricerche mostrano che questa sindrome è dovuta ad un deficit cognitivo consistente nell’incapacità di meta-rappresentazione che è basilare per la teoria della mente. Questi bambini possono essere eccellenti come ‘fisici’ e ‘comportamentisti’ ma non diventano mai degli ‘psicologi’ veri e propri. Trascorrono gran parte del loro tempo dedicandosi a giochi orientati sulla realtà e hanno difficoltà nel produrre e comprendere l’intenzione dichiarativa del gesto di indicare. Infatti in questi bambini risulta compromesso o assente il gioco di finzione e risultano severamente danneggiate le capacità comunicative e di attenzione condivisa, che richiedono la meta-rappresentazione. Wellman ritiene che la comprensione dei desideri preceda quella delle credenze, infatti egli sostiene che i bambini di 2 anni hanno una ‘psicologia dei desideri’, mentre quelli di 3 anni una ‘psicologia delle credenze e dei desideri’ e che ad entrambe le età la comprensione di questi stati mentali è legata casualmente agli altri stati mentali, come le emozioni e le motivazioni fisiologiche. Gli esperimenti negli ultimi 50 anni hanno evidenziato come i bambini autistici non sono capaci di attribuire stati mentali agli altri, anche se non c’è differenza negli input sociali forniti da chi si prende cura di loro rispetto a quelli forniti da chi si prende cura dei bambini normali. Questo deficit potrebbe spiegare il perché i bambini autistici presentano singolari anormalità nell’interazione sociale e nella comunicazione, che dipendono in larga misura dall’abilità di tenere in considerazione le credenze, i desideri, i pensieri, le intenzioni degli altri. Le spiegazioni delle carenze in questa area non sono univoche. Si possono, infatti, evidenziare due posizioni principali: una, sostenuta da Baron-Cohen e Leslie, fa riferimento a problematiche di tipo cognitivo; l’altra, sostenuta da Hobson, chiama in causa fattori di tipo socio-affettivo.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1 Introduzione Oggetto del mio elaborato finale è la teoria della mente. Questa rappresenta la capacità di attribuire stati mentali, intenzioni, emozioni, desideri, credenze e conoscenze a sé e agli altri e di spiegare l‟azione umana sulla base di tali stati. Nel primo capitolo ho cercato di evidenziare come la ricerca sulla teoria della mente, centrata prevalentemente sugli sviluppi precoci della teoria della mente nella prima infanzia e su questioni di credenze e rappresentazioni, abbia rappresentato una delle aree più vivaci e produttive della psicologia dello sviluppo, con ricadute importanti anche in altri settori della psicologia. L‟interesse principale degli studiosi era di delineare l‟andamento evolutivo nell‟infanzia della comprensione della mente. In seguito, con l‟approfondimento delle linee di indagine originarie e con l‟estensione di questa ad altre aree della ricerca evolutiva, gli studi si sono rivolti alla questione dei correlati sociali dello sviluppo della teoria della mente, come il linguaggio, l‟interazione sociale e il contesto sociale e culturale e si sono concentrati prevalentemente sulle differenze individuali e sugli aspetti socio-emotivi della comprensione degli stati mentali propri e altrui. Ciò ha permesso di collegare e integrare argomenti e settori d‟indagine separati e di studiare il bambino <<intero>> e <<reale>>, permettendo di rivalutare fortemente le competenze infantili e di attribuire al bambino anche in età precoce capacità cognitive e conoscenze che nelle teorie classiche erano attribuite a bambini più grandi. Confrontando le classiche teorizzazioni sullo sviluppo, si evince che per Piaget lo sviluppo mentale è un fatto individuale, per Vygostkij un processo di interiorizzazione di forme culturali, per Bruner un cambiamento nei modi di rappresentare e interpretare la realtà, il mondo, gli altri e se stessi, quindi un fenomeno “sociale” e “culturale”. Bruner evidenzia che la divergenza Piaget-Vygostkij è la divergenza tra due modi di conoscere differenti, uno teso a “spiegare” lo sviluppo, l‟altro a “interpretarlo” e sostiene che questi dovrebbero cooperare insieme per raggiungere dei risultati utili a conoscere il mondo. Secondo alcuni autori la teoria della mente costituisce un topos dove i due

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi