Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Indagine sull'attenzione e l'opportunità dei sostegni allo sviluppo del prodotto audiovisivo nelle principali legislazioni nazionali a confronto con la politica europea attuata attraverso il Piano Media.

L'industria auiovisiva, tra cui il cinema e la televisione, viene considerata un mezzo di vitale importanza per la diffusione del patrimonio linguistico e culturale in Europa. Prima di allora ogni Paese ha gestito internamente l'attività audiovisiva, genrando tipologie di sostegno differenti tra loro. Viene proposta quindi un analisi dei sistemi di sostegno al prodotto audiovisivo nei principali paesi europei (sono stati presi in esame Italia, Francia, Gran Bretagna, Germania, Svezia) messi a confronto con la politica attuata dalla Comunità Europea, in particolar modo attraverso il Piano Media. Nell'ultima parte della tesi vengono trattate altre forme di appoggio comunitario al settore audiovisivo, come Eurimages o I2I Audiovisual, ma anche altre strutture di sostegno che riguardano principalmente la cultura, quali Cultura 2007, o i programma Capitale Europea della Cultura. Infine viene proposto un bilancio in cui emergono le proposte di miglioramento delle normative Europee.

Mostra/Nascondi contenuto.
CAPITOLO 1 - Le politiche dei principali Paesi d'Europa per il sostegno al prodotto audiovisivo. Nel corso di questo capitolo che apre l'indagine ci concentreremo sulle azioni dei principali Paesi d'Europa, nonché i maggiori finanziatori del settore all'interno della Comunità, a favore dello sviluppo dei prodotti audiovisivi. La prima nazione messa sotto la lente sarà l'Italia, per la quale si svolgerà, come di dovere, un lavoro maggiormente elaborato e concentrato a osservare più da vicino le tappe fondamentali che hanno segnato il percorso dell'appoggio italiano a questo tipo di industria. Seguirà una serie di argomentazioni, più o meno approfondite, dedicata agli altri Stati: la Francia, la Gran Bretagna, la Germania, la Spagna, infine la Svezia. 1.1 - L'Italia. Nel corso di più di metà secolo nel quale si snoda l'intera storia della cinematografia italiana, un quadro normativo completo e organico che sia di sostegno all'industria e al patrimonio copre, come importanza, uno spazio relativamente minore. L'emanazione più significativa avvenne nel 1965 con la Legge 1213 e fu una novità di considerevole portata, ma prima di essa venne realizzato un altro provvedimento legislativo di grande rilevanza nell'immediato dopoguerra, ovvero la Legge emanata il 29 Dicembre 1949. Essa introduce una serie di normative per 8

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze Umanistiche

Autore: Lorenzo Simonini Contatta »

Composta da 84 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 256 click dal 08/03/2012.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.