Skip to content

Misura della concentrazione di Radon in acque destinate all'approvvigionamento idrico del versante pedemontano sud-est del Monte Etna

Informazioni tesi

  Autore: Simone Basilio Caruso
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2009-10
  Università: Università degli Studi di Catania
  Facoltà: Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali
  Corso: Scienze e tecnologie per l'ambiente e il territorio
  Relatore: Federico Vagliasindi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 70

Il problema dell’esposizione al Radon 222 (222Rn) nelle acque potabili da parte della popolazione è stato da tempo riconosciuto come un’importante fonte di rischio radiologico (Raccomandazione della Commissione Europea del 20 dicembre 2001, 2001/928/Euratom). Il 222Rn è un gas nobile radioattivo di origine naturale, derivante dal decadimento dell’Uranio238 (238U), classificato dall’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) come elemento sicuramente cancerogeno per l’uomo. Essendo prodotto nel sottosuolo, è presente, in consistenti concentrazioni, anche nelle acque di falda, risorse idriche ad uso potabile. Diversi studi epidemiologici hanno dimostrato come l’ingestione di 222Rn può divenire una fonte importante di contaminazione per l’organismo e, se assunto in quantità consistenti, aumentare le probabilità di contrarre tumore in organi interni quali stomaco e fegato.
L’attività di ricerca svolta presso il Dipartimento di Ingegneria Civile ed Ambientale (DICA) ha avuto come finalità principale la determinazione delle concentrazioni 222Rn nelle acque di falda destinate all’uso potabile, lungo il versante sud-est dell’Etna; la sperimentazione ha previsto il prelievo di 52 campioni tra pozzi e fontane in 12 comuni etnei, con provette da 50 ml e contenitori in vetro da 136 ml, opportunamente sigillati. Le determinazioni delle concentrazioni 222Rn sono state effettuate presso i Laboratori Nazionali del Sud (INFN, Istituto Nazionale di Fisica Nucleare, Catania), mediante il sistema di determinazione con camera a ionizzazione (AlphaGUARD PQ2000 PRO, Genitron Instruments). Con questa tecnica i campioni vengono degassati in modo da separare la fase gassosa disciolta, contenente 222Rn, da quella liquida.
Alla luce dei risultati ottenuti dall’analisi dei campioni, si può affermare che i livelli di concentrazione 222Rn oscillano mediamente nell’intervallo di 3-10 Bq/l e, in riferimento a quelli che sono i valori limite previsti dalla Raccomandazione 2001/928/Euratom, questi sono significativamente inferiori.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
CAPITOLO 1 INTRODUZIONE 1 1. INTRODUZIONE 1.1 Premesse Il Radon è un gas nobile radioattivo di origine naturale, derivante dal decadimento radioattivo dell’Uranio 238 ( 238 U); dopo il fumo di sigaretta, l’esposizione della popolazione al Radon rappresenta uno dei principali fattori di rischio di tumore polmonare. A tal proposito l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), lo ha classificato tra i cancerogeni accertati del gruppo 1, di cui fanno parte 87 agenti degli 874 presi in esame. In Italia si è stimato che da 1500 a 6000 casi all’anno (su un totale di circa 30000) potrebbero essere dovuti all’esposizione al Radon. Molti Paesi Europei e Nord Americani, hanno adottato, in questi ultimi anni, delle politiche volte alla riduzione del rischio Radon. Anche l’Italia ha cominciato, da diversi anni, ad affrontare il problema Radon e la recente introduzione di una normativa sul Radon nei luoghi di lavoro, (D. lgs 241/2000), ha evidenziato la necessità di adottare dei piani o programmi al fine di coordinare e/o programmare le diverse azioni da intraprendere. (es. “Piano Nazionale Radon” – PNR 2002). La gran parte dei casi studio effettuati riguardano spesso la concentrazione di Radon in aria presente negli ambienti di lavoro, in ambienti chiusi ed in abitazioni; solo negli ultimi anni sono stati svolti studi riguardante la presenza di Radon nelle acque potabili. Infatti il Radon, essendo un gas prodotto nel sottosuolo, è presente, in consistenti concentrazioni, nelle acque di falda, quindi nelle risorse idriche utilizzate per uso potabile. L’ingestione di Radon può divenire una fonte importante di contaminazione per l’organismo e, se assunto in quantità consistenti, aumentare le probabilità di contrarre tumore in alcuni organi interni quali stomaco e fegato. A tal proposito, il presente lavoro si è incentrato su studi riguardanti la concentrazione di Radon nelle acque potabili, in particolare per le acque di falda etnee. 1.2 Obiettivi ed articolazione del lavoro svolto Il lavoro sperimentale è stato svolto a livello locale con l’obiettivo di verificare, attraverso il monitoraggio, la presenza di gas Radon nelle risorse idriche etnee e, qualora fosse stato necessario, sviluppare dei sistemi di trattamento per l’abbattimento della concentrazione del gas stesso. Dopo un’approfondita ricerca bibliografica in materia di Radon e metodi di analisi, una fase di ricerca sui maggiori fornitori e rete di distribuzione dell’acqua nei paesi etnei presi in esame, si è passati alla fase di monitoraggio con campionamento ed analisi in laboratorio. La tesi è strutturata in 6 capitoli, come riportato di seguito: Nel Capitolo 1 è presente una breve premessa, che inquadra il problema Radon e gli obiettivi del lavoro svolto. Nel Capitolo 2 sono riportate le normative riguardanti i limiti di concentrazione del Radon in Europa e in Italia. Nel Capitolo 3 è sviluppato nel dettaglio il tema “Radon”: viene introdotto il

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

falda acquifera
acqua potabile
decadimento radioattivo
radon 222
radionuclidi naturali
radioattività ambientale

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi