Skip to content

Vita di uno stupratore tra abusi e rieducazione

Informazioni tesi

  Autore: Carla Callioni
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2009-10
  Università: Università degli Studi di Bergamo
  Facoltà: Scienze della Formazione
  Corso: Scienze dell'educazione e della formazione
  Relatore: Alberto Zatti
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 54

Il panico, la violenza sessuale, la masturbazione e la follia possono dipendere dalla solitudine, una solitudine totale che qualche volta ci accompagna. Questo stato d’animo naturalmente non induce in modo automatico panico, masturbazione, stupro e follia,ma può esserne l’origine. Quando la malinconia diventa disperazione, si cerca comunque un contatto o si fugge dall’Io. La natura, la solitudine, il delirio e quella sconfinata tristezza di bambino sono il contesto psicologico di Pan dove può succedere che l’istinto sessuale diventi violento. Ed è proprio su questo punto da cui partirà l’elaborato. Cosa diventa l’uomo che da libero sfogo al suo istinto sessuale perverso e senza controllo? Uno stupratore. Basandosi su quanto reperibile in diversi testi sull’argomento si cercherà di dare dapprima una definizione di stupro, spiegando poi le diverse tipologie di stupratore e come l’istinto rapace di un uomo, da qualsiasi ceto derivi o lavoro svolga, lo possa “trasformare” in un essere violento e desideroso di raggiungere e soddisfare il suo desiderio sessuale, anche se questo lo porta a ferire e denigrare la sua vittima. Verrà poi discusso come, nella maggior parte dei casi, la famiglia del futuro violentatore è caratterizzata da genitori alcolisti, disinteressati e, a volte, abusatori loro stessi; bambini presi a calci o a schiaffi e coperti di offese, semplicemente perché stanno “tra i piedi”. In seguito si parlerà delle influenze a cui sono soggetti questi individui, quali la pornografia e le loro fantasie sessuali perverse, il processo che li conduce allo stupro e alla ripetizione dell’atto. Si cercherà successivamente di identificare i probabili fattori che portano alla formazione di uno stupratore, tra i quali si possono includere le disfunzioni sessuali, strettamente correlabili alla successiva comparsa delle parafilie, disturbi dell’età evolutiva, disturbi mentali su base organica, che possono, ad esempio, essere consecutivi a un danno neurologico e disturbi mentali su base psicopatologica quali le psicosi e i disturbi di personalità. Di conseguenza l’attenzione sarà sulle parafilie che solitamente questi soggetti sviluppano in forma fantastica durante la loro formazione socio-psico-sessuale e che spesso poi si tramutano in un comportamento abitudinario necessario al raggiungimento del completo appagamento sessuale. Ne seguirà una parte riguardante il delitto di stupro come reato, il quale, in base alle nuove riforme in tema di reati sessuali, diviene un crimine contro la persona. Da qui si proseguirà con la descrizione della procedibilità del reato, ma soprattutto verranno elencati gli articoli predominanti presenti nel D.L. 23 febbraio 2009, riguardanti le misure urgenti di sicurezza pubblica e di contrasto alla violenza sessuale. Verrà poi illustrato come la disciplina su questa tematica viene affrontata dal codice, per poi finire con l’inserimento di alcuni dati statistici che riguardano il numero di donne che hanno subito molestie e violenze sessuali, mostrando così come, negli ultimi anni, per quanto riguarda l’Italia, questo fenomeno si stia espandendo.
L’ultima parte dell’elaborato focalizzerà l’attenzione proprio sulle conseguenze a cui va, o potrebbe andare, in contro lo stupratore. Si parte dalla situazione americana, dove alla psicoterapia, a volte, si preferisca utilizzare strumenti più invasivi quali la sterilizzazione, la castrazione chirurgica e castrazione chimica; giungendo al caso di Marina Valcarenghi, psicanalista, che per nove anni ha lavorato con un gruppo di psicoterapia, costituito da detenuti, in prevalenza stupratori, nel carcere Opera di Milano. L’elaborato si conclude analizzando e descrivendo la figura dell’educatore, figura assai vicina al reo presente in carcere. Infatti, mentre gli agenti di polizia si occupano principalmente di prevenire e controllare tutto ciò che possa mettere in pericolo l’equilibrio e l’ordine del carcere, gli educatori penitenziari tentano di instaurare rapporti con i detenuti e di creare momenti educativi e di promozione umana e culturale.
Lo stupratore non è un mostro, anche se spesso questo è il termine più usato per riferirsi a questi individui, ma è un essere umano che reagisce in maniera patologica ad alcuni eventi che segnano il corso della vita che per lui assumono un significato particolarmente negativo. Per mettere in atto una prevenzione che risulti efficace, è necessario sapere cosa si sta cercando, ed è proprio per questo motivo che è importante cercare di conoscere a fondo i violentatori e le motivazioni che li spingono ad agire in un determinato modo.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
7 CAPITOLO 1. La figura dello stupratore Lo stupro o abuso sessuale, è la violazione carnale di un’altra persona. Gli stupratori, infatti, invadono e cercano di conquistare il terreno sessuale delle loro vittime e, trasformando il “no” di lei nel “si” di lui, cercano di trionfare anche sul loro territorio sociale (Bourke, 2009). Nel Codice Penale, l’articolo 609bis, definisce con “stupro” la penetrazione non consensuale di un adulto o di un adolescente ottenuta con la forza fisica, con minacce o lesioni, o quando la vittima non è in grado di dare il proprio consenso a causa di una malattia o di un ritardo mentale oppure di uno stato d’alternazione dovuto all’alcool o ad altre sostanze. Tale definizione va al di là del coito genitale tra maschio e femmina e comprende la penetrazione orale e anale col pene e quella digitale o praticata con oggetti. 1.1 CHI E’ LO STUPRATORE? I quattro livelli base Robert I. Simon, nel libro “I buoni lo sognano i cattivi lo fanno” ,delinea i quattro profili base che classificano il tipo di violentatore secondo la motivazione: Il compensatore, il cui comportamento sessuale è espressione di fantasie sessuali. Il tipo del compensatore presenta comportamenti che emanano sia dall’eccitazione sessuale sia da idee compensatorie che il soggetto coltiva su se stesso. Lo stupro del compensatore è di solito pianificato o premeditato. Il suo comportamento sessuale nei confronti della vittima è guidato da elaborate fantasie sessuali. Ad esempio può desiderare un rapporto sessuale romantico, voler respingere paure omosessuali o soddisfare voglie sessuali passive mettendosi nei panni della

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

psicoterapia
sessualità
carcere
violenza sessuale
disfunzioni
follia
stupro
fantasie
sessuale
cura
parafilie
disturbo
istinto
disturbi mentali
stupratore
senza controllo
sfogo

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi