Skip to content

Il principio della coesione economica,sociale e territoriale nella multilevel governance. Problemi e prospettive di sviluppo

Informazioni tesi

  Autore: Gennaro Scofano
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2010-11
  Università: Università degli Studi della Calabria
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienze delle Pubbliche Amministrazioni
  Relatore: Giampaolo Gerbasi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 220

L’obiettivo principale di questo lavoro di tesi consiste nell’analisi approfondita della cosiddetta politica regionale comunitaria mediante la prospettiva della multilevel level governance, in base alla quale le modalità organizzative dell’esercizio del potere si fondano sulla valorizzazione delle esigenze partenariali e del principio di leale cooperazione, allo scopo di un maggiore coordinamento tra i diversi soggetti istituzionali coinvolti.
In particolare, il trasferimento di poteri all’Unione Europea ha comportato, inevitabilmente, all’individuazione di modelli organizzativi e procedurali strumentali al perseguimento delle finalità di coesione. In tale scenario, assume notevole rilevanza il principio del partenariato , inteso come corollario applicativo del principio di sussidiarietà. Esso tende ad inquadrare l’esercizio del potere secondo una logica di compartecipazione, cooperazione e integrazione dei diversi livelli istituzionali (sovrastatali, statali e infra-statuali), piuttosto che in termini di separazione tra gli stessi.
Per altro verso, la necessaria complementarietà in senso orizzontale quanto verticale delle politiche – delineate all’interno di procedimenti coinvolgenti l’Unione Europea, lo Stato e le Regioni – ha posto come inesorabile il riadeguamento del governo dell’economia alle finalità di riequilibrio territoriale dello sviluppo economico. In questo senso, il corpus normativo comunitario prevede una stretta relazione tra il perseguimento della coesione e una strategia diretta a definire una politica regionale europea unitaria, all’interno della quale la complementarietà verticale tra le politiche europee e quelle nazionali appare doverosa per ridurre efficacemente i divari di sviluppo socioeconomico tra i diversi territori europei.
Siffatte tematiche verranno analizzate attraverso quattro differenti punti di vista.
Nel primo capitolo affronteremo la questione riguardante il rapporto tra le Regioni e l’Unione Europea da un’ottica prevalentemente interna. Più dettagliatamente, evidenzieremo come sia accresciuta la partecipazione delle autonomie regionali ai processi decisionali comunitari, a seguito delle riforme costituzionali e legislative susseguitesi nel corso degli anni.
Nel secondo capitolo presenteremo un quadro analitico dell’evoluzione della politica regionale europea, sottolineando il fatto che dall’Atto Unico (1986) in poi, la formulazione di una politica regionale basata sul mandato di riforma dei Fondi Strutturali (1988) ha modificato significativamente il rapporto tra i livelli istituzionali a favore del livello sub-nazionale. Di conseguenza, la nuova politica europea di sviluppo imboccata alla fine degli anni ottanta ha avuto un effetto di stimolo esterno nella riconfigurazione dei rapporti Stato - Regioni - Enti locali (in maniera diversa all’interno di ciascun Paese). Pertanto, il cambiamento dei rapporti istituzionali con il livello europeo si è riflesso sulle relazioni istituzionali all’interno di ogni Stato, dirigendoli verso un più marcato decentramento.
Nel terzo capitolo ci occuperemo, invece, delle innovazioni intro-dotte dai regolamenti in materia di Fondi Strutturali per il periodo 2007-2013. Sottolineeremo, innanzitutto, il rafforzamento delle go-vernance per tutti i livelli istituzionali e l’individuazione, da parte del legislatore comunitario, dell’obiettivo Cooperazione territoriale diretto ad intensificare la cooperazione – transfrontaliera e transnazionale –attraverso la realizzazione di reti di cooperazione e di scambio di esperienze sull’intero territorio europeo. Queste modifiche sono recepite all’interno del Quadro Strategico Nazionale per il periodo 2007-2013, nel quale si manifesta la necessità di potenziare il coordinamento e l’integrazione tra i differenti strumenti di intervento. In altre parole, il documento strategico nazionale prevede un sistema di programmazione e attuazione fondato, da un lato, sulla reciprocità dei principi di leale cooperazione e di mutuo vantaggio, dall’altro, su requisiti e criteri idonei a rendere i Programmi Operativi più efficaci, coerenti, integrati nella programmazione complessiva e aperti alla partecipazione effettiva di una pluralità di interlocutori istituzionali.
In conclusione, nel quarto capitolo descriveremo le principali proposte attinenti alla riforma della politica di coesione per il periodo 2014-2020, focalizzandoci sulle loro implicazioni per il territorio italiano. Il peso ed il ruolo che assumerà la politica di coesione nel prossimo periodo di programmazione sarà di grande importanza per il nostro Paese, soprattutto nel momento in cui: a) la mancata realizzazione di una politica regionale unitaria e, con essa, di una forte politica nazionale finanziata dal FAS è ormai chiara; b) la controversa attuazione del federalismo fiscale rende la questione del supporto alle Regioni in ritardo di sviluppo di maggiore attualità.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
4 Introduzione L‟obiettivo principale di questo lavoro di tesi consiste nell‟analisi approfondita della cosiddetta politica regionale comunitaria mediante la prospettiva della multilevel level governance, in base alla quale le modalità organizzative dell‟esercizio del potere si fondano sulla valo- rizzazione delle esigenze partenariali e del principio di leale coopera- zione, allo scopo di un maggiore coordinamento tra i diversi soggetti istituzionali coinvolti. In particolare, il trasferimento di poteri all‟Unione Europea ha comportato, inevitabilmente, all‟individuazione di modelli organizza- tivi e procedurali strumentali al perseguimento delle finalità di coesio- ne. In tale scenario, assume notevole rilevanza il principio del partena- riato , inteso come corollario applicativo del principio di sussidiarietà. Esso tende ad inquadrare l‟esercizio del potere secondo una logica di compartecipazione, cooperazione e integrazione dei diversi livelli isti- tuzionali (sovrastatali, statali e infra-statuali), piuttosto che in termini di separazione tra gli stessi. Per altro verso, la necessaria complementarietà in senso orizzontale quanto verticale delle politiche – delineate all‟interno di procedimenti coinvolgenti l‟Unione Europea, lo Stato e le Regioni – ha posto come inesorabile il riadeguamento del governo dell‟economia alle finalità di riequilibrio territoriale dello sviluppo economico. In questo senso, il corpus normativo comunitario prevede una stretta relazione tra il per- seguimento della coesione e una strategia diretta a definire una politi- ca regionale europea unitaria, all‟interno della quale la complementa- rietà verticale tra le politiche europee e quelle nazionali appare dove-

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

territoriale
principio della coesione economica, sociale e

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi