Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Teoria dell'immagine. Bruno Munari e la didattica dell'arte

La storia della teoria dell'immagine. Teoria dell'immagine che Bruno Munari ha fatto sua e rielaborato preferendo una didattica dell'arte attiva a quella frontale, passiva.
Bruno Munari ha cambiato il panorama della didattica dell'arte, introducendo negli anni 70 i famosissimi laboratori d'arte in cui presenta il Metodo Bruno Munari.

Mostra/Nascondi contenuto.
4 INTRODUZIONE Lo scopo di questa tesi di laurea è di offrire un’a nalisi esaustiva del ruolo giocato dalle immagini nella vita dell’uomo: il mec canismo di percezione, le caratteristiche, la storia e la didattica costru ita attorno ad esse. In particolare, per quanto concerne tale attività, verrà approfondito il pensiero di Bruno Munari, artista e designer italia no, impegnato negli anni Novanta nella progettazione di una metodologia d’insegnamento dell’arte rivoluzionaria, riconosciuta oggi da tutt o il mondo con il nome di “Metodo Bruno Munari®”. Tale approccio innovativo ha rappresentato un impor tante salto di qualità nel campo della didattica dell’arte, fino allora ca ratterizzata da una metodi passivi e nozionistici per la trasmissione d elle conoscenze. Il primo capitolo è dedicato all’analisi delle cara tteristiche che nascono dal rapporto tra l’immagine e l’uomo, ovvero dalla percezione. L’immagine è il frutto di un meccanismo percettivo dell’occhio. Tale strumento sensoriale è dotato di particolari caratt eristiche anatomiche che permettono la visione della luce. Quest’ultima compie un percorso che inizia dalla rilevazione da parte di cellule nervos e fotosensibili poste all’interno della retina, e termina con l’elaborazi one delle informazioni visive convertite in impulsi elettrici, compiuta da l cervello. L’uomo, attraverso la percezione dell’immagine, ric onosce la presenza dell’altro ed è così stimolato all’interazione. L’a rte visiva trova il suo avvio nell’impulso comunicativo innato presente in ogni i ndividuo. La storia della comunicazione visiva nasce in epoca preistorica, momento in cui l’uomo scopre la possibilità di poter produr re autonomamente immagini grazie all’impiego di strumenti traccianti su supporti materici.

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze della Formazione

Autore: Carlotta Maria Carella Contatta »

Composta da 111 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 14844 click dal 20/03/2012.

 

Consultata integralmente 24 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.