Skip to content

La Glossa e i Glossatori

Informazioni tesi

  Autore: GUERRINO Perna
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2010-11
  Università: Università Telematica Pegaso
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Francesco Petrillo
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 81

Quando parliamo di rinascimento giuridico nell’Europa Medievale, non si può non tralasciare quella che fu l’utopia maggiore di quel periodo ovvero l’unificazione del diritto: un unico diritto per il mondo cristiano, un’unica legge che riuscisse a sostituire la molteplicità delle leggi nazionali.
Eppure c’era un diritto già pronto da secoli in grado di fungere da legge comune, un diritto talmente perfetto da poter unire idealmente tutte le popolazioni dell’occidente.
Non esisteva forse un’opera già compilata, creata nel VI secolo per merito dell’imperatore romano d’oriente Giustiniano? Opera che dalla sua origine aveva quale scopo primario quello di tramandare la somma sapienza giuridica di quell’epoca al mondo moderno?
A questo punto sorge spontanea una domanda: come mai se esisteva questa ci-clopica e sublime opera vissuta negli anni, apparentemente perfetta, essa non riuscì a penetrare nel tessuto medioevale? La risposta a questi quesiti è più semplice di quello che ci si potrebbe aspettare; in altre parole, la società altomedioevale, per quanto avanzata potesse considerarsi, sostanzialmente non era ancora pronta ad accogliere quel diritto che racchiudeva le formule di governo dello Stato e le regole fondamentali della convivenza civile.
Il corpus juris giustinianeo rimase quindi nell’oblio sino al 1088, data convenzionale e artificiosa a partire dalla quale gli storici del diritto attribuiscono la nascita di quel periodo definito come “rinascimento giuridico”.
Che fine aveva fatto il corpus juris in tutti questi anni?
Qualcuno in qualche modo lo riscoprì e lo ricompose in unità organica.
Il Digesto (parte più ampia del corpus giustinianeo) era composto di ben cinquanta libri e più di 9150 frammenti, quindi bisogna considerare non solo il fascino di aver riportato alla luce un’opera sublime nella sua forma ma anche il fascino della scoperta archeologica che essa rappresenta (considerando la dislocazione sparsa dei frammenti).
Il grande “archeologo” e scopritore di questa immensa opera fu Irnerio. Maestro delle arti liberali era l’unico in grado di leggerlo e conoscerne i segreti e di rivelarli.
Sul sacro testo di Giustiniano iniziarono a depositarsi le sue glosse.
Irnerio fu talmente eccelso nel suo lavoro da creare il vuoto alle sue spalle e la-sciare nell’ombra tutte quelle persone che prima di lui e con lui si avvicinarono al “testo sacro”.
La sua opera rimase talmente scalfita nella storia da meritarsi l’appellativo di lu-cerna iuris ovvero la prima “luce rischiaratrice del sacro testo giustinianeo”.
Dopo la morte di Irnerio, avvenuta attorno al 1130, nacque la scuola italiana dei Glossatori con lo scopo di chiarire norma per norma, lettera per lettera il gigantesco commentario.
I glossatori si avvicinarono alla scoperta del testo giustinianeo con la stessa reverenza e lo stesso culto fideistico che ebbero i Padri della Chiesa di fronte alla Bibbia.
Essi credevano infatti che tale diritto fosse stato rivelato all’imperatore romano per volontà divina e credendo fermamente in questa concezione ritenevano le sue regole eternamente valide. Quindi, nonostante tutte le difficoltà derivanti dalle contraddizioni, dalle lacune e dalle disorganicità dei testi, proprio in virtù del fatto che l’imperatore medievale aveva ereditato questo diritto direttamente dall’imperatore romano, esso era da considerarsi diritto vigente, di derivazione divina e di conseguenza infallibile.
I giuristi medievali fecero qualcosa di ancor più grande ovvero riuscirono ad adat-tare il diritto imperiale romano alle esigenze del loro presente.
Com’è facile presupporre infatti, il testo era tecnicamente difficile, ad un punto tale da non poter essere utilizzato neppure dagli addetti ai lavori quali giudici, notai e avvocati, (al contrario di come avviene oggi per un nostro codice, letto e applicato al caso concreto senza grosse difficoltà dai tecnici del diritto).
Proprio questo era il progetto, e per questo scopo erano pronti i giuristi, che affiancarono al corpus un commentario interpretativo tale da renderlo d’immediata applicabilità quotidiana. E in questo stava la straordinaria autorità del giurista medievale e il suo estrinseco potere, perché è lui il mediatore e colui il quale ne rivela i segreti.
Questo nuovo contesto comportò due tipi di conseguenze: la prima, com’è facile intuire, trasferì l’autorità dal giudice al giurista; la seconda invece fu che le interpretazioni del giurista finirono col sostituirsi al testo.
tratteremo Giustiniano I imperatore soffermandoci non tanto sull’aspetto prettamente militare, ma su quello che più a noi interessa ovvero l’aspetto legislativo dello stesso, partendo dalla compilazione del corpus juris e dalla sua scoperta nel medioevo, passando per la nascita della scuola di Bologna e la creazione delle università sino ad arrivare a capire cosa sia “la Glossa”, chi siano stati i glossatori e i metodi da loro utilizzati e in definitiva l’importanza della loro esistenza.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
PREMESSA Quando parliamo di rinascimento giuridico nell’Europa Medievale, non si può non tralasciare quella che fu l’utopia maggiore di quel periodo ovvero l’unificazione del di- ritto: un unico diritto per il mondo cristiano, un’unica legge che riuscisse a sostituire la molteplicità delle leggi nazionali. Eppure c’era un diritto già pronto da secoli in grado di fungere da legge comune, un diritto talmente perfetto da poter unire idealmente tutte le popolazioni dell’occidente. Non esisteva forse un’opera già compilata, creata nel VI secolo per merito dell’imperatore romano d’oriente Giustiniano? Opera che dalla sua origine aveva quale scopo primario quello di tramandare la somma sapienza giuridica di quell’epoca al mondo moderno? A questo punto sorge spontanea una domanda: come mai se esisteva questa ci- clopica e sublime opera vissuta negli anni, apparentemente perfetta, essa non riuscì a penetrare nel tessuto medioevale? La risposta a questi quesiti è più semplice di quello che ci si potrebbe aspettare; in altre parole, la società altomedioevale, per quanto avanzata potesse considerarsi, sostanzialmente non era ancora pronta ad accogliere quel diritto che racchiudeva le formule di governo dello Stato e le regole fondamentali della convivenza civile. Il corpus juris giustinianeo rimase quindi nell’oblio sino al 1088, data convenziona- le e artificiosa a partire dalla quale gli storici del diritto attribuiscono la nascita di quel periodo definito come “rinascimento giuridico”. Che fine aveva fatto il corpus juris in tutti questi anni? Qualcuno in qualche modo lo riscoprì e lo ricompose in unità organica.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

giurisprudenza
interpretazione
medioevo
moderno
irnerio
digesto
giustiniano
medievale
commento
metodo didattico
glossa
glossatori
corpus iuris
pandacte
scentifico
pillio da medicina
azzone
accursio

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi