Skip to content

L'obbligo di donare: dall'elemosina alla relazione d'aiuto. Operatori e volontari nei servizi per senza dimora a Torino

Informazioni tesi

  Autore: Sara Enrici Vaion
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2010-11
  Università: Università degli Studi di Torino
  Facoltà: Sociologia
  Corso: Sociologia
  Relatore: Antonella Meo
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 285

Il termine “dono” è usato spesso con imbarazzo nelle scienze sociali a causa della sua “opacità” di significato. Si tratta di un concetto ambiguo, spesso associato a sinonimi che, a ben vedere, si sovrappongono solo parzialmente, come donazione, dote, regalo, elargizione, elemosina, presente, offerta, sacrificio (Pavanello, 2008).
Questo lavoro ha, perciò, due obiettivi: il primo è quello di fare chiarezza sul significato sociologico del dono, il secondo è quello di dimostrarne l’applicabilità analitica. Una delle premesse da cui si è partiti è la distinzione tra una definizione morale di dono in termini di “altruismo puro”, inteso come atto disinteressato, gratuito, unilaterale, talvolta persino “sacrificale”, e una definizione sociologica di natura relazionale, in grado di cogliere i meccanismi di reciprocazione e il ruolo che il dono gioca nella creazione e nel rafforzamento dei legami sociali.
Non si intende, dunque, fare del dono una “bandiera ideologica” all’interno delle scienze sociali, né promuovere un’economia alternativa, quanto utilizzare il concetto di dono come chiave di lettura di determinati processi sociali. Infatti, occorre riscontrare – senza farsi spaventare dalle implicazioni di valore – che anche nella nostra società, indicata come capitalistica, individualista e “mercificata”, esistono diversi ambiti della vita sociale, sia nel “tempo libero” che in quello lavorativo, in cui prevalgono la relazione rispetto all’interesse materiale, l’impegno “gratuito” e la condivisione rispetto al guadagno. Osservare questi fenomeni in termini di scambio o unicamente dal lato degli effetti materiali che producono sarebbe riduttivo, ecco perché si è scelto di “mettere alla prova” le teorie del dono, di verificarne la portata euristica nello specifico caso delle relazioni di aiuto che si instaurano tra volontari e operatori che operano nei servizi rivolti a persone “senza dimora”. L’ipotesi teorica è che un’analisi delle relazioni d’aiuto attraverso il “paradigma del dono” permetta, innanzitutto, di far emergere aspetti che normalmente restano in secondo piano, ma che non per questo sono meno rilevanti, e in secondo luogo, di offrire un punto di vista diverso su caratteristiche note. L’attenzione viene posta non tanto sul contenuto materiale della relazione, quanto sui “gesti”, sulle dinamiche relazionali che si sviluppano tra volontari/operatori e utenti. Parlare di dono non implica, lo ripetiamo, connotare in senso moralmente positivo il lavoro di volontari e operatori, né applicare una visione “buonista” alla relazione d’aiuto. Il dono rappresenta qui una strategia interpretativa. Trattandosi di una ricerca di tipo esplorativo, si è ritenuto opportuno utilizzare una metodologia di tipo qualitativo, che fosse in grado di cogliere le narrazioni, l’universo valoriale e le rappresentazioni dei soggetti coinvolti. Sono state, quindi, condotte undici interviste discorsive alle quali è seguito un focus group, il cui scopo principale è stato osservare la formazione (o la ridefinizione) delle opinioni in un contesto collettivo, ridiscutendo anche alcune opinioni emerse durante le interviste. La tesi si struttura in due parti tra loro distinte ma complementari. La prima parte del lavoro è dedicata alla presentazione della “sociologia del dono”. Si tratta di un progetto – forse ambizioso – di sintesi delle principali teorie riguardanti il dono, dai primi studi antropologici sulle economie arcaiche agli studi moderni sulle “economie del dono”. Il rischio di un lavoro di questo tipo potrebbe essere quello di cadere in una sorta di sincretismo teorico, nel quale si mescolano posizioni divergenti e aspetti distinti. La “strategia” utilizzata per ridurre al minimo questo rischio è stata quella di seguire un filo conduttore nelle argomentazioni presentate che risponda a un criterio, a nostro avviso, di coerenza e plausibilità. Nella seconda parte della tesi, in particolare, sono state analizzate le relazioni d’aiuto che hanno luogo nell’ambito della lotta all’esclusione sociale delle persone senza dimora. È stato, in questo lavoro, considerato un solo polo relazionale, ovvero quello degli operatori sociali e dei volontari che operano nei servizi, pubblici e privati, della città di Torino. Da ciò deriva il titolo della tesi “l’obbligo di donare”, ovvero come nasce e come si definisce il dono per coloro che offrono/investono il proprio tempo e le proprie risorse personali (intellettive e affettive) nelle relazioni d’aiuto con il prossimo.
Attraverso il resoconto delle interviste e del focus group, si è cercato di cogliere, innanzitutto, gli aspetti motivazionali e di definizione di sé dei donatori – l’obbligo di donare; in secondo luogo, la definizione dell’altro, ovvero le rappresentazioni sociali dei “poveri” – (portatori dell’) obbligo di ricevere; infine, la percezione della relazione e di eventuali elementi di reciprocità – l’obbligo di ricambiare.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
5 INTRODUZIONE Il termine “dono” è usato spesso con imbarazzo nelle scienze sociali a causa della sua “opacità” di significato. Si tratta di un concetto ambiguo, spesso associato a sinonimi che, a ben vedere, si sovrappongono solo parzialmente, come donazione, dote, regalo, elargizione, elemosina, presente, offerta, sacrificio (Pavanello, 2008). Questo lavoro ha, perciò, due obiettivi: il primo è quello di fare chiarezza sul significato sociologico del dono, il secondo è quello di dimostrarne l’applicabilità analitica. Una delle premesse da cui si è partiti è la distinzione tra una definizione morale di dono in termini di “altruismo puro”, inteso come atto disinteressato, gratuito, unilaterale, talvolta persino “sacrificale”, e una definizione sociologica di natura relazionale, in grado di cogliere i meccanismi di reciprocazione e il ruolo che il dono gioca nella creazione e nel rafforzamento dei legami sociali. Non si intende, dunque, fare del dono una “bandiera ideologica” all’interno delle scienze sociali, né promuovere un’economia alternativa, quanto utilizzare il concetto di dono come chiave di lettura di determinati processi sociali. Infatti, occorre riscontrare – senza farsi spaventare dalle implicazioni di valore – che anche nella nostra società, indicata come capitalistica, individualista e “mercificata”, esistono diversi ambiti della vita sociale, sia nel “tempo libero” che in quello lavorativo, in cui prevalgono la relazione rispetto all’interesse materiale, l’impegno “gratuito” e la condivisione rispetto al guadagno. Osservare questi fenomeni in termini di scambio o unicamente dal lato degli effetti materiali che producono sarebbe riduttivo: Il fatto che chi dona dà a chi riceve implica che chi riceve ha valore per colei/colui che non lascia il suo bisogno senza risposta, non la/lo ignora o non dà il bene a qualcun altro. Questa implicazione di valore può essere rilevato dal donatore, dal ricevente o da chiunque osservi e quindi appare non essere una valutazione soggettiva di nessuno, ma un fatto (Vaughan, 2005). Ecco perché si è scelto di “mettere alla prova” le teorie del dono, di verificarne la portata euristica nello specifico caso delle relazioni di aiuto che si instaurano tra volontari e operatori che operano nei servizi rivolti a persone “senza dimora”. L’ipotesi teorica è che un’analisi delle relazioni d’aiuto attraverso il “paradigma del dono”

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

volontariato
dono
rito
cooperativa sociale
burn-out
associazionismo
relazione d'aiuto
mauss
carità
homeless
homelessness
senza dimora
gratuità
serivizi sociali
bassa soglia
elemosina
regalo

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi