Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'impatto dei Sistemi di Pianificazione e Controllo nelle PMI

Questa tesi analizza i fabbisogni, l'implementazione e gli obiettivi da raggiungere dei sistemi di Pianificazione e Controllo nelle Piccole e Medie Imprese. L'analisi è fatta in maniera graduale, partendo dai basilari fino ad arrivare a quelli leggermente più evoluti, tralasciando volutamente sistemi troppo complessi che possano risultare eccessivi rispetto al contesto. L'analisi è fatta in parallelo con un "caso Pratico", ovvero un'impresa realmente esistente che produce sistemi di sicurezza in una piccola realtà. Verranno analizzate sia la contabilità ordinaria che quella analitica al fine di poter giungere ad una corretta valutazione gestionale

Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione L’Importanza dell’informazione nell’Impresa 1 La citazione “Temet Nosce” (utilizzata alternativamente a “Nosce te ipsum”), traduzione latina di un detto greco significante “Conosci te stesso”, è la frase che, secondo Talete, si ritrovava incisa sulla porta dell’Oracolo di Delfi. Il significato di tale frase era spiegato nel fatto che solo attraverso la vera conoscenza di noi stessi possiamo giungere a una piena conoscenza del mondo. L’uomo, fin dagli albori della filosofia, è stato sempre considerato come “animale razionale”. Ovvero animale in grado di giungere a decisioni, quindi azioni, dettate da ragionamento ponderato. La base di tale ragionamento è un pool di informazioni che gli sono messe a disposizione o che egli stesso ricerca. Così come l’uomo, anche l’Impresa grazie alla conoscenza dei fattori interni può giungere ad un approccio migliore con l’ambiente esterno che la circonda. Così come l’uomo, anche l’impresa (entità formata da uomini) ha bisogno di ponderare le sue decisioni, e quindi le sue azioni, sulla base di informazioni. Tali informazioni devono giungere da un processo complesso al punto giusto per poter fronteggiare le ancor più complesse situazioni che l’ambiente competitivo presenta; l’attività di pianificazione e controllo rappresenta proprio questo supporto alla realizzazione di quello che si chiama “processo decisionale”, ovvero: “attività umane, la cui natura è quella di organizzare l’azione conseguente, predisponendone le diverse caratterizzazioni attese: obiettivi, funzioni, tempi e sequenze, preferenze, priorità, esclusioni, confronti, contestualizzazioni, che concorrono ad esprimere l’impronta dell’intenzionalità all’azione da perseguire” (P.Bastia). A tal punto l’azione si può definire organizzata ed il comportamento è definibile come “razionale”. Il Bilancio d’Esercizio E’ universalmente riconosciuta l’importanza a scopi informativi che assume il Bilancio di Esercizio nella quasi totalità delle imprese. Questo potente mezzo di comunicazione, infatti, riveste oltre che una funzione di rendiconto per gli stakeholders anche una funzione prettamente gestionale e di supporto alle decisioni per una vasta moltitudine di imprese. Tuttavia occorre prestare attenzione a non investire il bilancio di esercizio di una carica forse troppo elevata. L’IMPATTO DEI SISTEMI DI PIANIFICAZIONE E CONTROLLO NELLE PICCOLE IMPRESE PAGINA 1 DI 69 1 P.Bastia - Sistemi di Programmazione e Controllo (2008, Il Mulino)

Laurea liv.I

Facoltà: Economia

Autore: Giovanni D'Amato Contatta »

Composta da 82 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5943 click dal 21/03/2012.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.