Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La crisi finanziaria attuale e le ripercussioni sul nostro Paese

Qesta tesi tratta della nascita, dello sviluppo e dei rimedi possibili dell'attuale crisi finanziaria. Nel primo capitolo, diviso in tre paragrafi, ci soffermeremo a descrivere in generale la nascita e l’insieme degli eventi principali che hanno permesso la diffusione di questa crisi, cosa ha effettivamente provocato nelle economie dei vari Paesi, al di fuori, però, dell’Euroarea, perché quello che riguarda questa zona lo tratteremo con maggiore precisione nei successivi due capitoli. Come abbiamo annunciato, quindi, vedremo i settori che questa crisi ha colpito maggiormente, vale a dire l’occupazione, la domanda, il commercio, gli investimenti, l’attività produttivaecc…, le soluzioni che sono state adottate, le conseguenze a seguito di queste soluzioni, i comportamenti dei vari attori che hanno anche loro promosso il diffondersi di tutto ciò. Nel secondo capitolo, invece, tratteremo gli avvenimenti principali accaduti in Italia, come la crisi è subentrata nella nostra economia, quali settori ha colpito maggiormente e quali stanno resistendo, e soprattutto le decisioni che le banche hanno preso in merito alla suddetta questione; ente che si rivelerà, per il suo ruolo svolto, essenziale e fondamentale. nel terzo e ultimo capitolo capitolo infine, possiamo presentare la situazione italiana e gli squilibri nel nostro Paese prima della crisi, e quindi i fattori che, con l’accentuarsi di quest’ultima, hanno contribuito ancora di più a peggiorare il contesto economico e finanziario nella nostra penisola.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 1. LA CRISI FINANZIARIA ATTUALE: ASPETTI GENERALI 1.1. Introduzione Nella stesura di questo capitolo, diviso in tre paragrafi, ci soffermeremo a descrivere in generale la nascita e l’insieme degli eventi principali che hanno permesso la diffusione di questa crisi, cosa ha effettivamente provocato nelle economie dei vari Paesi, al di fuori, però, dell’Euroarea, perché quello che riguarda questa zona lo tratteremo con maggiore precisione nei successivi due capitoli. Come abbiamo annunciato, quindi, vedremo i settori che questa crisi ha colpito maggiormente, vale a dire l’occupazione, la domanda, il commercio, gli investimenti, l’attività produttiva ecc…, le soluzioni che sono state adottate, le conseguenze a seguito di queste soluzioni, i comportamenti dei vari attori che hanno anche loro promosso il diffondersi di tutto ciò. Eppure sembrava che la situazione, in generale, fino a qualche anno fa, stesse per migliorare: la povertà in alcuni Paesi stava diminuendo, la libertà politica e l’iniziativa individuale si stavano diffondendo in tutti gli angoli della Terra, e tutto stava andando per il verso giusto, il continuo progresso tecnologico che avrebbe permesso uno sviluppo di lungo periodo, e nulla avrebbe fatto presagire il raggiungimento di una situazione simile. E invece non è stato così, adesso infatti ci ritroviamo ad affrontare una nuova crisi, perché non è la prima, forse la più grave da ottant’anni a questa parte, a causa della negligenza e la superficialità di alcune persone, e che consiste in pratica nell’incapacità delle famiglie americane di pagare il loro debito immobiliare. Questa crisi deriva effettivamente dalla crisi dei mutui subprime, e rappresenta una svolta per la nostra cultura ed economia. In sostanza, è l’esplosione di una bolla speculativa sul mercato immobiliare, iniziata nel 2006, e si è diffusa in molti altri Paesi sotto forma di fallimenti finanziari e di una stretta creditizia globale. Molto

Laurea liv.I

Facoltà: Economia

Autore: Gianni Mariantoni Contatta »

Composta da 72 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 10702 click dal 23/03/2012.

 

Consultata integralmente 11 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.