Skip to content

La value relevance delle performance aziendali: il caso del FTSE 100 e FTSE 250

Informazioni tesi

  Autore: Valerio Merlini
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2011-12
  Università: Università degli Studi di Torino
  Facoltà: Economia
  Corso: Business Administration
  Relatore: Alain Devalle
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 105

Questo studio esamina la capacità delle misure di reddito netto e total comprehensive income di fornire informazioni utili al mercato ai fini della determinazione del valore di mercato delle società quotate sul mercato del London Stock Exchange. Le ipotesi vengono testate su un campione di 348 società appartenenti agli indici FTSE 100 e FTSE 250 in un intervallo temporale di tre anni dal 2008 al 2011. L’analisi viene svolta sul campione complessivo, sul campione suddiviso per anni e sulla suddivisione per macro-settori. Il primo risultato ottenuto è che il total comprehensive income risulta in lieve misura più value relevant del reddito netto e che, dal confronto con gli studi precedenti, la value relevance dello stesso è aumentata negli ultimi anni nel mercato di riferimento. Il confronto tra i risultati ottenuti per l’ultimo anno e quelli ottenuti per il 2008 prova inoltre che le recenti decisioni dello IASB, ed in particolare la maggior chiarezza nella separazione del prospetto del comprehensive income dal prospetto di conto economico, hanno condotto verso una maggiore value relevance del total comprehensive income. Dall’analisi delle singole componenti dell’other comprehensive income è emerso inoltre che esse sono nel complesso value relevant, con maggior efficacia predittiva degli utili e perdite derivanti da variazioni di fair value delle attività disponibili per la vendita.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1 Introduzione Prima della fine degli anni ’60 le ricerche in tema di rilevanza dei valori contabili si limitavano ad esporre una serie di argomenti a favore o contro un determinato principio contabile senza apportare prove empiriche a sostegno delle tesi sostenute. Nel 1968 due australiani, Ray Ball e Philip Brown applicarono per la prima volta un metodo tecnico scientifico a questo tipo di studi. Essi furono infatti i primi a raccogliere una grande quantità di dati, formulare delle ipotesi e a verificarne empiricamente la veridicità con l’obiettivo di studiare l’impatto della contabilità finanziaria sulle decisioni degli investitori, in particolare la reazione dei prezzi azionari a seguito dell’”earning announcement” e la capacità degli investitori di prevedere le notizie in base ai valori contabili presentati. Le ipotesi sulle quali era fondato lo studio erano: Gli investitori ritengono rilevante l’utile per azione Gli investitori sono in grado di prevedere l’utile per azione attraverso le informazioni contabili Gli investitori reagiscono agli errori di previsione portando ad una modifica del prezzo dell’azione Lo studio rivelò sorprendentemente che gli investitori avevano predetto l’80% delle notizie prima dell’earning announcement, rivelando un’efficienza così detta “semi- forte” del mercato, non escludendo dunque i fenomeni di insider trading. Il risultato apre le porte all’utilizzo di questa metodologia per tutte le seguenti verifiche sulla relazione tra le rappresentazioni contabili e i valori di mercato in quanto un mercato efficiente prevede che gli operatori siano consapevoli delle scelte effettuate, il che implica che essi sono in grado di valutare coerentemente il valore azionario delle società anche in base ai documenti presentati dalle stesse. Questa metodologia ebbe un gran successo, tanto che venne utilizzata successivamente in numerose ricerche in diversi mercati del mondo. La value relevance divenne dunque una tecnica scientifica riconosciuta a livello internazionale per la verifica della rilevanza dei dati posseduti dagli operatori ai fini

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

performance
value relevance
london stock exchange
ftse 100
comprehensive income
other comprehensive income
disclosure comprehensive income
ftse 250
ias/ifrs
ias 1

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi