Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il sistema di protezione dei minori senza famiglia o con famiglie problematiche in Brasile e alcuni interventi di cooperazione italiani

La tesi è un'analisi della situazione brasiliana dal punto di vista dell'assistenza sociale fornita ai minori e alle loro famiglie.
Vengono analizzati gli interventi e gli strumenti forniti e alcuni interventi specifici in merito alla destituzione della potestà genitoriale e gli altri interventi che da ciò derivano.
Nell'ultimo capitolo vengono esposti alcuni interventi di cooperazione italiani e in particolare l'esperienza di AiBi (Amici dei Bambini).

Mostra/Nascondi contenuto.
3 Introduzione Ho deciso di trattare e analizzare la situazione e il sistema di protezione dei minori in Brasile in seguito ad un’esperienza di stage che mi è stata recentemente offerta. Dopo aver visto, in diverse occasioni, le condizioni di vita di alcuni minori nella città di Salvador a Bahia e in una regione dell’entroterra nello Stato di Minas Gerais ho voluto approfondire a livello teorico ciò che in Brasile viene fatto per i minori, ciò che fanno i professionisti del sociale che si interessino di cooperazione e di adozione internazionale e ciò che si potrebbe fare in futuro per migliorare ulteriormente le cose. Il mio lavoro parte, al capitolo 1, da una breve presentazione del territorio e della storia del Brasile in modo da contestualizzare il paese di cui andrò a parlare e i dati che ho riunito. Al capitolo 2 presento la situazione dei minori in Brasile, presentando dati e statistiche raccolti da grandi centri di ricerca nazionali brasiliani, vengono trattate la mortalità infantile, la situazione sanitaria dei bambini e i tassi d’istruzione. Parlo anche di situazioni specifiche come il lavoro minorile, lo sfruttamento sessuale, le violenze di vario genere che subiscono i minori, l’abbandono e i bambini e gli adolescenti che soffrono di patologie gravi come l’HIV e la disabilità. Nel terzo capitolo descrivo il sistema di assistenza sociale e la normativa che lo regola, concentrandomi su quegli attori sociali che forniscono servizi ed interventi per i minori e le loro famiglie problematiche. Nel quarto capitolo tratto le situazioni specifiche che portano all’allontanamento del minore dalla famiglia, la conseguente destituzione della potestà genitoriale e l’affidamento del minore ad un’altra famiglia o la messa in istituto e/o l’inserimento del minore nella lista per l’adozione. Nel quinto capitolo parlo di ciò che l’Italia ha fatto e sta facendo per il Brasile attraverso i programmi di cooperazione, nel caso specifico, espongo tutti i progetti realizzati e seguiti da AiBi, un Ente autorizzato per le adozioni ma anche una ONG (Organizzazione Non Governativa) che si occupa di cooperazione e di sostegno a distanza, molto attiva in alcune zone del Brasile. Tratto di ciò che ha fatto AiBi perché rappresenta perfettamente il nuovo orientamento che si sta seguendo per quanto riguarda la

Laurea liv.I

Facoltà: Sociologia

Autore: Valentina Maria Cerulle Contatta »

Composta da 73 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 538 click dal 11/04/2012.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.