Skip to content

Benetton e Toscani: quando la pubblicità si veste di provocazione

Informazioni tesi

  Autore: Veronica Leo
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2010-11
  Università: Università degli Studi di Lecce
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Scienze della comunicazione
  Relatore: Stefano Cristante
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 42

La Benetton Group S.p.A., l’azienda italiana più significativa nella storia commerciale a livello mondiale, è entrata velocemente a far parte dell’immaginario contemporaneo grazie allo stile comunicativo adottato nelle sue campagne pubblicitarie, segnando un’epoca o, più precisamente, la svolta tra due epoche. Per diversi anni, quest’importante marchio d’abbigliamento italiano è stato associato a quello di un famoso artista, che ha collaborato con l’azienda nella ricerca di un’identità specifica per il proprio brand. Si tratta del sovversivo fotografo Oliviero Toscani che, con il suo stile rivoluzionario e anticonformista, ha sempre realizzato un tipo di comunicazione fuori dagli schemi, attraverso la scelta di campagne pubblicitarie dal forte impatto sociale.
Nelle sue campagne scompare l’immagine del prodotto aziendale che, anzi, diviene il pretesto per affrontare tematiche di rilevanza sociale e politica, come l’integrazione razziale, l’AIDS, la guerra, la miseria, la morte, realizzando una pubblicità nuova che ha sollevato (e solleva) molte polemiche e che proprio per questo risultato è riuscita a conquistare il riconoscimento di efficace strategia comunicativa. Le campagne Benetton hanno provocato un acceso dibattito pubblico, che ha impegnato giornalisti, scrittori, uomini d’arte e di cultura ma anche gente comune, dividendo questo nutrito gruppo di osservatori sostanzialmente in due fazioni: coloro che vi hanno visto un’interessante originalità e coloro che le hanno considerate espressione di un’esagerata provocazione fine a se stessa.
In alcuni casi, come per l’ultima campagna di Toscani intitolata “Unhate”, alcuni comuni italiani hanno censurato le immagini, vietandone l’affissione per via del loro carattere “blasfemo” nei confronti della Chiesa.
I pregiudizi restano comunque uno dei temi centrali nella ricerca e nell’attività di Toscani. Il grande fotografo ha costruito le sue campagne, ma anche la sua immagine di professionista sopra e fuori le righe, lavorando concettualmente su pregiudizi di ogni genere. Ma questa sua attenzione non può essere spiegata semplicemente ricorrendo ad una preferenza estetica, stilistica o poetica, quanto, piuttosto, all’esigenza di attribuire un carattere politico e, in senso ampio, sociale alle proprie realizzazioni, convinto, com’è sempre stato, che il pregiudizio vada combattuto con la forza dirompente dell’immagine. Al di là dei suoi scopi commerciali, Benetton ha sicuramente raggiunto un elevato grado di notorietà e visibilità in tempi rapidissimi, nonostante abbia alimentato profonde discussioni e polemiche.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
4 INTRODUZIONE Il presente lavoro ha come obiettivo principale quello di analizzare la comunicazione Benetton, entrata velocemente a far parte dell’immaginario contemporaneo grazie allo stile rivoluzionario adottato nei suoi contenuti pubblicitari, e allo shock advertising che ha eliminato, fin dall’inizio, l’immagine del prodotto dalle proprie campagne, facendosi portavoce del diritto di parola per affrontare tematiche di rilevanza sociale. Ho strutturato la tesi in tre capitoli. Nel primo capitolo ho analizzato la comunicazione utilizzata dall’azienda Benetton nelle campagne pubblicitarie dal 1984 al 2000, durante il sodalizio Benetton-Toscani. Inizialmente le campagne di Benetton furono indirizzate a un mondo giovanile spensierato. Negli anni Novanta assunsero invece toni piø accesi e cupi, orientandosi provocatoriamente verso un mondo adulto e cosciente, mostrando immagini di notevole impatto, nate dal sovversivo fotografo Oliviero Toscani, allora direttore creativo della comunicazione aziendale. Con Toscani, e per i diciotto anni della loro collaborazione, ogni campagna pubblicitaria divenne uno shock, uno scandalo, una rivoluzione permanente nel modo di comunicare 1 . Pertanto, nel secondo capitolo, ho focalizzato l’attenzione su Toscani, per meglio capire il suo orizzonte concettuale, giacchØ nelle sue fotografie è impresso il suo modo di pensare e vivere il mondo. Ho ripercorso, anche attraverso il ricorso a testimonianze dirette di Toscani (scritti, interviste e interventi), le campagne piø scioccanti e significative della sua carriera, che hanno provocato reazioni opposte: c’è chi le ha sostenute e apprezzate e chi, invece, con esse ha fortemente polemizzato: «Nella sua rivoluzione, Toscani propone la visione di un mondo in cui il dolore della guerra, della malattia, delle ingiustizie, ha la stessa (o superiore) dignità di una bellezza patinata; un mondo in cui non si nascondono le verità […] ma le si affronta. E se ne prende coscienza» 2 . 1 O. TOSCANI, E. ARGANTE, Creativo Sovversivo, Salerno Editrice, Roma 2008, p. 88. 2 Ivi, p. 8

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

pubblicità
benetton
campagne pubblicitarie
provocazione
toscani
pregiudizi e stereotipi
scandalo benetton

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi