Skip to content

La formazione di base delle professioni della riabilitazione. Un modello di percorso formativo per la crescita delle competenze professionali e relazionali.

Informazioni tesi

  Autore: Maria Ciraso
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2007-08
  Università: Università degli Studi di Messina
  Facoltà: Medicina e Chirurgia
  Corso: Scienze delle Professioni Sanitarie della Riabilitazione
  Relatore: Carlo Salviera
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 149

Al vivace dibattito che si è creato negli ultimi tempi intorno agli Ordinamenti Didattici Universitari e alla riorganizzazione dei Corsi di Laurea, nell'ambito del Corso di Laurea delle Professioni Sanitarie, aggiungerei un ulteriore tema, fondamentale al fine di dare completezza ad un percorso formativo che abilita alla professione di aiuto.
Mi riferisco all’area delle competenze relazionali, poco attenzionate dagli attuali percorsi formativi, ma da implementare se vogliamo formare professionisti in grado di rispondere adeguatamente al bisogno di salute della persona.
Una formazione di base può definirsi completa quando affronta tutti gli aspetti che contribuiscono a definire la “personalità terapeutica” e quando fornisce le abilità per affrontare i problemi di salute della persona in una prospettiva olistica.
Ciò significa pensare alla formazione in una prospettiva di globalità che comprende la crescita personale dello studente attraverso lo sviluppo di abilità comunicative e relazionali. Tale processo deve avvenire necessariamente attraverso sistemi di apprendimento attivo in cui si privilegia il dato esperienziale e in cui lo studente è il protagonista dell’apprendimento.
I profili professionali assegnano ai riabilitatori una complessità di funzioni attraversate da competenze trasversali. Infatti tutti gli interventi visti nell’ottica della complessità, non possono essere basati soltanto su specifiche tecniche o approcci metodologici, ma sono fortemente attraversati e connotati da componenti di tipo relazionale.
È ormai noto che ciò che cura di più è la buona relazione con il proprio paziente. I fattori che definiscono il clima e la qualità della relazione si riferiscono alle modalità di gestire la comunicazione, allo stile personale di relazionarsi con “l’altro”. È l’esserci nella relazione che determina il successo del trattamento e che crea quell’alleanza terapeutica a cui contribuiscono sia l’operatore che il paziente in un dialogo in cui si incontrano due soggettività.
L’operatore che mette in atto una relazione di aiuto deve possedere la consapevolezza del processo, padroneggiando razionalmente “abilità che sono tutt’uno con ciò che si è” (Mucchielli 1983). Sono necessarie delle attitudini e capacità, un saper essere, che ci permettono di intuire il mondo interiore dell’altro.
Alcuni atteggiamenti personali dell'operatore, alcune abilità, rappresentano i presupposti fondanti della relazione di aiuto, cito quelli che secondo l’approccio rogersiano e l’approccio della Psicologia Funzionale sono i più significativi:
1) Capacità di ascolto empatico...
2) Capacità di accoglienza...
3) Accettazione positiva incondizionata...
4) Autenticità/congruenza/genuinità...
5) Conoscenza di sé... Così il corpo dell’operatore diviene strumento diagnostico – e’ un processo di embodiment- ...
Se quello che avviene all’interno della relazione di aiuto è così complesso, allora è necessaria una complessità formativa che non tenga conto solo degli aspetti cognitivi, ma permetta agli studenti di sperimentare gli aspetti psico-corporei, senso-motori e affettivo-emozionali che entrano in gioco nella relazione di aiuto.
Mettersi in gioco all’interno dello spazio laboratoriale significa imparare “sulla propria pelle”, ad osservare se stesso, per attivare quella dimensione di ascolto interno e poter leggere e comprendere il linguaggio del corpo, mediatore della relazione. Le scelte metodologiche per una formazione di questo tipo sono indirizzate verso i linguaggi espressivi, in considerazione del fatto che la relazione si dispiega lungo l’asse della comunicazione corporea, le tecniche utilizzate fanno riferimento alla Danzamovimentoterapia e al quadro teorico della Psicologia Funzionale.
Questo è in sintesi il percorso formativo che da più di un decennio viene proposto agli studenti del Corso di Laurea in Fisioterapia dell’Università di Palermo.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
3 Introduzione Sono passati diversi anni da quando la formazione dei professionisti della riabilitazione è stata trasferita dalle scuole regionali e dai cosiddetti corsi “parauniversitari”, all’ambito universitario vero e proprio, prima con l’istituzione dei Diplomi Universitari (DU) e poi con l’istituzione dei Corsi di Laurea Triennali e Magistrale. Se tutto ciò ha notevolmente migliorato e ampliato la formazione dei riabilitatori, tuttavia non è ancora sufficiente a soddisfare appieno i bisogni formativi degli studenti e i bisogni di salute dei cittadini. In questo processo di cambiamento, a mio avviso, va posta una nuova attenzione all’implementazione delle competenze comunicative e relazionali dei futuri operatori, abilità basate su livelli di rispetto della “persona” e ascolto empatico, elementi essenziali per uno stile relazionale finalizzato ad una migliore qualità della cura. È importante che una buona formazione di base dia agli studenti gli strumenti e le giuste competenze per affrontare i problemi di salute della persona in una prospettiva “olistica” e per lavorare efficacemente all’interno di un’equipe multiprofessionale.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

linguaggio del corpo
riabilitazione
formazione universitaria
corporeità
osservazione
conoscenza di sé
neuroni specchio
relazione di aiuto
danzamovimentoterapia
capacità di accoglienza
competenze relazionali
psicologia funzionale
professioni sanitarie riabilitazione
profilo professionale fisioterapista
ascolto empatico/empatia
università palermo
il corpo nella relazione di aiuto
esperienze basilari del sè
osservazione del sè corporeo
risonanza e rispecchiamento
controtransfert somatico
sentire e percepire
corpo come strumento diagnostico
laban movement analysis

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi