Skip to content

Dimorfismo sessuale e psicopatologia

Informazioni tesi

  Autore: Simona Ciampolini
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2008-09
  Università: Università degli Studi di Firenze
  Facoltà: Psicologia
  Corso: Psicologia
  Relatore: Davide Dèttore
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 232

La parola dimorfismo, di origine greca, significa letteralmente “fenomeno per cui una specie animale o vegetale presenta due tipi di individui con caratteristiche diverse”.
L’unione del nome “dimorfismo“ all’aggettivo “sessuale“ non è da intendersi semplicemente come differenza di aspetto e forma in quelli che sono i caratteri fenotipici primari e secondari che distinguono i sessi.
Il dimorfismo sessuale si apre su un orizzonte riguardante le differenze fra i due sessi ben più articolato e complesso, che comprende l’aspetto cognitivo, il comportamento e la sfera delle emozioni.
Anche l’incidenza di molte psicopatologie presenta notevoli discrepanze fra uomini e donne: questo argomento, che verrà affrontato nella presente tesi, fa riferimento sia all’approccio biologico-deterministico, secondo cui le differenze di genere e il comportamento umano patologico e non patologico, si evolvono partendo da una base genetica innata e immodificabile, sia all’approccio socio-culturale, secondo cui l’influenza dell’ambiente e delle esperienze plasma l’essere umano e ne determina il ruolo maschile / femminile in base a stereotipi e rappresentazioni sociali culturalmente condivise da una stessa società.
Saranno vagliati gli studi principali di entrambi gli orientamenti sopra citati, per offrire una panoramica sull’incidenza di certe psicopatologie, che frequentemente sfavorisce uno dei due sessi piuttosto che l’altro, e sulle cause attribuite a queste discrepanze.
Nel primo verrà presentata una panoramica degli studi e delle teorie scientifiche che sostengono l’ipotesi secondo cui il comportamento degli uomini e delle donne presenta aspetti dimorfici a causa di un determinismo biologico che ha lo scopo di indirizzare i due sessi verso funzioni socialmente diversificate.
Tale determinismo doterebbe, già alla nascita, di strutture biologiche, neurologiche e anatomiche diverse, atte a privilegiare, negli uomini, i comportamenti necessari alla protezione e al sostentamento del nucleo familiare, e, nelle donne, i comportamenti prosociali necessari all’accudimento della prole.
Nel secondo capitolo verranno esposte le teorie socio-culturali, secondo le quali la caratterizzazione sessuale dei comportamenti maschili e femminili subirebbe l’influenza degli stereotipi sociali collegati al genere e culturalmente condivisi.
Secondo quest’ottica, gli stereotipi creerebbero i ruoli di genere, ai quali, il maschio e la femmina, sarebbero chiamati a conformarsi fin dalla nascita, e che li spingerebbe ad adottare i comportamenti che vengono socialmente ritenuti adeguati, in base al genere d’appartenenza.
Gli interrogativi che ci siamo posti, a questo punto, sono stati i seguenti:
1) se la biologia sancisce, alla nascita, il comportamento umano dimorfico non patologico, potrebbero esserci, nelle strutture predeterminate degli uomini e delle donne, anche dei fattori innati che li predispongono a deficit psicologici peculiari del sesso d’appartenenza?
2) Se gli stereotipi e le rappresentazioni sociali costruiscono, diversificandoli, i ruoli di genere, potrebbero esercitare un’influenza tale, da tipizzare anche le psicopatologie, dal momento che i maschi e le femmine mostrano una sorta di vulnerabilità genere-specifica?
Sulla base di tali considerazioni, passeremo in rassegna alcuni comportamenti psicopatologici che presentano dimorfismo sessuale nell’incidenza e/o nelle caratteristiche sintomatologiche, e le spiegazioni che ci forniscono sulle cause della loro eziopatogenesi sia l’ottica biologico-deterministica, sia quella socio-culturale.
Per la classificazione delle psicopatologie verrà fatto riferimento al DSM IV- TR, di cui saranno presi in esame i seguenti disturbi clinici dell’asse I:
• i disturbi dell’umore (cap. 3);
• i disturbi d’ansia (cap. 4);
• l’autismo e la schizofrenia (cap. 5).
La scelta dei disturbi da analizzare è stata operata sulla base delle psicopatologie che presentano incidenza o gravità più accentuate, che siano ubiquitarie, cioè si riscontrino in tutte le società e culture, e che non siano dovute a condizioni mediche generali o a deterioramento cerebrale conseguente a traumi o malattie degenerative.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1 Introduzione La parola dimorfismo, di origine greca, significa letteralmente “fenomeno per cui una specie animale o vegetale presenta due tipi di individui con caratteristiche diverse”. L’unione del nome “dimorfismo“ all’aggettivo “sessuale“ non è da intendersi semplicemente come differenza di aspetto e forma in quelli che sono i caratteri fenotipici primari e secondari che distinguono i sessi. Il dimorfismo sessuale si apre su un orizzonte riguardante le differenze fra i due sessi ben più articolato e complesso, che comprende l’aspetto cognitivo, il comportamento e la sfera delle emozioni. Anche l’incidenza di molte psicopatologie presenta notevoli discrepanze fra uomini e donne: questo argomento, che verrà affrontato nella presente tesi, fa riferimento sia all’approccio biologico-deterministico, secondo cui le differenze di genere e il comportamento umano patologico e non patologico, si evolvono partendo da una base genetica innata e immodificabile, sia all’approccio socio- culturale, secondo cui l’influenza dell’ambiente e delle esperienze plasma l’essere umano e ne determina il ruolo maschile / femminile in base a stereotipi e rappresentazioni sociali culturalmente condivise da una stessa società. Saranno vagliati gli studi principali di entrambi gli orientamenti sopra citati, per offrire una panoramica sull’incidenza di certe psicopatologie, che frequentemente sfavorisce uno dei due sessi piuttosto che l’altro, e sulle cause attribuite a queste discrepanze. Nel primo capitolo verrà presentata una panoramica degli studi e delle teorie scientifiche che sostengono l’ipotesi secondo cui il comportamento degli uomini e delle donne presenta aspetti dimorfici a causa di un determinismo biologico

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

disturbi d'ansia
femminile
maschile
autismo
genere
disturbi dell'umore
schizofrenia
stereotipi di genere
differenze di genere
ruolo di genere
dimorfismo
neuroni a specchio
uomini e autismo
dimorfismo sessuale
psicopatologia e sessualità
uomini e depressione
uomini e ansia
storia del genere femminile
dimorfismo cerebrale
dimorfismo comportamentale
differenze di genere e cervello
donne e ansia
donne e depressione

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi