Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Aspetti giuridici del telelavoro

Negli ultimi anni il telelavoro ha poi subito un tumultuoso evolversi, divenendo un vero e proprio fenomeno sociale su scala mondiale cui, come talvolta accade, il mondo del diritto non ha saputo tener dietro. Oggi siamo di fronte ad un nuovo modo di lavorare che coinvolge milioni di persone in tutto il pianeta, che riguarda rapporti professionali e commerciali transnazionali, che incide non poco sulla vita di chi lo esercita, e pur tuttavia risulta essere regolato da pochissime norme specifiche, da molte norme ad esso applicabili per analogia o ancora, in molti casi, privo di regole.
Questa tesi analizza gli aspetti giuridici del telelavoro: norme nazionali italiane, norme europee. Il telelavoro nel mondo. Telelavoro e pubblica amministrazione.

Mostra/Nascondi contenuto.
CAPITOLO I DEFINIRE IL TELELAVORO. SOMMARIO: - 1. L’origine del fenomeno. – 2. L’origine del termine. – 3. Il Telelavoro nella lingua italiana - 4. Le possibili definizioni. – 5. Telework o Telecommuting? 1.1. L’ORIGINE DEL FENOMENO Sono numerose le fonti bibliografiche che attestano l’evoluzione del telelavoro negli ultimi vent’anni. Più rare ed incerte sono quelle che forniscono informazioni utili sui primi passi di questo fenomeno. Più di cento anni fa Jules Verne descrisse la collaborazione tra un editore di quotidiani di Universal-City ed i suoi giornalisti sparsi per il mondo nell’anno 2890. Essi comunicavano attraverso un apparecchio chiamato “specchio telefonico” (miroir téléphotique) e potevano scambiarsi informazioni scritte. 1 Verne sbagliò solo i tempi, anziché mille anni ne furono sufficienti meno di cento. Tuttavia a metà del secolo scorso il telelavoro venne concepito solo come semplice utopia. La prevista, futura, disponibilità di grandi computer, di terminali e di reti di collegamento condusse alcuni futurologi americani (in particolare Martin, Norman e Webber) ad ipotizzare un futuro in cui fosse possibile lavorare da casa, in cui le megaindustrie avrebbero potuto coesistere con le più antiche industrie casalinghe, nelle quali il computer avrebbe preso il posto del telaio. 2 1 Cfr. VERNE, La journée d’un journaliste américain en 2890, Journal d’Amiens, 1891. 2 Vedasi in: www.geocities.com/ResearchTriangle/Lab/7290/index.html l’interessante rassegna del G.S.T. (Gruppo di Studio sul Telelavoro). 2

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Enrico Maria Ferrero Contatta »

Composta da 499 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1766 click dal 09/05/2012.

 

Consultata integralmente 5 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.