Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Savona Bandengebiet. La rivolta di una provincia ligure (1943-45)

La tesi vuole portare luce su una vicenda resistenziale poco nota, quella della II Zona ligure, comprendente gran parte della provincia di Savona e vari paesi delle Langhe. Il suo obiettivo non è in fondo altro che narrare come durante la guerra civile centinaia di savonesi (e non) si siano schierati e abbiano combattuto senza lasciarsi irretire dalle lusinghe dell'attendismo e del tirare a campare. Ai vivi e ai caduti, il nostro rispettoso omaggio.

Mostra/Nascondi contenuto.
IV INTRODUZIONE La presente tesi si propone di ricostruire gli eventi politico – militari occorsi tra l’estate del 1943 e la primavera del 1945 nel Savonese e più specificamente nel territorio corrispondente, nella suddivisione delle aree operative della Resistenza, alla Seconda Zona Ligure, che comprendeva la provincia di Savona, istituita nel 1927, con l’esclusione dell’Albenganese e dell’alta Val d’Orba e con l’aggiunta, viceversa, di alcuni comuni delle province piemontesi confinanti, in particolare quella di Cuneo. Lo scopo della tesi è di costituire una base di partenza per chiunque voglia occuparsi delle vicende della guerra civile nel Savonese, poco studiate in ambito storiografico, tramite un riesame critico ed approfondito della vulgata consolidatasi nei decenni a riguardo di questa Resistenza locale; un attento e meticoloso studio di quanto è stato scritto in materia ha costituito la base dell’intero lavoro. Partendo da tale assunto chi scrive si è posto il problema di realizzare qualcosa di più di una semplice compilazione; fondamentale è stato, in ogni momento del lavoro, il metodico raffronto tra i testi, i documenti e le testimonianze utilizzati, che ha permesso di venire a capo di incertezze, omissioni ed errori. Le quattro opere di base utilizzate sono state integrate da una serie di testi minori e di raccolte di documenti editi e di testimonianze, che hanno permesso di arricchire e approfondire l’argomento in esame, aggiungendo riferimenti ad eventi taciuti come “scomodi” e chiarendo il quadro complessivo delle vicende narrate. Anche il mutato clima politico degli ultimi dieci anni ha permesso di sfuggire, almeno in parte, al rischio di ricadere in un’ottica di giudizio ormai datata. In particolare è stato riconosciuto e accettato il concetto di “guerra civile” a riguardo del tema trattato, sulla base dell’omonima opera di Claudio Pavone; in definitiva questa tesi non può prescindere da tale paradigma storiografico, trattando di un conflitto sviluppatosi e combattuto in primo luogo tra compatrioti di diversa

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Stefano D'adamo Contatta »

Composta da 407 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1168 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.