Skip to content

Rapporti contrattuali tra imprese e abuso di dipendenza economica

Informazioni tesi

  Autore: Rita Marsico
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2009-10
  Università: Università degli Studi di Napoli - Federico II
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Giuseppe Guizzi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 191

L'oggetto della tesi riguarda l'evoluzione del diritto dei contratti, specie, nel diritto commerciale.

Il presente lavoro esordirà cercando di trarre una definizione sensata, ed un effettivo argomento di specificazione, dei contratti stipulati tra imprese rispetto al contratto formalmente inteso e che si è soliti studiare dai manuali di diritto civile.
In altri termini, verrà effettuato un tentativo di carpire differenze e punti di contatto tra le due categorie di contratti, anche in virtù delle novità legislative emerse, si pensi al contratto di rete di cui alla legge 33/2009, e a dibattiti dottrinali insorti, ad esempio, attorno ai contratti di impresa stipulati con una controparte pubblica.
Terminata la trattazione di carattere generale, il presente lavoro si soffermerà sulla disposizione di cui all’art. 9 l. 192/1998.
Nonostante, la norma sia in vigore da poco più che un decennio, non sono esigue le problematiche createsi attorno alla figura del divieto di abuso di dipendenza economica, influenzate sia dall’approccio di stampo tradizionalista con cui è sempre stata trattata, sia dagli orientamenti di stampo comunitario che hanno contribuito a delinearne la portata normativa.
Infatti, dopo una prima parte di carattere storico-introduttivo, dal secondo capitolo in poi,verranno snodate ed affrontate le singole problematiche che hanno caratterizzato, e forse ancora caratterizzeranno, la figura dell’abuso di dipendenza economica, scoprendo, al termine del lavoro, l’esistenza di un nesso tra le stesse e di un’unica chiave ermeneutica in grado di risolverle.
La prima questione, sia per rilevanza storica e che per la cospicuità della letteratura in merito, riguarda l’ambito di applicabilità della norma di cui all’art. 9 l. subf.
Seguirà, a tal proposito, una rassegna dottrinale e giurisprudenziale, a sostegno sia della tesi che la vede applicabile ai soli contratti di subfornitura, sia a quella opposta, per cui il divieto di abuso di dipendenza economica costituirebbe una clausola generale dell’ordinamento, applicabile, dunque, a qualsiasi contratto tra imprese, confacente al principio di buona fede e, soprattutto, in linea con l’ordinamento nella sua missione di conferire tutela al contraente debole.
Infatti, dopo una breve parentesi che vedrà protagonista un’indagine comparatistica, al fine di valutare la portata della medesima norma in altri ordinamenti giuridici, il lavoro si soffermerà su una tematica che può essere considerata in fieri, vale a dire sulla figura del «terzo contratto».
E’ proprio la nascita e l’affermazione del dibattito creatosi attorno a tale figura di produzione dottrinale a costituire conferma, come si vedrà, dell’ormai pacifica valenza generale dell’ambito di applicabilità del divieto di a.d.e., data l’esigenza del nostro ordinamento di prestare tutela al contraente debole.
Saranno, infatti, messe a confronto le discipline dei contratti con il consumatore e quelli stipulati tra imprese, ma non verrà tralasciata l’importanza ancora meramente didattica e non strumentale della nuova figura.
L’ultima questione, oggetto di dibattiti dottrinali e dispute legislative, concerne il rapporto tra l’abuso di dipendenza economica e l’abuso di posizione dominante, considerate, in principio, impermeabili tra loro, ma, in realtà, strettamente connesse da canoni di buona fede e principi fondamentali, seguendo, come si vedrà, l’orientamento comunitario, gli altri ordinamenti giuridici europei e ponendo, così, tutte le premesse per poter abbandonare qualsiasi dubbio in ordine all’ambito di applicazione dell’art. 9 l. 192/1998, inserito, ormai, in un sistema concorrenziale.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1 Introduzione La legge 18 giugno 1998, n° 192, cd. sulla subfornitura, disciplina, ai sensi dell’art. 9, il divieto di abuso di dipendenza economica. La normativa, oggetto della presente trattazione, si colloca all’interno della categoria dei contratti tra imprese, con ciò inducendo a riflettere sulle più recenti questioni dottrinali e legislative in materia. Il presente lavoro, infatti, esordirà cercando di trarre una definizione sensata, ed un effettivo argomento di specificazione, dei contratti stipulati tra imprese rispetto al contratto formalmente inteso e che si è soliti studiare dai manuali di diritto civile. In altri termini, verrà effettuato un tentativo di carpire differenze e punti di contatto tra le due categorie di contratti, anche in virtù delle novità legislative emerse, si pensi al contratto di rete di cui alla legge 33/2009, e a dibattiti dottrinali insorti, ad esempio, attorno ai contratti di impresa stipulati con una controparte pubblica. Terminata la trattazione di carattere generale, il presente lavoro si soffermerà sulla disposizione di cui all’art. 9 l. 192/1998. Nonostante, la norma sia in vigore da poco più che un decennio, non sono esigue le problematiche createsi attorno alla figura del divieto di abuso di dipendenza economica, influenzate sia dall’ approccio di stampo tradizionalista con cui è

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

contratto di subfornitura
abuso di dipendenza economica
contratti tra imprese
terzo contratto
subfornitura
contratto
business to business
business to consumer
dipendenza economica
tutela dell’imprenditore debole

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi