Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La governance delle società per azioni: una comparazione tra l'Italia e il Regno Unito

Il lavoro che si presenta con questo elaborato è incentrato sull’istituto della governance delle società commerciali, nello specifico con riferimento alle società di capitali, così come sono disciplinate sia nell’ordinamento giuridico italiano che nel Regno Unito. Partendo da un breve excursus sulla nascita dell’istituto, l’analisi seguirà un filo logico che consentirà di approfondire dettagliatamente la questione. Analizzando la disciplina giuridica italiana e concludendo con quella britannica, il lavoro di tesi propone una comparazione tra i due sistemi al fine di individuare le soluzioni più efficaci ed efficienti per una gestione interstatale delle società di capitali.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 Introduzione. Gli anni recenti sono stati caratterizzati da una profonda crisi economico – finanziaria che, partendo dai mercati e dalla cosiddetta “economia finanziaria”, si è propagata ai fenomeni produttivi industriali ed al mercato dei servizi, rendendo necessaria una maggior cooperazione e uniformazione di regole che esplicano tutto il loro effetto sul piano giuridico. Cercando di descrivere in modo esaustivo i sistemi di governance che caratterizzano le società di capitali, è forse possibile ottenere informazioni, che consentano di comprendere meglio il rapporto tra le persone giuridiche e gli altri componenti della società, in primo luogo le persone fisiche, ma anche le altre forme di tipo associativo. Ad oggi, la scienza giuridica fa ancora largo uso di concetti giuridici nati in un contesto sociale molto distante da quello attuale, ma ancora di grande interesse: l'universalità del diritto commerciale, già declamata a metà '800 da Regnaud de Saint Jean D'Angély nei motivi della redazione del nuovo code de commerce, è resa evidente oggi dalla globalizzazione. Non sorprende, quindi, la ormai cristallizzata idea secondo cui il diritto commerciale tenda all’universalità, prescindendo dalla nazionalità. Non si ha la presunzione di affermare che l’uniformazione del diritto derivi unicamente dal diritto commerciale, ma neppure si può sottovalutare che esso ha assunto il ruolo di guida nel promuovere quella unificazione di capitali, mercati e regole che oggi chiamiamo globalizzazione. 1 Proprio la necessità di accomunare il più possibile le regole per gli scambi commerciali, rende più interessante il discorso sulla governance delle società di capitali. Analizzando precipuamente la fase costitutiva delle società per azioni, la forma societaria più utilizzata nell’odierna economia, si deduce come il suddetto istituto sia sorto in risposta all’inefficienza dell’attività commerciale oltre il confine nazionale. Inoltre, valutando i pericoli e/o le opportunità che derivano dal grande processo di informatizzazione delle imprese e della società in generale, risulta più che mai necessario fissare delle regole che garantiscano la corretta 1 Contra si veda il pensiero di Marx, il quale ne Il capitale, riteneva che l’economia fosse la struttura in base alla quale si modellavano gli istituti della società.

Tesi di Laurea Magistrale

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Pierfrancesco Ludovici Contatta »

Composta da 213 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1472 click dal 24/04/2012.

 

Consultata integralmente 8 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.